Ribelliamoci al fango, diciamo anche noi #AdessoBasta

Da gior­ni ci pen­so con inten­si­tà crescente.
Pen­so agli insul­ti ses­si­sti e igno­bi­li che arri­va­no pun­tua­li ad aggre­di­re “la per­so­na” e “l’in­ti­mi­tà” inve­ce che “l’o­pe­ra­to” del­le don­ne (in par­ti­co­la­re, ma non solo), che sia­no in poli­ti­ca o al timo­ne di altri tipi di istituzione/associazione, oppu­re che sia­no, per qua­lun­que moti­vo, espo­ste o in posi­zio­ne di responsabilità.
Ho riflet­tu­to sul­la que­stio­ne ancor più del soli­to (e dire che non ci pen­so mai poco!) a par­ti­re da due ele­men­ti “vici­ni”:
- Un post di una splen­di­da atti­vi­sta e com­pa­gna di stra­da come Mar­ta Ecca, che ha il pre­gio di mostra­re con corag­gio il dolo­re fisi­co che si pro­va nel­l’es­se­re ber­sa­glio di igno­bi­li aguz­zi­ni da tastiera.
- Un pez­zo luci­dis­si­mo di Giu­lia Sivie­ro, scrit­to a segui­to di un epi­so­dio di ciber-bul­li­smo ai dan­ni di Bea­tri­ce Bri­gno­ne, che si era per­mes­sa (oltrag­gio!!!) di segna­la­re com­por­ta­men­ti bas­si e inac­cet­ta­bi­li, in par­ti­co­la­re per­ché pro­ve­nien­ti da un rap­pre­sen­tan­te del­le istituzioni.
Ho poi fat­to “l’er­ro­re”, pro­prio un paio di gior­ni fa, di met­te­re “#Bol­dri­ni” come chia­ve di ricer­ca su Twit­ter, per ritro­var­mi immer­sa in una valan­ga di odio, ran­co­re, vio­len­za impen­sa­bi­le e dolo­ro­sa ai dan­ni del­la Pre­si­den­te del­la Came­ra, che sem­bra esse­re diven­ta­ta una sor­ta di para­ful­mi­ne che atti­ra su di sé una quan­ti­tà di odio, calun­nie, insul­ti e vio­len­za inim­ma­gi­na­bi­li, ber­sa­glio di una pato­lo­gi­ca osses­sio­ne del­la peg­gio­re fec­cia cir­co­lan­te su web (isti­ga­ta a dove­re, peral­tro. A par­ti­re, ad esem­pio, da un disgu­sto­so post di Bep­pe Gril­lo).
È come se un pez­zo del­la nostra socie­tà aves­se deci­so che una don­na auto­re­vo­le, corag­gio­sa e deter­mi­na­ta, non dispo­sta a faci­li ammic­ca­men­ti e fri­vo­lez­ze, non abbia dirit­to di esi­ste­re sul­la sce­na pub­bli­ca e vada, per­tan­to, let­te­ral­men­te annien­ta­ta con tut­ti i mez­zi possibili.
Non se ne attac­ca­no le scel­te poli­ti­che, non si entra pra­ti­ca­men­te mai nel meri­to del­le azio­ni o non azio­ni. La mag­gior par­te del fan­go è fat­to pura­men­te e atro­ce­men­te di odio per­so­na­le, di inti­mi­da­zio­ni, di minac­ce.
Chi smi­nui­sce, deri­de o pro­va a ripor­ta­re il tut­to alla mera dia­let­ti­ca poli­ti­ca (come se fos­se leci­to arri­va­re ad infran­ge­re la leg­ge per espri­me­re una pro­pria opi­nio­ne), sba­glia due vol­te per­ché, oltre ad ave­re gli occhi fode­ra­ti di ses­si­smo, non coglie l’im­por­tan­za innan­zi­tut­to socia­le del­la bat­ta­glia che la Pre­si­den­te Bol­dri­ni ha deci­so, con corag­gio, di por­ta­re avanti:
una goc­cia di que­sto fan­go può distrug­ge­re un/una pre­a­do­le­scen­te, rovi­na­re la vita di un esse­re uma­no per sem­pre (come dimo­stra­no anche ter­ri­bi­li fat­ti di cro­na­ca, cul­mi­na­ti nel suicidio);
una goc­cia di que­sto fan­go dopo l’al­tra costrui­sce una socie­tà in cui se è leci­to dire, se è leci­to augu­ra­re, in un atti­mo diven­ta leci­to giu­sti­fi­ca­re, e il gior­no dopo fare;
una piog­gia di que­sto fan­go nutre la par­te peg­gio­re del­l’u­ma­ni­tà, quel­la capa­ce (ce lo dice la sto­ria anti­ca, come quel­la con­tem­po­ra­nea) del­le peg­gio­ri nefan­dez­ze; quel­la stes­sa par­te che, se libe­ra­ta, poi non si arre­sta più.
Per que­sto non pos­sia­mo che rilan­cia­re la pro­po­sta odier­na di Lau­ra Bol­dri­ni, per que­sto Pos­si­bi­le si è mes­so a dispo­si­zio­ne di chi aves­se neces­si­tà di sup­por­to lega­le per ribel­lar­si al fan­go, per tene­re la testa alta con­tro l’o­dio e le inti­mi­da­zio­ni, per que­sto dicia­mo anche noi: #Ades­so­Ba­sta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

L’unica soluzione possibile è ampliare gli organici, di giudici e cancellieri, senza toppe messe male come gli assistenti mal pagati dell’Ufficio del Giudice oppure il ricorso sistematico a magistrati precari, che hanno funzioni e doveri uguali ai togati, eccetto che per compensi e diritti.
Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.