Salva il suolo: per un’Europa dei beni comuni

Come già ricordato da Francesco Ferrante, negli ultimi 3 anni abbiamo perso 720 km quadrati (la superficie di Milano, Firenze, Bologna, Napoli e Palermo!), il 7,3% del nostro territorio. Ciò nonostante, la legge sul consumo di suolo giace nelle aule parlamentari e difficilmente vedrà la luce prima della fine di questa legislatura.

E allora, in controtendenza rispetto alle suggestioni neonazionaliste che ultimamente serpeggiano lungo tutto l’arco costituzionale, perché non immaginare che il suolo venga riconosciuto come bene comune a livello europeo?

Aderiamo perciò con piacere all’appello di #salvailsuolo, e vi invitiamo a fare lo stesso.

Ci associamo a loro nel chiedere che il suolo venga riconosciuto come un patrimonio comune che necessita di protezione a livello europeo, in quanto garantisce la sicurezza alimentare, la conservazione della biodiversità e la regolazione dei cambiamenti climatici.

Ci associamo a loro nel chiedere un quadro legislativo che tuteli i suoli europei dall’eccessiva cementificazione, dalla contaminazione, dall’erosione, dalla perdita di materia organica e dalla perdita di biodiversità.

Potete leggere l’appello e firmare la petizione qui.

 

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati