Reato di tortura: la misura è colma, la faccia è persa

Il governo Renzi-Alfano-Verdini (via Zanetti) rinvia l’approvazione del reato di tortura in Senato: #laprossimavolta!

La misura è colma, la faccia è persa, lo scenario compromesso. L’Italia ha ratificato nel 1988 la convenzione ONU contro la tortura e gli altri trattamenti crudeli, disumani e degradanti del 1984.

L’introduzione del reato di tortura nel codice penale è un elemento fondamentale di chiusura (in positivo) del sistema di tutela dei diritti umani nel nostro paese, che sconta un ritardo storico e gravissimo in materia. Alfano (Renzi benedicente) sta vergognosamente strumentalizzando un tema delicatissimo e urgente per ragioni di consenso elettorale ma questo reato serve a prevenire l’abuso della forza da parte delle forze dell’ordine infedeli ai principi umanitari e personalistici della Costituzione e punire casi odiosi come quello del mattatoio alla scuola Diaz e dei tanti “caduti dalle scale”.

Si tratta allora di un rinvio odioso, che denunciamo con forza: per una volta il Governo tolga le mani da una materia parlamentare e rispetti la libertà di deputati e senatori di fare la cosa giusta. Il Ministro Orlando, che da mesi promette a vanvera la soluzione normativa lungamente attesa sui dossier “tortura” e “prescrizione” (su cui si profila un testo al ribasso, compromissorio, oggettivamente insufficiente) dovrebbe spiegare il perché di questo rinvio, ma siamo certi non sarà nelle condizioni di farlo.

Giuseppe Civati, Andrea Maestri

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati