Referendum #8Sì. Trecentomila firme, grazie a voi

Oltre tre­mi­la ban­chet­ti e tre­cen­to­mi­la fir­me in poco più di due mesi. Que­sto il bilan­cio nume­ri­co del­la rac­col­ta fir­me per gli otto que­si­ti refe­ren­da­ri pro­po­sti da Pos­si­bi­le. Come sot­to­li­nea­no i tre pro­mo­to­ri, Giu­sep­pe Civa­ti, Luca Pasto­ri­no, Andrea Per­ti­ci, nel­la let­te­ra che ripor­tia­mo in cal­ce, “sono fir­me rac­col­te  dal­le don­ne e dagli uomi­ni di Pos­si­bi­le”, nel pres­so­chè tota­le silen­zio dei media main­stream. Si trat­ta dun­que di un gran­de risul­ta­to del nostro popo­lo che si è mobi­li­ta­to in que­sti mesi, ha con­tat­ta­to milio­ni di per­so­ne, si è con­fron­ta­to sui quat­tro temi del­la cam­pa­gna, con­net­ten­do­si con la spe­ran­za di un’I­ta­lia diver­sa, e “pos­si­bi­le”.

Ecco i dati aggre­ga­ti per regio­ne, fis­san­do come pun­to di rife­ri­men­to il que­si­to sul­l’e­li­mi­na­zio­ne del­le tri­vel­la­zio­ni, che ha rac­col­to il mag­gior nume­ro di sot­to­scri­zio­ni, con­tri­buen­do in que­sto modo alla mobi­li­ta­zio­ni del­le die­ci regio­ni che han­no sot­to­po­sto la que­stio­ne sot­to for­ma di que­si­to refe­ren­da­rio alla Cassazione.

REGIONI FIRME QUESITO 3 MEDIA FIRME ALTRI QUESITI
Abruz­zo 9.054 8.705
Basi­li­ca­ta 12.540 7.937
Cala­bria 5.835 6.175
Cam­pa­nia 20.128 20.047
Emi­lia-Roma­gna 24.929 23.710
Friu­li-Vene­zia Giulia 4.082 4.025
Lazio 42.249 42.241
Ligu­ria 10.395 10.368
Lom­bar­dia 29.424 31.489
Mar­che 18.825 17.646
Moli­se 2.362 2.314
Pie­mon­te 11.986 11.748
Puglia 30.778 19.058
Sar­de­gna 13.933 13.864
Sici­lia 12.994 13.027
Tosca­na 34.973 34.785
Tren­ti­no Alto Adige 4.499 4.528
Umbria 3.068 2.955
Val­le d’Aosta 1.609 1.604
Vene­to 19.015 19.071
ESTERO 29 29
Tota­le
312.707 295.326

 

Care e cari,

con il 30 set­tem­bre abbia­mo chiu­so la rac­col­ta del­le fir­me a soste­gno degli otto refe­ren­dum che ave­va­mo pre­sen­ta­to in Cas­sa­zio­ne lo scor­so 16 luglio, dopo oltre due mesi di con­fron­to con le for­ze poli­ti­che e socia­li e con alcu­ne associazioni

Pur non aven­do tro­va­to alcun appog­gio da par­te di que­sti sog­get­ti, sal­vo raris­si­me ecce­zio­ni, come quel­le di Green Ita­lia e Cri­ti­ca libe­ra­le e alcu­ni ami­ci radi­ca­li, ci sia­mo impe­gna­ti come don­ne e uomi­ni di Pos­si­bi­le, in un’ampia e dif­fu­sa cam­pa­gna che nel­le ulti­me set­ti­ma­ne, anche a segui­to di un mini­mo di atten­zio­ne rice­vu­to da par­te del­le tele­vi­sio­ni, ha tro­va­to un vasto seguito.

Così, pur non aven­do con­se­gui­to l’obiettivo del­le cin­quen­cen­to­mi­la fir­me che la Costi­tu­zio­ne richie­de per pro­se­gui­re nel cam­mi­no refe­ren­da­rio, abbia­mo avu­to il soste­gno di cir­ca tre­cen­to­mi­la elet­to­ri, più di chiun­que altro abbia intra­pre­so una rac­col­ta di sot­to­scri­zio­ni per il refe­ren­dum abro­ga­ti­vo negli ulti­mi cin­que anni.

I refe­ren­dum nel­la pri­ma­ve­ra del 2016 sareb­be­ro sta­ti il modo più con­cre­to ed effi­ca­ce per boc­cia­re le poli­ti­che di que­sto gover­no e dise­gna­re un’alternativa di gover­no., come han­no ben com­pre­so così tan­ti cittadini.

Rima­ne per que­sto il ram­ma­ri­co per un’occasione per­du­ta, ma anche la con­vin­zio­ne che que­sta fos­se e anco­ra sia la stra­da giusta.

Dopo ave­re svol­to all’interno del Par­la­men­to una seria oppo­si­zio­ne a leg­gi che – come l’Italicum, lo sbloc­ca-Ita­lia, il jobs act o la rifor­ma del­la scuo­la – sono evi­den­te espres­sio­ne di poli­ti­che mio­pi e con­ser­va­tri­ci (con solu­zio­ni spes­so mutua­te da vec­chi pro­gram­mi del cen­tro­de­stra), è neces­sa­rio con­ti­nua­re a con­tra­star­le con serie­tà e con­cre­tez­za anche fuo­ri dal­le aule par­la­men­ta­ri. E per que­sto la nostra Costi­tu­zio­ne pre­ve­de un pre­ci­so stru­men­to: il refe­ren­dum abro­ga­ti­vo, appunto.

Ecco, quin­di, che il nostro impe­gno in que­sto sen­so pro­se­gue, e poi­ché la leg­ge sul refe­ren­dum pre­ve­de una pre­ci­sa caden­za tem­po­ra­le del­la pro­ce­du­ra nel cor­so dell’anno, nel­la pros­si­ma pri­ma­ve­ra sia­mo pron­ti a coin­vol­ge­re nuo­va­men­te i cit­ta­di­ni in una cam­pa­gna per nuo­vi refe­ren­dum, tor­nan­do su alcu­ni dei temi già pro­po­sti (sal­vo quel­li che saran­no even­tual­men­te supe­ra­ti, ad esem­pio dai refe­ren­dum pro­po­sti dal­le regio­ni, a cui abbia­mo già espres­so il nostro soste­gno) e even­tual­men­te su altri anco­ra, sem­pre guar­dan­do alla affer­ma­zio­ne del­la par­te­ci­pa­zio­ne, del­la con­cor­ren­za e dell’uguaglianza (lega­te a dop­pio filo), dell’innovazione e del­lo svi­lup­po sostenibile.

Ci augu­ria­mo che da par­te del­le for­ze poli­ti­che e socia­li che dichia­ra­no la loro con­tra­rie­tà alle scel­te del gover­no e del­la mag­gio­ran­za vi sia, que­sta vol­ta, la con­di­vi­sio­ne di que­sto per­cor­so con­cre­to, effi­ca­ce, in linea con quel­la Costi­tu­zio­ne che anche in que­ste ore si cer­ca di stravolgere.

Intan­to rin­gra­zia­mo le cen­ti­na­ia di miglia­ia di per­so­ne che abbia­mo incon­tra­to per due mesi nel­le stra­de e nel­le piaz­ze d’Italia e che han­no volu­to con­di­vi­de­re la nostra oppo­si­zio­ne alle scel­te più infe­li­ci e con­ser­va­tri­ci del gover­no, cer­ti che le ritro­ve­re­mo, sem­pre più nume­ro­se per costrui­re – maga­ri que­sta vol­ta insie­me ad altre for­ze poli­ti­che e socia­li – una con­cre­ta alter­na­ti­va di gover­no. Sia­mo pron­ti a ripartire.

A pre­stis­si­mo,

Giu­sep­pe Civa­ti, Luca Pasto­ri­no, Andrea Pertici
per il Comi­ta­to pro­mo­to­re dei refe­ren­dum possibili

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?