Rimborsi parlamentari: quando il silenzio delle istituzioni genera mostri

Par­tia­mo da una pre­mes­sa: esse­re elet­to mem­bro del Par­la­men­to, depu­ta­to o sena­to­re, è un pri­vi­le­gio e un impe­gno solen­ne nei con­fron­ti dei pro­pri elet­to­ri e di tut­ti i cit­ta­di­ni del Pae­se che si rap­pre­sen­ta. Va rico­no­sciu­to, ed è essen­zia­le far­lo, come mol­tis­si­mi degli elet­ti svol­ga­no il pro­prio com­pi­to con scru­po­lo e respon­sa­bi­li­tà. Il pro­ble­ma però è che il nostro attua­le siste­ma nor­ma­ti­vo non ci met­te al ripa­ro dagli abu­si di quel­la par­te mino­re di “avven­tu­rie­ri” che uti­liz­za in modo distor­to e per­so­na­li­sti­co la cari­ca affi­da­ta­gli e le risor­se, in essa com­pre­se, a loro disposizione.

E’ popu­li­sti­co sicu­ra­men­te sca­gliar­si con­tro le inden­ni­tà rice­vu­te dai par­la­men­ta­ri, mol­ti diri­gen­ti pub­bli­ci gua­da­gna­no deci­sa­men­te di più, con mol­te meno respon­sa­bi­li­tà ed espo­si­zio­ne. Fare poli­ti­ca, far­la bene, ha dei costi, se n’è accor­to anche chi ha lan­cia­to una cro­cia­ta aprio­ri­sti­ca ver­so tale aspet­to, per­den­do poi, con lo svol­ger­si del­la legi­sla­tu­ra, quel “saio mona­ca­le” che bran­di­va e che ha ini­zia­to, quin­di, a star­gli (mol­to) stret­to. La voce che, però, si pre­sta a stru­men­ta­liz­za­zio­ni ed abu­si, spes­so lesi­vi dei dirit­ti altrui, è rap­pre­sen­ta­ta da quei 3690€ al mese per i depu­ta­ti e 4.180 per i sena­to­ri, iden­ti­fi­ca­ti come “rim­bor­si par­la­men­ta­ri per la pro­pria atti­vi­tà poli­ti­ca, com­pren­si­vi del­le spe­se per i collaboratori”.

Fino alla scor­sa legi­sla­tu­ra tale som­ma era com­ple­ta­men­te “libe­ra”, ovve­ro veni­va elar­gi­ta sen­za neces­si­tà di giu­sti­fi­ca­ti­vi. Dal 2013, solo metà di tale som­ma deve esse­re ren­di­con­ta­ta, il resto rima­ne a for­fait. Nel­la par­te “vin­co­la­ta” di tale som­ma, come det­to, spes­so il par­la­men­ta­re fa rien­tra­re i costi dei pro­pri col­la­bo­ra­to­ri par­la­men­ta­ri ma sen­za dover far rife­ri­men­to ad un con­trat­to defi­ni­to e poten­do così con­di­zio­na­re a pro­prio capric­cio com­pen­si, atti­vi­tà e, quin­di, vite di tali pro­fes­sio­ni­sti, lascian­do­li bar­ca­me­na­re fra “nero”, par­ti­te Iva, sta­ge non paga­ti, con­trat­ti di col­la­bo­ra­zio­ne, per i qua­li, ai fini fisca­li, non devo­no dichia­rar­si nem­me­no sosti­tu­ti d’imposta.

Nell’inchiesta de “L’Espresso” del­lo scor­so 24 dicem­bre, “L’onorevole paga il por­ta­bor­se in nero”, tro­via­mo alcu­ni depre­ca­bi­li esem­pi del­le con­se­guen­ze di tale vuo­to nor­ma­ti­vo, come quel­lo di Dome­ni­co Sci­li­po­ti, di recen­te cita­to a giu­di­zio dal suo ex col­la­bo­ra­to­re poi­ché dopo due mesi in nero, anzi­ché con­trat­tua­liz­zar­lo come pro­mes­so, lo avreb­be man­da­to via sen­za nem­me­no dar­gli la som­ma pat­tui­ta. Cau­se simi­li han­no inte­res­sa­to mol­tis­si­mi par­la­men­ta­ri rima­sti nell’ombra, tra quel­li emer­si, L’Espresso ricor­da i casi di Pao­lo Ber­ni­ni, del “mora­liz­za­to­re” Fran­ce­sco Bar­ba­to e di Gabriel­la Carlucci.

Il para­dos­so dell’utilizzo, per­lo­me­no “incon­gruo”, di tali rim­bor­si lo abbia­mo però rag­giun­to, gra­zie al depu­ta­to Mas­si­mo De Rosa che, por­ta­to in cau­sa dal suo col­la­bo­ra­to­re per aver deci­so arbi­tra­ria­men­te e con­tra­ria­men­te a quan­to pre­scrit­to da leg­ge, la riso­lu­zio­ne del suo con­trat­to “a cau­sa del Jobs Act”, inve­ce rego­la­re in quan­to sti­pu­la­to ad ini­zio legi­sla­tu­ra e, quin­di, pre­ce­den­te­men­te all’entrata in vigo­re di tale rifor­ma, ha ammes­so can­di­da­men­te che, arri­va­ti a una con­ci­lia­zio­ne, ha paga­to tale impor­to pro­prio col rim­bor­so spe­se per l’esercizio del man­da­to, ovve­ro sono sta­ti i cit­ta­di­ni ita­lia­ni a paga­re per le sue colpe.

Un aber­ra­zio­ne che segna­la l’estrema urgen­za di rego­la­men­ta­re quan­to pri­ma la com­ple­ta ren­di­con­ta­zio­ne di tali rim­bor­si ma soprat­tut­to la nor­ma­ti­va riguar­dan­te i col­la­bo­ra­to­ri par­la­men­ta­ri, ade­guan­do­la, final­men­te, a quan­to pre­vi­sto per il Par­la­men­to euro­peo il qua­le con­trat­tua­liz­za diret­ta­men­te tali lavo­ra­to­ri, ovvia­men­te indi­ca­ti dai rispet­ti­vi eurodeputati.

Voglia­mo costrui­re un pae­se civi­le e moder­no dove non deb­ba esse­re la “for­tu­na” a con­di­zio­na­re le nostre vite, dove non ci sia più spa­zio per i fur­bi, tan­to­me­no per la bana­li­tà del male, voglia­mo nor­me cer­te e tra­spa­ren­ti, in ogni cam­po, per pri­mo, a mag­gior ragio­ne, in quel­le isti­tu­zio­ni che han­no l’obbligo impe­ra­ti­vo di esse­re d’esempio per l’Italia intera.

Comi­ta­to “I Poe­ti Socia­li” di Roma

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

A Parigi con il Nuovo Fronte Popolare

A Pari­gi si lavo­ra per fini­re le strut­tu­re del­le Olim­pia­di men­tre ini­zia a sen­tir­si il cal­do che pre­oc­cu­pa atle­ti e scien­zia­ti: “Rings of Fire”, si

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui