Riformare la Giustizia, oltre questi venti anni

ITALY MAGISTRATES STRIKEUna rifor­ma del­la giu­sti­zia che vada oltre que­sti ven­ti anni, e che par­ta dal ramo civi­le. E’ que­sta la paro­la d’ordine dei con­tri­bu­ti rice­vu­ti sul tema. “In Ita­lia sof­fria­mo la dura­ta inac­cet­ta­bi­le dei pro­ces­si civi­li — attac­ca Ago­sti­no, del comi­ta­to Roma per Civa­ti -. Se la deci­sio­ne arri­va scan­da­lo­sa­men­te tar­di la tute­la dei dirit­ti è fru­stra­ta e il costo socia­le è enor­me. Ne deri­va­no gra­vi cri­ti­ci­tà per il siste­ma eco­no­mi­co e per lo svi­lup­po del pae­se: meno fidu­cia, meno inve­sti­men­ti, meno meri­to, più fur­bet­ti e fur­bo­ni, più abu­si e spe­cu­la­zio­ni”. Il biso­gno di giu­sti­zia è sta­to fru­stra­to in que­sti ulti­mi anni con misu­re par­zia­li e disin­cen­ti­van­ti: “la stra­da è quel­la di abbat­te­re dra­sti­ca­men­te la dura­ta dei pro­ces­si e del­l’e­se­cu­zio­ne del­le sen­ten­ze, garan­ten­do la tute­la effet­ti­va dei dirit­ti, favo­ren­do riti snel­li e rapi­di, pre­ve­den­do tem­pi stret­ti per la fis­sa­zio­ne del­l’u­dien­za e per la defi­ni­zio­ne del­la lite, ed è per­ciò indi­spen­sa­bi­le rifor­ma­re il pro­ces­so di cogni­zio­ne, lavo­ran­do per­ché cia­scun gra­do non pos­sa dura­re più di sei mesi, un anno nei casi più com­ples­si. ”. Par­ti­re quin­di dal poten­zia­men­to del “pro­ces­so tele­ma­ti­co, cor­ni­ce den­tro la qua­le si devo­no tro­va­re solu­zio­ni dav­ve­ro inno­va­ti­ve ed effi­ca­ci”, men­tre, “nel con­tem­po, si deve rea­liz­za­re un pia­no straor­di­na­rio per l’ab­bat­ti­men­to dei quat­tro milio­ni di pro­ces­si pen­den­ti”.

Anche Mas­si­mi­lia­no da Ales­san­dria sol­le­va que­sto pro­ble­ma, ma sol­le­van­do una spe­ran­za, par­ten­do da una buo­na pra­ti­ca che già fa par­te del nostro siste­ma: “abbia­mo un rito che dimo­stra la pro­pria fun­zio­na­li­tà: il pro­ces­so del lavo­ro. Tale rito deve diven­ta­re il rito del pro­ces­so civi­le, con il ten­ta­ti­vo obbli­ga­to­rio di con­ci­lia­zio­ne alla pri­ma udien­za a sosti­tui­re la media­zio­ne obbli­ga­to­ria. Più liber­tà al giu­di­ce nel for­mu­la­re le doman­de ai testi­mo­ni e più cer­tez­za anche nei tem­pi di reda­zio­ne del­le peri­zie da par­te dei CTU, con san­zio­ni pecu­nia­rie a cari­co dei CTU stes­si in caso di ritardi”.

