Riace: la nostra presenza per sostenere l’Italia accogliente e solidale

Torneremo a Riace settimana prossima e, insieme a tanti attivisti che si sono mobilitati negli scorsi giorni, difenderemo ancora l'idea di un'Italia e di un'Europa accogliente, solidale, madrina dei diritti umani. Sarà solo la prima tappa di un nuovo tour di questa Italia, un'Italia felice. Seguiteci.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]A Ria­ce, il bor­go cala­bre­se sim­bo­lo del­l’ac­co­glien­za e del­l’in­te­gra­zio­ne, apri­rà una sede del­la Lega, che sta inve­sten­do mol­to sul­la pro­pa­gan­da con­tro l’ac­co­glien­za del comu­ne cala­bre­se. Sal­vi­ni stes­so ha ingag­gia­to una lot­ta a distan­za con il sin­da­co Mim­mo Luca­no: «tor­ne­rò in Cala­bria a incon­tra­re tut­ti quei sin­da­ci che si occu­pa­no degli ita­lia­ni, dei cala­bre­si, e non del busi­ness del­l’im­mi­gra­zio­ne. Anche a Ria­ce? Sì, ma con un altro sin­da­co».

Se da un lato fa impres­sio­ne il cor­po a cor­po isti­tu­zio­na­le, dal­l’al­tro lato fa impres­sio­ne il pla­tea­le sfog­gio di disprez­zo e igno­ran­za. Qua­si come se, veden­do con i pro­pri occhi e toc­can­do con le pro­prie mani uno degli esem­pi con­cre­ti del­l’ac­co­glien­za, si temes­se di far crol­la­re tut­to il castel­lo di fal­se noti­zie e infon­da­te pau­re su cui si costrui­sce il con­sen­so di Sal­vi­ni.

Quel­lo che Sal­vi­ni chia­ma “busi­ness del­l’im­mi­gra­zio­ne” ha per­mes­so, in tan­ti bor­ghi come Ria­ce e in luo­ghi peri­fe­ri­ci del­la nostra peni­so­la, di fare gli inte­res­si di ita­lia­ni e stra­nie­ri assie­me, costruen­do nuo­ve comu­ni­tà che ripo­po­la­no i cen­tri sto­ri­ci, ria­pren­do gli asi­li nido, scon­giu­ran­do la chiu­su­ra del­le scuo­le, crean­do posti di lavo­ro qua­li­fi­ca­ti. Comu­ni­tà che gene­ra­no auto­ma­ti­ca­men­te sicu­rez­za (paro­la tan­to cara al mini­stro) e coe­sio­ne. I famo­si 35 euro, come ben sap­pia­mo, fini­sco­no qua­si tut­ti nel­le tasche degli ita­lia­ni: la sola dif­fe­ren­za sta tra lo spen­der­li mol­to bene e lo spen­der­li mol­to male.

In que­sto sen­so Ria­ce è un model­lo uni­co, un pun­to di rife­ri­men­to dif­fi­cil­men­te repli­ca­bi­le, ma sicu­ra­men­te da guar­da­re e stu­dia­re. Un model­lo tenu­to in scac­co dal bloc­co del­l’e­ro­ga­zio­ne dei fon­di sta­ta­li desti­na­ti all’ac­co­glien­za, che pro­prio in que­ste ore — dopo mesi — sem­bra pos­sa esser­si concluso.

C’è chi que­sto model­lo lo vuo­le affos­sa­re con tut­te le sue for­ze, insi­nuan­do il dub­bio del malaf­fa­re, facen­do la soli­ta pro­pa­gan­da, bloc­can­do i fondi.

Tor­ne­re­mo a Ria­ce set­ti­ma­na pros­si­ma e, insie­me a tan­ti atti­vi­sti che si sono mobi­li­ta­ti negli scor­si gior­ni, difen­de­re­mo anco­ra l’i­dea di un’I­ta­lia e di un’Eu­ro­pa acco­glien­te, soli­da­le, madri­na dei dirit­ti uma­ni. Sarà solo la pri­ma tap­pa di un nuo­vo tour di que­sta Ita­lia, un’I­ta­lia feli­ce. Segui­te­ci.

Giu­sep­pe Civati

Ste­fa­no Cato­ne[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

L’unica soluzione possibile è ampliare gli organici, di giudici e cancellieri, senza toppe messe male come gli assistenti mal pagati dell’Ufficio del Giudice oppure il ricorso sistematico a magistrati precari, che hanno funzioni e doveri uguali ai togati, eccetto che per compensi e diritti.
Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.