Il ROGO DI CENTOCELLE è FIGLIO Della MARGINALITA’ E DI una POLITICA IRRESPONSABILE

accogliamoci

Dichiarazione di Riccardo Magi e di Alessandro Capriccioli, rispettivamente Segretario di Radicali Italiani e di Radicali Roma.

Se il rogo di Centocelle fosse di origine dolosa renderebbe ancora più inaccettabile una realtà dolorosa e quotidiana, che è sotto gli occhi di tutti e che la politica si rifiuta di affonntare da decenni: la marginalità in cui è costretta a vivere la maggior parte delle persone rom, che si ripercuote sull’intera società.
Senza affrontare quel problema, provvedendo a quanto necessario per procedere finalmente a una stagione di inclusione, la situazione che abbiamo davanti agli occhi resterà drammaticamente immutata: comprese le ondate di sdegno popolare, che non di rado vengono alimentate e poi cavalcate per ragioni meschine legate al consenso, e che invece dovrebbero essere ricomposte assumendosi la responsabilità di governare il fenomeno.
Da anni andiamo ripetendo che è ormai ineludibile seguire la strada già intrapresa da altre grandi capitali europee: quella di superare le baraccopoli nelle quali sono costretti i rom attraverso percorsi di inclusione, che consentirebbero di risolvere la questione in modo efficace e razionale, tra l’altro utilizzando i fondi che l’Europa destina a queste attività.
Noi, come Radicali ed insieme ad altre realtà come Associazione 21 Luglio, A Buon Diritto, Arci e Possibile, abbiamo portato in Assemblea Capitolina una delibera di iniziativa popolare che andava proprio in questo senso, la cui discussione è stata temporaneamente rimandata, in attesa che l’Amministrazione provveda, come ci ha promesso, di accoglierne le linee guida nel proprio piano rom.
Ad oggi, tuttavia, rimane un fatto: la responsabilità di quanto accaduto a Centocelle, a prescindere dalla natura del rogo, è di una politica che da sempre si rifiuta di affrontare la questione come dovrebbe: e che poi, quando è troppo tardi, si limita a versare lacrime di coccodrillo sui risultati della propria inerzia.

Attendiamo una risposta dell’amministrazione comunale insieme a tutti i cittadini e alle associazioni che hanno sottoscritto, ormai due anni fa, la delibera di iniziativa popolare perché si metta in atto una strategia per il superamento e la chiusura delle baraccopoli, per un sistema trasparente e finalmente legale di gestione di un fenomeno che in passato ha conosciuto l’interesse di alcuni e l’inerzia di quasi tutti. Facciamolo per quei bambini e per i bambini che vivono in quelle condizioni, perché non sia soltanto una solidarietà parecchio ipocrita e d’occasione, la nostra, ma un intervento finalmente concreto e risolutivo.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Post Correlati