Referendum #8Sì. Trecentomila firme, grazie a voi

Oltre tremila banchetti e trecentomila firme in poco più di due mesi. Questo il bilancio numerico della raccolta firme per gli otto quesiti referendari proposti da Possibile. Come sottolineano i tre promotori, Giuseppe Civati, Luca Pastorino, Andrea Pertici, nella lettera che riportiamo in calce, “sono firme raccolte  dalle donne e dagli uomini di Possibile”, nel pressochè totale silenzio dei media mainstream. Si tratta dunque di un grande risultato del nostro popolo che si è mobilitato in questi mesi, ha contattato milioni di persone, si è confrontato sui quattro temi della campagna, connettendosi con la speranza di un’Italia diversa, e “possibile”.

Ecco i dati aggregati per regione, fissando come punto di riferimento il quesito sull’eliminazione delle trivellazioni, che ha raccolto il maggior numero di sottoscrizioni, contribuendo in questo modo alla mobilitazioni delle dieci regioni che hanno sottoposto la questione sotto forma di quesito referendario alla Cassazione.

REGIONI FIRME QUESITO 3 MEDIA FIRME ALTRI QUESITI
Abruzzo 9.054 8.705
Basilicata 12.540 7.937
Calabria 5.835 6.175
Campania 20.128 20.047
Emilia-Romagna 24.929 23.710
Friuli-Venezia Giulia 4.082 4.025
Lazio 42.249 42.241
Liguria 10.395 10.368
Lombardia 29.424 31.489
Marche 18.825 17.646
Molise 2.362 2.314
Piemonte 11.986 11.748
Puglia 30.778 19.058
Sardegna 13.933 13.864
Sicilia 12.994 13.027
Toscana 34.973 34.785
Trentino Alto Adige 4.499 4.528
Umbria 3.068 2.955
Valle d’Aosta 1.609 1.604
Veneto 19.015 19.071
ESTERO 29 29
Totale
312.707 295.326

 

Care e cari,

con il 30 settembre abbiamo chiuso la raccolta delle firme a sostegno degli otto referendum che avevamo presentato in Cassazione lo scorso 16 luglio, dopo oltre due mesi di confronto con le forze politiche e sociali e con alcune associazioni

Pur non avendo trovato alcun appoggio da parte di questi soggetti, salvo rarissime eccezioni, come quelle di Green Italia e Critica liberale e alcuni amici radicali, ci siamo impegnati come donne e uomini di Possibile, in un’ampia e diffusa campagna che nelle ultime settimane, anche a seguito di un minimo di attenzione ricevuto da parte delle televisioni, ha trovato un vasto seguito.

Così, pur non avendo conseguito l’obiettivo delle cinquencentomila firme che la Costituzione richiede per proseguire nel cammino referendario, abbiamo avuto il sostegno di circa trecentomila elettori, più di chiunque altro abbia intrapreso una raccolta di sottoscrizioni per il referendum abrogativo negli ultimi cinque anni.

I referendum nella primavera del 2016 sarebbero stati il modo più concreto ed efficace per bocciare le politiche di questo governo e disegnare un’alternativa di governo., come hanno ben compreso così tanti cittadini.

Rimane per questo il rammarico per un’occasione perduta, ma anche la convinzione che questa fosse e ancora sia la strada giusta.

Dopo avere svolto all’interno del Parlamento una seria opposizione a leggi che – come l’Italicum, lo sblocca-Italia, il jobs act o la riforma della scuola – sono evidente espressione di politiche miopi e conservatrici (con soluzioni spesso mutuate da vecchi programmi del centrodestra), è necessario continuare a contrastarle con serietà e concretezza anche fuori dalle aule parlamentari. E per questo la nostra Costituzione prevede un preciso strumento: il referendum abrogativo, appunto.

Ecco, quindi, che il nostro impegno in questo senso prosegue, e poiché la legge sul referendum prevede una precisa cadenza temporale della procedura nel corso dell’anno, nella prossima primavera siamo pronti a coinvolgere nuovamente i cittadini in una campagna per nuovi referendum, tornando su alcuni dei temi già proposti (salvo quelli che saranno eventualmente superati, ad esempio dai referendum proposti dalle regioni, a cui abbiamo già espresso il nostro sostegno) e eventualmente su altri ancora, sempre guardando alla affermazione della partecipazione, della concorrenza e dell’uguaglianza (legate a doppio filo), dell’innovazione e dello sviluppo sostenibile.

Ci auguriamo che da parte delle forze politiche e sociali che dichiarano la loro contrarietà alle scelte del governo e della maggioranza vi sia, questa volta, la condivisione di questo percorso concreto, efficace, in linea con quella Costituzione che anche in queste ore si cerca di stravolgere.

Intanto ringraziamo le centinaia di migliaia di persone che abbiamo incontrato per due mesi nelle strade e nelle piazze d’Italia e che hanno voluto condividere la nostra opposizione alle scelte più infelici e conservatrici del governo, certi che le ritroveremo, sempre più numerose per costruire – magari questa volta insieme ad altre forze politiche e sociali – una concreta alternativa di governo. Siamo pronti a ripartire.

A prestissimo,

Giuseppe Civati, Luca Pastorino, Andrea Pertici
per il Comitato promotore dei referendum possibili

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait