Referendum sul lavoro: quanto è a rischio l’ammissibilità?

I riflettori sono puntati soprattutto sul primo quesito, quello politicamente più delicato, in quanto relativo all’articolo 18, per anni nel merino della destra e poi colpito da un governo guidato dal segretario del Pd.

Ci sia­mo: a bre­ve (doma­ni, mer­co­le­dì) sapre­mo l’esito del giu­di­zio del­la Cor­te costi­tu­zio­na­le in meri­to all’ammissibilità dei refe­ren­dum pre­sen­ta­ti dal­la CGIL sul­la disci­pli­na dei licen­zia­men­ti, dei vou­cher e del­la respon­sa­bi­li­tà soli­da­le in mate­ria di appalti.

I riflet­to­ri sono pun­ta­ti soprat­tut­to sul pri­mo que­si­to, quel­lo poli­ti­ca­men­te più deli­ca­to, in quan­to rela­ti­vo all’articolo 18, per anni nel miri­no del­la destra e poi col­pi­to da un gover­no gui­da­to dal segre­ta­rio del Pd.

Il pro­ble­ma è che, men­tre il refe­ren­dum pro­po­sto da Pos­si­bi­le nel 2015 era con­cen­tra­to nel col­pi­re le modi­fi­che appor­ta­te dal Jobs Act, assi­cu­ran­do l’omo­ge­nei­tà del que­si­to, la assen­za di mani­po­la­ti­vi­tà e pure una nor­ma­ti­va resi­dua diret­ta­men­te appli­ca­bi­le (natu­ral­men­te più garan­ti­sta di quel­la vigen­te), quel­lo pro­po­sto dal­la CGIL quest’anno inten­de col­pi­re anche altre nor­me dell’articolo 18 (soprat­tut­to per come modi­fi­ca­te dal­la leg­ge For­ne­ro nel 2012).

L’intervento, in sostan­za, ripor­ta mag­gio­ri tute­le rispet­to alle modi­fi­che rea­liz­za­te­si negli ulti­mi anni e in alcu­ni casi va anche oltre, rischian­do for­se qual­che pro­ble­ma nell’applicazione lad­do­ve abbat­te da quin­di­ci a cin­que dipen­den­ti la soglia di rile­van­za del­la disci­pli­na. Tut­ta­via, per arri­va­re a que­sto risul­ta­to, il que­si­to met­te insie­me l’abrogazione di nor­me dif­fe­ren­ti, che non sem­pre sem­bra­no facil­men­te ricon­du­ci­bi­li a una matri­ce razio­nal­men­te uni­ta­ria (sal­vo non voler­la iden­ti­fi­ca­re in una gene­ri­ca “mag­gio­re tute­la nei con­fron­ti dei licen­zia­men­ti), ren­den­do incer­ta l’omogeneità del que­si­to che è con­di­zio­ne di ammis­si­bi­li­tà. D’altra par­te qual­che incer­tez­za si ha anche in ordi­ne alla pos­si­bi­le mani­po­la­ti­vi­tà del que­si­to che lo ren­de inam­mis­si­bi­le quan­do cer­ca di sosti­tui­re alla disci­pli­na vigen­te un’altra attra­ver­so rita­gli di paro­le che por­ta­no all’unione di par­ti del testo appar­te­nen­ti a un diver­so con­te­sto nor­ma­ti­vo, essen­do valu­ta­to per que­sto inammissibile.

Nel­la valu­ta­zio­ne di entram­bi que­sti requi­si­ti, tut­ta­via, la Cor­te costi­tu­zio­na­le gode di un ampio mar­gi­ne di discre­zio­na­li­tà, anche per­ché si trat­ta di ela­bo­ra­zio­ni com­piu­te attra­ver­so la pro­pria giu­ri­spru­den­za con non poche oscil­la­zio­ni, in assen­za di para­me­tri ben defi­ni­ti. L’importanza e la deli­ca­tez­za del­la que­stio­ne ren­do­no par­ti­co­lar­men­te for­te l’esigenza che la Cor­te com­pia le sua valu­ta­zio­ni in modo coe­ren­te e linea­re, oltre che ben moti­va­to e per­sua­si­vo rispet­to alla solu­zio­ne adot­ta­ta, tenen­do pre­sen­te che, rela­ti­va­men­te al refe­ren­dum abro­ga­ti­vo, l’ammissibilità è la rego­la men­tre l’inammissibilità l’eccezione.
Que­sti pun­ti sono, in effet­ti, chia­ri­ti più ampia­men­te da Andrea Per­ti­ci in «Tut­te le stret­to­ie per ammet­te­re il que­si­to sul­l’art. 18».
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.