Referendum e nuove trivellazioni: sicuri di sapere tutto?

Se è vero che non si possono chiedere nuove concessioni, resta comunque la possibilità per le aziende titolari della concessione di aprire tutti gli impianti previsti dal piano di sviluppo di giacimento e sue modificazioni (l’interpretazione trova conferma nel parere del Consiglio di stato al Governo nel 2011).

Tan­ti si lamen­ta­no, pen­san­do per­fi­no di non vota­re, per­ché la cam­pa­gna per il refe­ren­dum sul­le tri­vel­la­zio­ni in mare del 17 apri­le è sta­ta pie­na di sem­pli­fi­ca­zio­ni, distor­sio­ni, esa­ge­ra­zio­ni da una par­te e dall’altra.

Pro­via­mo quin­di a fare chia­rez­za su uno dei pun­ti più con­tro­ver­si, sfrut­ta­to a pro­prio van­tag­gio da entram­be le par­ti in appog­gio alla pro­pria tesi: la pos­si­bi­li­tà di tri­vel­la­re anco­ra e di costrui­re ulte­rio­ri piat­ta­for­me entro le 12 miglia dal­la costa.

Uno degli argo­men­ti più usa­ti pro­prio dal­la cam­pa­gna per il “no” (o, peg­gio, per l’astensione) è che il refe­ren­dum sia sostan­zial­men­te “inu­ti­le”: il divie­to di nuo­ve per­fo­ra­zio­ni già esi­ste e la nor­ma da abro­ga­re riguar­da solo le con­ces­sio­ni già asse­gna­te. Per­tan­to la con­sul­ta­zio­ne riguar­da solo gli impian­ti già atti­vi, e ogni nuo­va piat­ta­for­ma è già, allo sta­to attua­le, impos­si­bi­le da costruire.

Pec­ca­to che la real­tà non sia pro­prio que­sta. Se è vero che non si pos­so­no chie­de­re nuo­ve con­ces­sio­ni, resta comun­que la pos­si­bi­li­tà per le azien­de tito­la­ri del­la con­ces­sio­ne di apri­re tut­ti gli impian­ti pre­vi­sti dal pia­no di svi­lup­po di gia­ci­men­to e sue modi­fi­ca­zio­ni (l’interpretazione tro­va con­fer­ma nel pare­re del Con­si­glio di sta­to al Gover­no nel 2011).

Ma que­sta non è solo una pos­si­bi­li­tà teo­ri­ca: nel rin­no­vo del­la con­ces­sio­ne a Edi­son nel Cana­le di Sici­lia, avve­nu­to il 13 novem­bre scor­so, è auto­riz­za­ta la costru­zio­ne un nuo­vo impian­to con ben 12 poz­zi (impian­to Vega B). La vit­to­ria del “sì” al refe­ren­dum fer­me­reb­be la costru­zio­ne di que­sto nuo­vo impian­to, come sostie­ne anche Enzo Di Sal­va­to­re nel suo arti­co­lo su rinnovabili.it.

Ciò acca­dreb­be gra­zie al signi­fi­ca­to nor­ma­ti­vo e giu­ri­di­co dell’abrogazione: il que­si­to ini­zial­men­te riguar­da­va, oltre alle con­ces­sio­ni, anche tut­ti gli iter pre­pa­ra­to­ri e le auto­riz­za­zio­ni; la Cor­te di Cas­sa­zio­ne lo ha limi­ta­to dopo che il gover­no (bon­tà sua) ha bloc­ca­to le con­ces­sio­ni futu­re e le auto­riz­za­zio­ni in cor­so, ma l’efficacia del que­si­to dovreb­be inve­sti­re anche la nuo­va piat­ta­for­ma e le nuo­ve tri­vel­la­zio­ni Edi­son, in quan­to abro­ga­te dal testo ori­gi­na­le.

Altri­men­ti, l’ostacolo (qua­si) inva­li­ca­bi­le alla rea­liz­za­zio­ne del­la piat­ta­for­ma sarà pro­prio la ragio­ne che spin­ge le gran­di mul­ti­na­zio­na­li dell’energia fos­si­le a tri­vel­la­re i nostri fon­da­li: il pro­fit­to. Gra­zie all’anticipo del­la sca­den­za del­la con­ces­sio­ne al 2022 (rispet­to alla dura­ta inde­fi­ni­ta attua­le) cau­sa­to dal­la vit­to­ria del “sì” con il rag­giun­gi­men­to del quo­rum, l’apertura di nuo­vi poz­zi per il bre­ve perio­do rima­sto diven­te­reb­be pesan­te­men­te anti­e­co­no­mi­co, bloc­can­do di fat­to le tri­vel­le nel Cana­le di Sicilia.

Quin­di, oltre ad esse­re un for­te voto di indi­riz­zo poli­ti­co, un segna­le fon­da­men­ta­le per lo svi­lup­po di una nuo­va poli­ti­ca ener­ge­ti­ca tra­spa­ren­te, demo­cra­ti­ca e ver­de, il voto del pros­si­mo 17 Apri­le avrà degli effet­ti estre­ma­men­te con­cre­ti, in uno dei mari più bel­li d’Italia.

Tom­ma­so Sac­co­ni e Gio­van­ni Forti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.