Riace: la nostra presenza per sostenere l’Italia accogliente e solidale

Torneremo a Riace settimana prossima e, insieme a tanti attivisti che si sono mobilitati negli scorsi giorni, difenderemo ancora l'idea di un'Italia e di un'Europa accogliente, solidale, madrina dei diritti umani. Sarà solo la prima tappa di un nuovo tour di questa Italia, un'Italia felice. Seguiteci.
#

A Riace, il borgo calabrese simbolo dell’accoglienza e dell’integrazione, aprirà una sede della Lega, che sta investendo molto sulla propaganda contro l’accoglienza del comune calabrese. Salvini stesso ha ingaggiato una lotta a distanza con il sindaco Mimmo Lucano: «tornerò in Calabria a incontrare tutti quei sindaci che si occupano degli italiani, dei calabresi, e non del business dell’immigrazione. Anche a Riace? Sì, ma con un altro sindaco».

Se da un lato fa impressione il corpo a corpo istituzionale, dall’altro lato fa impressione il plateale sfoggio di disprezzo e ignoranza. Quasi come se, vedendo con i propri occhi e toccando con le proprie mani uno degli esempi concreti dell’accoglienza, si temesse di far crollare tutto il castello di false notizie e infondate paure su cui si costruisce il consenso di Salvini.

Quello che Salvini chiama “business dell’immigrazione” ha permesso, in tanti borghi come Riace e in luoghi periferici della nostra penisola, di fare gli interessi di italiani e stranieri assieme, costruendo nuove comunità che ripopolano i centri storici, riaprendo gli asili nido, scongiurando la chiusura delle scuole, creando posti di lavoro qualificati. Comunità che generano automaticamente sicurezza (parola tanto cara al ministro) e coesione. I famosi 35 euro, come ben sappiamo, finiscono quasi tutti nelle tasche degli italiani: la sola differenza sta tra lo spenderli molto bene e lo spenderli molto male.

In questo senso Riace è un modello unico, un punto di riferimento difficilmente replicabile, ma sicuramente da guardare e studiare. Un modello tenuto in scacco dal blocco dell’erogazione dei fondi statali destinati all’accoglienza, che proprio in queste ore – dopo mesi – sembra possa essersi concluso.

C’è chi questo modello lo vuole affossare con tutte le sue forze, insinuando il dubbio del malaffare, facendo la solita propaganda, bloccando i fondi.

Torneremo a Riace settimana prossima e, insieme a tanti attivisti che si sono mobilitati negli scorsi giorni, difenderemo ancora l’idea di un’Italia e di un’Europa accogliente, solidale, madrina dei diritti umani. Sarà solo la prima tappa di un nuovo tour di questa Italia, un’Italia felice. Seguiteci.

Giuseppe Civati

Stefano Catone

  • 606
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati