Retribuzioni parlamentari: la verità sul versamento al Partito

Giu­sto qual­che gior­no fa, su que­ste pagi­ne, vi spie­ga­vo che una par­te con­si­sten­te del­la retri­bu­zio­ne dei par­la­men­ta­ri potreb­be esse­re taglia­ta già domat­ti­na: trat­ta­si del­le quo­te che la mag­gio­ran­za degli elet­ti ver­sa al pro­prio par­ti­to e che — guar­da caso — coin­ci­do­no con le som­me che depu­ta­ti e sena­to­ri del Movi­men­to 5 Stel­le rie­sco­no a devol­ve­re al Fon­do di Garan­zia del Mini­ste­ro del­lo Svi­lup­po Eco­no­mi­co. In sostan­za, la fet­ta che costi­tui­sce la par­te ridu­ci­bi­le del­le inden­ni­tà par­la­men­ta­ri è simi­le per tut­ti e, per tale ragio­ne, nes­su­no vedreb­be com­pro­mes­so né il teno­re di vita, né l’at­ti­vi­tà poli­ti­ca qua­lo­ra si prov­ve­des­se al taglio pro­spet­ta­to. In paro­le pove­re: una par­te del­le retri­bu­zio­ne del par­la­men­ta­re (pari cir­ca ad un ter­zo del tota­le) già ora non retri­bui­sce il par­la­men­ta­re ma fini­sce altro­ve: nel­le cas­se del par­ti­to, nel­le cas­se di un Fon­do di garan­zia. Tan­to vale tagliarla.

Un arti­co­lo de Il Fat­to Quo­ti­dia­no, a fir­ma di Lui­gi Fran­co e pub­bli­ca­to dome­ni­ca scor­sa, sug­ge­ri­sce, median­te un tito­lo un po’ for­za­to, che gli elet­ti del Par­ti­to Demo­cra­ti­co non ver­si­no affat­to la sud­det­ta quo­ta — indi­vi­dua­ta in una rata men­si­le di 1,500 euro — e che, così facen­do, abbia­no cau­sa­to un buco da 600,000 euro. Il pez­zo si apre con le paro­le del­l’ex teso­rie­re del Pd, Anto­nio Misia­ni, il qua­le ha rispo­sto laco­ni­co alla doman­da del gior­na­li­sta: “qual­che par­la­men­ta­re non ha paga­to”, “abbia­mo pre­vi­sto dei pia­ni di rien­tro per fine legi­sla­tu­ra”. La legi­sla­tu­ra, infat­ti, non è quel­la attua­le, ma la scor­sa, la nume­ro XVI. I nume­ri scio­ri­na­ti da Fran­co sono deri­va­ti dal Bilan­cio con­sun­ti­vo 2012 del Par­ti­to Demo­cra­ti­co, che vi invi­to a leg­ge­re, essen­do pub­bli­co per inte­ro. In esso sono con­te­nu­ti i nomi di tut­ti i depu­ta­ti e di tut­ti i sena­to­ri con l’im­por­to esat­to dei loro ver­sa­men­ti. Dav­ve­ro i par­la­men­ta­ri del­la XVI Legi­sla­tu­ra sono ‘moro­si’ nei con­fron­ti del pro­prio stes­so partito?

Il gior­na­li­sta non si cimen­ta in nes­su­na valu­ta­zio­ne, ma l’e­qua­zio­ne vie­ne imme­dia­ta fra i com­men­ta­to­ri: quel­li del Pd dico­no di non poter­si dimez­za­re lo sti­pen­dio — come fan­no i 5 Stel­le — per­ché ver­sa­no una quo­ta al par­ti­to: se non lo fan­no, allo­ra men­to­no (e men­to­no per­ché voglio­no tener­si il mal­tol­to). L’u­ni­ca evi­den­za for­ni­ta dal gior­na­li­sta è il rife­ri­men­to al Bilan­cio 2012, nul­l’al­tro. Scri­ve che i 320 par­la­men­ta­ri del 2012 dove­va­no cir­ca 5,4 milio­ni di euro al par­ti­to, secon­do Sta­tu­to: ne han­no ver­sa­ti, come uffi­cial­men­te dichia­ra­to dal Pd, poco più di 4,8 milio­ni. Ergo, l’amman­co tota­le per il 2012 è di 600,000 euro.

Da ciò risul­ta evi­den­te che la quo­ta non ver­sa­ta sia cir­ca l’11%, aspet­to già suf­fi­cien­te a far­ci dire che la pro­po­si­zio­ne “quel­li del Pd non ver­sa­no la quo­ta” non sia vera. Posto che la rata men­si­le, come rile­va­to dal­lo stes­so auto­re del­l’ar­ti­co­lo, sia di 1,500 euro, men­tre quel­la annua­le è pari a 18,000 euro, il tota­le tor­na alla vir­go­la con quan­to scrit­to da Il Fat­to. Ma, non con­vin­to, ho così ten­ta­to un’a­na­li­si dei dati pub­bli­ca­ti nel bilan­cio per quan­to con­cer­ne i ver­sa­men­ti effet­ti­vi ero­ga­ti dai depu­ta­ti del Pd nel 2012. Que­sto il risultato:

No. Rate Rate non pagate Ver­sa­men­to annuale No. depu­ta­ti %
+100% - >18100 16 9,4%
100% 0 18000 131 76,6%
92% 1 16500 10 5,8%
83% 2 15000 2 1,2%
75% 3 13500 2 1,2%
67% 4 12000 3 1,8%
58% 5 10500 1 0,6%
50% 6 9000 1 0,6%
42% 7 7500 4 2,3%
33% 8 6000 1 0,6%
25% 9 4500 0 0,0%
17% 10 3000 0 0,0%

La noti­zia vera è che l’86% dei depu­ta­ti del Pd, nel­la XVI Legi­sla­tu­ra, ha ver­sa­to il 100% e più del­la quo­ta annua­le; che in die­ci han­no man­ca­to una sola rata (insie­me ai miglio­ri fan­no il 92%); che il 3,5% dei depu­ta­ti del Pd, ovve­ro 6 depu­ta­ti, ha ver­sa­to meno del­la metà del­la quo­ta. Va da sé che in 16 han­no ver­sa­no più di 18,000 euro, for­se a com­pen­sa­zio­ne di rate non ver­sa­te precedentemente.

Quin­di, atten­zio­ne alle ana­li­si affret­ta­te e ai tito­li sibil­li­ni. I ver­sa­men­ti, a par­te una fascia resi­dua­le, sono sta­ti fat­ti. E l’a­na­li­si di cui dice­va­mo nei gior­ni scor­si cir­ca la ridu­ci­bi­li­tà del­la retri­bu­zio­ne andan­do a col­pi­re que­ste voci di spe­sa, rima­ne inal­te­ra­ta e comun­que vera.

Per­tan­to, riba­den­do il con­cet­to, il dimez­za­men­to ope­ra­to dal Movi­men­to 5 Stel­le in real­tà pesa per la mede­si­ma quo­ta che gli elet­ti del Pd ver­sa­no al par­ti­to. Che, in media, la dif­fe­ren­za fra la retri­bu­zio­ne net­ta di un par­la­men­ta­re Pd e uno del 5S è pari all’1,7%, e per tale ragio­ne si può ben dire che gua­da­gni­no le mede­si­me cifre (i ven­ti­mi­la euro sono dav­ve­ro sot­to i mari). Che è di 3,000 euro il taglio sul­l’in­den­ni­tà net­ta attua­bi­le già domani.

Sche­ma­tiz­zan­do:

infog_resa-konti

 

 

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?