Rimpatri in Sudan: in Belgio traballa il governo, in Italia tutto tace

Nell'agosto del 2016 abbiamo denunciato a più riprese il rimpatrio di cittadini sudanesi verso il Sudan, paese nel quale vige la dittatura di Omar al-Bashir

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Il gover­no del Bel­gio sta affron­tan­do un momen­to di cri­si a cau­sa di quel­lo che vie­ne defi­ni­to uno “scan­da­lo poli­ti­co” che ruo­ta attor­no alla noti­zia secon­do la qua­le alcu­ni cit­ta­di­ni suda­ne­si «sareb­be­ro sta­ti arre­sta­ti e tor­tu­ra­ti al loro arri­vo in Sudan», dove era­no sta­ti rim­pa­tria­ti for­za­ta­men­te dal­le auto­ri­tà bel­ghe in vir­tù di un accor­do del­lo scor­so set­tem­bre sot­to­scrit­to col gover­no afri­ca­no. Le oppo­si­zio­ni e mol­te asso­cia­zio­ni chie­do­no le dimis­sio­ni del «mini­stro per l’Asilo e l’Immigrazione Theo Franc­ken, respon­sa­bi­le dell’accordo con il Sudan per i rim­pa­tri, che appar­tie­ne al par­ti­to di estre­ma destra Allean­za Neo-Fiam­min­ga (N‑VA)».

Se in Bel­gio tra­bal­la un gover­no, in Ita­lia non suc­ce­de nien­te. Nel­l’ago­sto del 2016 abbia­mo denun­cia­to a più ripre­se il rim­pa­trio di cit­ta­di­ni suda­ne­si ver­so il Sudan, pae­se nel qua­le vige la dit­ta­tu­ra di Omar al-Bashir, sul qua­le rica­de un man­da­to d’arresto emes­so nel 2009 dal­la Cor­te pena­le inter­na­zio­na­le per cri­mi­ni di guer­ra e cri­mi­ni con­tro l’umanità per­pe­tra­ti duran­te il con­flit­to nel Dar­fur. Alle nostre denun­ce è segui­ta un’inter­ro­ga­zio­ne par­la­men­ta­re alla qua­le il gover­no si è degna­to di rispon­de­re con paro­le gra­vis­si­me e inde­gne, ma il silen­zio è con­ti­nua­to imper­ter­ri­to. La mat­ti­na del 24 ago­sto, ha scrit­to il sot­to­se­gre­ta­rio Dome­ni­co Man­zio­ne nel­la rispo­sta, «qua­ran­ta­set­te suda­ne­si sono sta­ti accom­pa­gna­ti a bor­do di due pull­man a Tori­no. Qua­ran­ta di essi sono sta­ti por­ta­ti all’ae­ro­por­to» e «imbar­ca­ti sul volo aereo diret­to a Khar­toum […] Gli altri set­te stra­nie­ri sono sta­ti accom­pa­gna­ti pres­so il Cie di quel­la cit­tà, per indi­spo­ni­bi­li­tà di posti sul volo char­ter». Que­sti set­te, pro­ba­bil­men­te con­vin­ti dal­l’a­ver assi­sti­to al rim­pa­trio dei qua­ran­ta con­cit­ta­di­ni, han­no for­ma­liz­za­to richie­sta d’a­si­lo. «Si sog­giun­ge — pro­se­gue Man­zio­ne — che tut­ti e set­te i cit­ta­di­ni suda­ne­si, in tem­pi diver­si, han­no otte­nu­to lo sta­tus di pro­te­zio­ne inter­na­zio­na­le». Ave­te capi­to bene: ai set­te che il gover­no non è riu­sci­to a imbar­ca­re for­za­ta­men­te è sta­ta rico­no­sciu­ta pro­te­zio­ne internazionale.

Il rim­pa­trio sareb­be avve­nu­to, pro­se­gue Man­zio­ne, all’in­ter­no del “pro­ces­so di Khar­toum” e, in par­ti­co­la­re, basan­do­si su un «memo­ran­dum d’in­te­sa tra il dipar­ti­men­to del­la pub­bli­ca sicu­rez­za del Mini­ste­ro del­l’in­ter­no ita­lia­no e la Poli­zia nazio­na­le del Mini­ste­ro del­l’in­ter­no suda­ne­se per la lot­ta alla cri­mi­na­li­tà, gestio­ne del­le fron­tie­re e dei flus­si migra­to­ri ed in mate­ria di rim­pa­trio. […] Il memo­ran­dum d’in­te­sa è, quin­di, uno stru­men­to di natu­ra tec­ni­ca-ope­ra­ti­va, che – come pre­vi­sto nel­l’or­di­na­men­to nazio­na­le – può esse­re sti­pu­la­to ad un livel­lo infra-gover­na­ti­vo, in quan­to non impli­ca scel­te di natu­ra poli­ti­ca, ma si limi­ta a intro­dur­re e disci­pli­na­re misu­re di flui­di­fi­ca­zio­ne di pro­ce­du­re già con­tem­pla­te nel­l’or­di­na­men­to. Qua­si sem­pre, que­sti stru­men­ti pre­ve­do­no ampie con­ces­sio­ni da par­te ita­lia­na di aiu­ti anche in for­ma di assi­sten­za tec­ni­ca, for­ni­tu­re di mez­zi e atti­vi­tà for­ma­ti­va, desti­na­te o spe­ci­fi­ca­men­te mira­te all’a­ge­vo­la­zio­ne dei rim­pa­tri o a una più ampia col­la­bo­ra­zio­ne di poli­zia. Attual­men­te i memo­ran­dum con­clu­si sono undi­ci e sono, inol­tre, in cor­so con­tat­ti per la nego­zia­zio­ne di ana­lo­ghe inte­se con le auto­ri­tà di Ban­gla­desh, Costa D’A­vo­rio, Gha­na, Paki­stan e Senegal».

E’ uti­le cita­re ampi stral­ci del­la rispo­sta all’in­ter­ro­ga­zio­ne per ave­re ben chia­re tut­te le respon­sa­bi­li­tà. In pri­mo luo­go, il dirit­to inter­na­zio­na­le ci impo­ne un asso­lu­to divie­to di respin­ge­re per­so­ne ver­so pae­si nei qua­li rischia­no di subi­re tor­tu­re e trat­ta­men­ti inu­ma­ni e degra­dan­ti. In secon­do luo­go, accor­di che han­no una for­tis­si­ma valen­za poli­ti­ca (dato che riguar­da­no la tute­la dei dirit­ti uma­ni) e che com­por­ta­no impe­gni finan­zia­ri (le «ampie con­ces­sio­ni di aiu­ti») ven­go­no deru­bri­ca­ti ad accor­di tra appa­ra­ti di sicu­rez­za, men­tre la Costi­tu­zio­ne reci­ta che sono le Came­re a dover auto­riz­za­re «la rati­fi­ca dei trat­ta­ti inter­na­zio­na­li che sono di natu­ra poli­ti­ca» o che com­por­ta­no «one­ri alle finan­ze». In ter­zo luo­go, il gover­no ita­lia­no si è dimo­stra­to cam­pio­ne, anco­ra una vol­ta, nel pro­ces­so di ester­na­liz­za­zio­ne del­le fron­tie­re secon­do il più clas­si­co sche­ma sol­di per rifu­gia­ti, di col­la­bo­ra­zio­ne con regi­mi san­gui­na­ri, di vio­la­zio­ni pale­si dei dirit­ti uma­ni.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?