Tribunale-Milano“La pro­po­sta che dob­bia­mo fare è tan­to sem­pli­ce quan­to radi­ca­le, come lo è tut­ta la nostra mozio­ne”, scri­ve Giam­pao­lo da Par­ma, che guar­da inve­ce all’e­sem­pio tede­sco, “dove il pro­ces­so di pri­mo gra­do dura media­men­te un anno”. Ci vuo­le corag­gio, cer­to, per­ché in Ger­ma­nia, così come in Spa­gna, che pro­prio ispi­ran­do­si al “model­lo tede­sco” ha attua­to una rifor­ma con­se­guen­do buo­ni risul­ta­ti, “il pro­ces­so si con­cen­tra nel­la pri­ma udien­za dove si pre­sen­ta­no i pro­ta­go­ni­sti, tut­ti, e met­to­no sul tavo­lo tut­te le loro car­te: docu­men­ti, testi­mo­ni, tesi giu­ri­di­che. A que­sto pun­to il Giu­di­ce ha in mano il pal­li­no e, se cre­de, deci­de subi­to, oppu­re, al mas­si­mo, fis­sa un’altra udien­za in asso­lu­ta auto­no­mia. Il Giu­di­ce fa quin­di discu­te­re la cau­sa agli avvo­ca­ti che espon­go­no le loro ragio­ni in dirit­to, e entro un ter­mi­ne pre­fis­sa­to emet­te la sen­ten­za”. Ci vuo­le corag­gio, come dice­va­mo, ma final­men­te andre­mo a “incen­ti­va­re e pre­mia­re il pub­bli­co impie­go”, ripo­nen­do “una gran­de fidu­cia nel­la magi­stra­tu­ra, che avreb­be la dire­zio­ne asso­lu­ta del pro­ces­so, ma anche una gran­de fidu­cia nell’avvocatura, che si misu­re­reb­be sul­la capa­ci­tà di con­vin­ce­re i clien­ti a met­ter­si d’accordo. Richie­de­reb­be un sal­to di qua­li­tà, ma nel­lo stes­so tem­po lo offri­reb­be agli uten­ti del ser­vi­zio giustizia”.

Chiu­de Emi­lia­no da Ceci­na sot­to­li­nean­do il dato poli­ti­co di que­sti die­ci anni, fat­ti “di leg­gi ad per­so­nam e di pre­scri­zio­ni bre­vi e pro­ces­si lun­ghi, di Lodi Alfa­no e Lodi Schi­fa­ni per i poten­ti, anzi per un poten­te, e dal­l’al­tra di leg­gi dure e seve­re con le per­so­ne più debo­li, sia­no essi immi­gra­ti o tos­si­co­di­pen­den­ti. Sul ter­re­no del­la giu­sti­zia, per­tan­to, sono rima­ste per lo più mace­rie. Mace­rie di siste­ma, mace­rie cul­tu­ra­li”. Ecco per­ché Emi­lia­no pro­po­ne “un Codi­ce Pena­le mini­mo, dove la san­zio­ne pena­le si con­fi­gu­ri come extre­ma ratio rispet­to  a con­dot­te che vio­la­no la leg­ge nel­l’as­so­lu­ta con­vin­zio­ne che la san­zio­ne pena­le non può esse­re stru­men­to di riso­lu­zio­ne di ogni que­stio­ne socia­le”, e quin­di “l’a­bro­ga­zio­ne del rea­to di immi­gra­zio­ne clan­de­sti­na e del­la Leg­ge Fini-Gio­va­nar­di”, per appro­da­re all’introduzione del “rea­to di tor­tu­ra e di una leg­ge sul­l’o­mo­fo­bia che rispon­da in manie­ra più effi­ca­ce pos­si­bi­le alle discri­mi­na­zio­ni e ai rea­ti com­mes­si  a moti­vo del­l’o­rien­ta­men­to ses­sua­le”. Dall’altro lato, quel­lo dei poten­ti, la “rivi­si­ta­zio­ne dell’ isti­tu­to del­la pre­scri­zio­ne, una leg­ge che intro­du­ca nel­l’or­di­na­men­to rea­to di auto­re­ci­clag­gio e fal­so in bilan­cio”.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Il governo è allergico al dissenso. Ma manifestare è un diritto

In que­sto caso la leg­ge non è “ad per­so­nam” ma let­te­ral­men­te “ad pro­te­stam”: ina­spri­men­to del­le pene per chi vie­ne accu­sa­to di resi­sten­za a un pub­bli­co uffi­cia­le se sta cer­can­do di impe­di­re la rea­liz­za­zio­ne di un’opera pub­bli­ca o di un’infrastruttura strategica.

A Parigi con il Nuovo Fronte Popolare

A Pari­gi si lavo­ra per fini­re le strut­tu­re del­le Olim­pia­di men­tre ini­zia a sen­tir­si il cal­do che pre­oc­cu­pa atle­ti e scien­zia­ti: “Rings of Fire”, si