Riforma della Lirica: l’intero Paese si impoverisce per sempre, pochi ne beneficiano

Con un disegno di legge in discussione in Senato in questi giorni, anche nella lirica come nella sanità o nell’università, lo Stato dice sostanzialmente “non voglio più occuparmene. Se ne occupino i privati”.

In Ita­lia ci sono 14 fon­da­zio­ni liri­che pub­bli­che che gesti­sco­no altret­tan­ti tea­tri cit­ta­di­ni, come ad esem­pio la Sca­la di Mila­no, l’Arena di Vero­na, la Feni­ce di Vene­zia, l’Opera di Roma, il Mas­si­mo di Palermo.

Un tea­tro liri­co è un’‘azienda’ che ha media­men­te tra 200 e 300 tra can­tan­ti, musi­ci­sti, dan­za­to­ri, tec­ni­ci, costrut­to­ri di sce­no­gra­fie, costu­mi­sti, e natu­ral­men­te ammi­ni­stra­ti­vi.

Tut­te insie­me le 14 fon­da­zio­ni costi­tui­sco­no un ‘set­to­re indu­stria­le’ nazio­na­le che —oltre alla sua dimen­sio­ne cul­tu­ra­le— fab­bri­ca spet­ta­co­li di ope­ra liri­ca, dan­za e con­cer­ti. Si trat­ta di una del­le cose che ‘ven­dia­mo’ nel mon­do e che atti­ra­no turi­smo di qua­li­tà in Italia.

Con un dise­gno di leg­ge in discus­sio­ne in Sena­to in que­sti gior­ni (non chie­de­te­ci per­ché d’agosto), anche nel­la liri­ca come nel­la sani­tà o nell’università, lo Sta­to dice sostan­zial­men­te “non voglio più occu­par­me­ne. Se ne occu­pi­no i privati”. 

Non si par­la aper­ta­men­te di pri­va­tiz­za­zio­ne. Ma le infra­strut­tu­re pub­bli­che che costi­tui­sco­no la spi­na dor­sa­le del Pae­se ven­go­no svuo­ta­te sino a ren­der­le inser­vi­bi­li. Sino a ren­de­re “sen­sa­ta” per tut­ti la loro privatizzazione.

Anche nel dise­gno di leg­ge sul­le fon­da­zio­ni liri­che il man­tra del “pareg­gio di bilan­cio” vie­ne uti­liz­za­to per rinun­cia­re a finan­zia­re un’infrastruttura stra­te­gi­ca del Pae­se come le fon­da­zio­ni liri­che, e poten­zial­men­te per cede­re a sog­get­ti pri­va­ti, anche este­ri, tea­tri e monu­men­ti che appar­ten­go­no alla sto­ria del­le nostre città.

Ma in que­sto modo l’Italia per­de un inte­ro set­to­re, quel­lo del­la liri­ca e del­la dan­za, come ha fat­to in pas­sa­to per l’informatica, la far­ma­ceu­ti­ca, l’ae­ro­nau­ti­ca. L’intero Pae­se si impo­ve­ri­sce per sem­pre, pochi ne beneficiano.

Si trat­ta di un impo­ve­ri­men­to che col­pi­sce non solo chi si occu­pa di cul­tu­ra in Ita­lia, ma l’intero set­to­re turi­sti­co, e a casca­ta tut­ti colo­ro che ven­do­no “made in Ita­ly” nel mondo.

L’argomento del “pareg­gio di bilan­cio” non deve esse­re usa­to come foglia di fico per cede­re a sin­go­li pri­va­ti gli asset stra­te­gi­ci e le infra­strut­tu­re che ser­vo­no per con­sen­ti­re all’intero Pae­se di gene­ra­re ric­chez­za e benes­se­re. A mag­gior ragio­ne quan­do que­sti asset defi­ni­sco­no la nostra iden­ti­tà cul­tu­ra­le.

Rega­la­re tut­ti i pez­zi più pre­gia­ti del nostro siste­ma pro­dut­ti­vo (che maga­ri sono anche dei mono­po­li natu­ra­li) a sin­go­li pri­va­ti non è una poli­ti­ca indu­stria­le: è un sui­ci­dio col­let­ti­vo del Pae­se.

Il dise­gno di leg­ge di rifor­ma del­la liri­ca in discus­sio­ne al Sena­to ha lo stes­so sen­so di dire alla Fon­ta­na di Tre­vi “se non sei in gra­do di pagar­ti l’acqua e le spe­se di manu­ten­zio­ne da sola ti demo­li­sco e ci fac­cio un par­cheg­gio”. Signi­fi­ca non capi­re che finan­zia­re la liri­ca ita­lia­na (e il man­te­ni­men­to del patri­mo­nio cul­tu­ra­le in gene­ra­le) è come com­pe­ra­re spa­zi pub­bli­ci­ta­ri sui gior­na­li di mez­zo mon­do per pro­muo­ve­re l’Italia e atti­rar­ci turi­sti. Solo che fun­zio­na di più.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?