Rubare per fame: che cosa ci insegna questa storia

Uno potrebbe essere contento leggendo la sentenza della Cassazione di cui parlano tutti. Potrebbe dire che alla fine c’è una giustizia, che se un senzatetto ruba cibo per 4 euro in un supermercato, ma viene assolto perché il fatto non è reato se costretto dalla fame, il sistema funziona.

E invece no, è proprio qui il problema e non riguarda solo il sistema giudiziario, ma la nostra società.

Il problema è che un cliente ha visto un senzatetto andare alla cassa con un wurstel in tasca e, invece di dire “no dai, te lo pago io”, magari con gli altri clienti presenti, in quattro sarebbe costato un euro a testa, ha avvertito la vigilanza. Il problema è che la direzione del supermercato, avvertita dalla vigilanza, invece di dire “lascia qui il wurstel e vai per la tua strada” (perché non si può dire vai a casa a un homeless) ha sporto denuncia per furto.

Qui la giustizia non ha ancora cominciato a funzionare ma siamo già usciti dai binari della civiltà e della convivenza. Inutile fare paragoni populisti con altre fattispecie ed altri indagati e imputati, e neppure fra le pene (sei mesi di reclusione per un wurstel e due pezzi di formaggio), stando ai crudi fatti va detto che qui la macchina della giustizia è stata implacabile ed inarrestabile.

Nessuna richiesta di archiviazione, e tre gradi di giudizio senza che sia intervenuta alcuna prescrizione. Quindi un avvocato difensore, si presume in gratuito patrocinio, cioè pagato dai contribuenti, un pubblico ministero, almeno tre processi, immagino la direttissima, poi l’appello e infine addirittura la Cassazione. Addirittura la Cassazione.

Per 4 euro, quanto abbiamo speso, in tempo e denaro? Quanti altri fascicoli sono stati ignorati per dedicare l’implacabile macchina della giustizia a questa fattispecie?

Ecco, la vicenda di Genova ci dice che la nostra giustizia penale non funziona per niente. E anche che, a monte, la nostra società non funziona. Perché è vero che non si possono obbligare i clienti e i direttori dei supermercati ad essere ragionevoli e umani (e molti in realtà lo sono), ma deve essere lo Stato a intervenire.

Una società che non garantisce a tutti il livello minimo di sopravvivenza non è una società civile, e forse neanche una società. E dal punto di vista strettamente economico, se proprio vogliamo ragionare anche in questo senso, ci costerebbe molto meno sfamare le persone che processarle perché sono costrette a rubare il cibo. Speriamo serva almeno a capire questo.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati

Leave a comment