Voucher verso quota 13 milioni. E il Jobs Act non sta tanto bene

Il numero di voucher venduti a maggio ha sfiorato quota 13 milioni: è il nuovo record di Poletti. In pratica, sono stati erogati 97 milioni di euro di retribuzione netta mediante il sistema dei buoni. Dall’inizio dell’anno, la cifra sale a 425 milioni di euro.

Il dato è contenuto nel numero di maggio dell’Osservatorio sul Precariato. Il fenomeno del lavoro accessorio è in crescita ininterrotta da tre anni, sebbene con incrementi che variano di mese in mese, a seconda della stagionalità. Al boom dello scorso anno, quando nel medesimo periodo in esame (gennaio-maggio) il volume di voucher acquistato è risultato superiore del 75% rispetto all’anno precedente, si è sostituita una crescita costante e continua che si attesta intorno al +43%. Nella tabella che segue, la variazione mensile dei primi cinque mesi del 2016, che in alcuni casi è a doppia cifra:

Schermata 2016-07-20 alle 10.31.36

Nelle regioni di Nord-Ovest, il fenomeno del lavoro accessorio cresce con percentuali simili a quelle delle regioni del Sud e delle Isole (Isole: +48%; Sud: +47%; Nord-Ovest: +46%; periodo Gennaio-Maggio). Fanalino di coda le regioni di Nord-Est, che si attestano sotto al 40%.

I voucher sono ormai un fenomeno fuori controllo. Proseguendo a questo ritmo, entro la fine dell’anno il valore nominale (retribuzione e quota contributiva) supererà il miliardo di euro. Cosa aspetta il governo ad intervenire? Non erano questi i numeri che Poletti amava sviscerare lo scorso anno.

Già. Che fine hanno fatto i numeri di Poletti? Siamo ormai giunti alla ennesima puntata di questa storia di numeri cangianti e inafferrabili. Un giorno sembra che il Jobs Act sia un successo, il giorno dopo pure. Ma a ben guardare…

Noi continuiamo a farlo. A fidarci dei numeri per come sono, senza sofisticazioni. Per questo vorrei dirvi che alla base di queste parole ci sono sempre i numeri grezzi, non quelli rielaborati nei comunicati stampa o negli elaborati del governo. Basta metterli in ordine in righe e colonne.
Ed ecco:

1

A Maggio il bilancio fra attivazioni e cessazioni dei contratti a tempo indeterminato è ancora negativo (-19 mila contratti). In totale, da inizio anno, fanno 85 mila contratti in meno. Quale altro indicatore potrebbe dirci che la decontribuzione non funziona più e che forse conviene non replicarla, almeno in questo modo?

Proviamo con le Trasformazioni contrattuali. Solito schema:

2

Le trasformazioni di contratti a termine e di contratti di apprendistato risultano inferiori anche al 2014 (167mila vs. 192mila), periodo in cui non erano ancora in essere gli incentivi della decontribuzione. Complessivamente, il numero di nuovi contratti a tempo indeterminato risultante dal combinato disposto fra attivazioni nette e trasformazioni è inferiore del 33% rispetto al 2014!

3

Ancora una volta possiamo ribadire: non era il Jobs Act, ma gli incentivi. E, finita la cassa, si stampano voucher in continuo.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati