Voucher verso quota 13 milioni. E il Jobs Act non sta tanto bene

Ancora una volta i dati confermano quanto il Jobs Act non sia stato efficace. E finita la cassa della decontribuzione, si stampano voucher.
Conferenza stampa al termine del Consiglio dei ministri

Il nume­ro di vou­cher ven­du­ti a mag­gio ha sfio­ra­to quo­ta 13 milio­ni: è il nuo­vo record di Polet­ti. In pra­ti­ca, sono sta­ti ero­ga­ti 97 milio­ni di euro di retri­bu­zio­ne net­ta median­te il siste­ma dei buo­ni. Dal­l’i­ni­zio del­l’an­no, la cifra sale a 425 milio­ni di euro.

Il dato è con­te­nu­to nel nume­ro di mag­gio del­l’Os­ser­va­to­rio sul Pre­ca­ria­to. Il feno­me­no del lavo­ro acces­so­rio è in cre­sci­ta inin­ter­rot­ta da tre anni, seb­be­ne con incre­men­ti che varia­no di mese in mese, a secon­da del­la sta­gio­na­li­tà. Al boom del­lo scor­so anno, quan­do nel mede­si­mo perio­do in esa­me (gen­na­io-mag­gio) il volu­me di vou­cher acqui­sta­to è risul­ta­to supe­rio­re del 75% rispet­to all’an­no pre­ce­den­te, si è sosti­tui­ta una cre­sci­ta costan­te e con­ti­nua che si atte­sta intor­no al +43%. Nel­la tabel­la che segue, la varia­zio­ne men­si­le dei pri­mi cin­que mesi del 2016, che in alcu­ni casi è a dop­pia cifra:

Schermata 2016-07-20 alle 10.31.36

Nel­le regio­ni di Nord-Ove­st, il feno­me­no del lavo­ro acces­so­rio cre­sce con per­cen­tua­li simi­li a quel­le del­le regio­ni del Sud e del­le Iso­le (Iso­le: +48%; Sud: +47%; Nord-Ove­st: +46%; perio­do Gen­na­io-Mag­gio). Fana­li­no di coda le regio­ni di Nord-Est, che si atte­sta­no sot­to al 40%.

I vou­cher sono ormai un feno­me­no fuo­ri con­trol­lo. Pro­se­guen­do a que­sto rit­mo, entro la fine del­l’an­no il valo­re nomi­na­le (retri­bu­zio­ne e quo­ta con­tri­bu­ti­va) supe­re­rà il miliar­do di euro. Cosa aspet­ta il gover­no ad inter­ve­ni­re? Non era­no que­sti i nume­ri che Polet­ti ama­va svi­sce­ra­re lo scor­so anno.

Già. Che fine han­no fat­to i nume­ri di Polet­ti? Sia­mo ormai giun­ti alla enne­si­ma pun­ta­ta di que­sta sto­ria di nume­ri can­gian­ti e inaf­fer­ra­bi­li. Un gior­no sem­bra che il Jobs Act sia un suc­ces­so, il gior­no dopo pure. Ma a ben guardare…

Noi con­ti­nuia­mo a far­lo. A fidar­ci dei nume­ri per come sono, sen­za sofi­sti­ca­zio­ni. Per que­sto vor­rei dir­vi che alla base di que­ste paro­le ci sono sem­pre i nume­ri grez­zi, non quel­li rie­la­bo­ra­ti nei comu­ni­ca­ti stam­pa o negli ela­bo­ra­ti del gover­no. Basta met­ter­li in ordi­ne in righe e colonne.
Ed ecco:

1

A Mag­gio il bilan­cio fra atti­va­zio­ni e ces­sa­zio­ni dei con­trat­ti a tem­po inde­ter­mi­na­to è anco­ra nega­ti­vo (-19 mila con­trat­ti). In tota­le, da ini­zio anno, fan­no 85 mila con­trat­ti in meno. Qua­le altro indi­ca­to­re potreb­be dir­ci che la decon­tri­bu­zio­ne non fun­zio­na più e che for­se con­vie­ne non repli­car­la, alme­no in que­sto modo?

Pro­via­mo con le Tra­sfor­ma­zio­ni con­trat­tua­li. Soli­to schema:

2

Le tra­sfor­ma­zio­ni di con­trat­ti a ter­mi­ne e di con­trat­ti di appren­di­sta­to risul­ta­no infe­rio­ri anche al 2014 (167mila vs. 192mila), perio­do in cui non era­no anco­ra in esse­re gli incen­ti­vi del­la decon­tri­bu­zio­ne. Com­ples­si­va­men­te, il nume­ro di nuo­vi con­trat­ti a tem­po inde­ter­mi­na­to risul­tan­te dal com­bi­na­to dispo­sto fra atti­va­zio­ni net­te e tra­sfor­ma­zio­ni è infe­rio­re del 33% rispet­to al 2014!

3

Anco­ra una vol­ta pos­sia­mo riba­di­re: non era il Jobs Act, ma gli incen­ti­vi. E, fini­ta la cas­sa, si stam­pa­no vou­cher in continuo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.