Questione maschile e crisi del welfare

Essere-John-MalkovichQuan­do John Mal­ko­vich — in Esse­re John Mal­ko­vich, film del 1999 — entra nel­la pro­pria testa attra­ver­so il tun­nel segre­to, può vede­re un mon­do in cui tut­ti — uomi­ni e don­ne — por­ta­no la sua fac­cia e san­no dire sol­tan­to la paro­la ‘Mal­ko­vich’. Para­dos­sal­men­te, quel mon­do sur­rea­le e distor­to, un mon­do di un solo uomo, non è un mon­do igno­to. La rap­pre­sen­ta­zio­ne del­la que­stio­ne fem­mi­ni­le è sino­ra sem­pre sta­ta por­ta­ta da una pro­spet­ti­va maschi­le. Una pro­spet­ti­va in cui l’uomo deter­mi­na le rego­le e la don­na com­bat­te per rita­gliar­si uno spic­chio di oppor­tu­ni­tà. Il fem­mi­ni­smo divie­ne l’esperienza di lot­ta attra­ver­so la qua­le la don­na ha aper­to il con­flit­to, un con­flit­to nel qua­le però l’uomo con­ti­nua a dete­ne­re supe­rio­ri­tà nei mez­zi e nel­le funzioni.

Lo spa­zio per ruo­li fem­mi­ni­li nel­la poli­ti­ca, nell’economia, è com­pres­so. Lo scor­so 14 Otto­bre, la Com­mis­sio­ne Euro­pea ha pub­bli­ca­to una nuo­va rela­zio­ne sul­la par­te­ci­pa­zio­ne del­le don­ne ai pro­ces­si deci­sio­na­li, spe­cie nei con­si­gli di ammi­ni­stra­zio­ne del­le prin­ci­pa­li socie­tà quo­ta­te in bor­sa nel­l’UE. Le ulti­me cifre (apri­le 2013) indi­ca­no che, rispet­to a otto­bre 2012, la per­cen­tua­le di don­ne nei CdA è aumen­ta­ta, pas­san­do da 15,8 a 16,6%. Nel­lo spe­ci­fi­co, le don­ne che rico­pro­no ruo­li ammi­ni­stra­ti­vi sen­za inca­ri­chi ese­cu­ti­vi rap­pre­sen­ta­no attual­men­te il 17,6% (16,7% in otto­bre 2012) e la per­cen­tua­le di alte diri­gen­ti è aumen­ta­ta dal 10,2% all’11%. Tale per­cen­tua­le scen­de in manie­ra evi­den­te nei pae­si del sud Europa.

Vivia­ne Rea­ding, com­mis­sa­ria euro­pea per la Giu­sti­zia e Vice­pre­si­den­te del­la Com­mis­sio­ne, ha dichia­ra­to che “la pres­sio­ne nor­ma­ti­va fun­zio­na”: la via è sta­ta trac­cia­ta da pae­si come la Fran­cia e l’I­ta­lia, che han­no ema­na­to leg­gi ad hoc e stan­no ora “ini­zian­do a rac­co­glier­ne i frut­ti”. Vien da sor­ri­de­re, viste le per­cen­tua­li in gio­co (+0.8%), ma l’ottimismo di Rea­ding è giu­sti­fi­ca­to dal lavo­ro svol­to in sede euro­pea per la defi­ni­zio­ne di una “Stra­te­gia per la pari­tà tra don­ne e uomi­ni” (2010–2015). Una stra­te­gia che pun­ta a modi­fi­ca­re l’approccio cul­tu­ra­le per il tra­mi­te di mec­ca­ni­smi nor­ma­ti­vi san­zio­na­to­ri. Baste­rà? Se il fine ulti­mo è la pari­tà del­le oppor­tu­ni­tà in ter­mi­ni eco­no­mi­ci, di digni­tà del­la don­na, di pari­tà nel pro­ces­so deci­sio­na­le ammi­ni­stra­ti­vo e poli­ti­co, qua­le è il gra­do di influen­za di tale stra­te­gia sui com­por­ta­men­ti e sul­le rela­zio­ni, se ancor oggi la vio­len­za con­tro le don­ne vie­ne descrit­ta come delit­to passionale?

Il vero cam­bia­men­to è pren­der coscien­za che il pro­ble­ma è que­sto mon­do di soli uomi­ni, in cui la nar­ra­zio­ne è maschi­le fin nel les­si­co impie­ga­to, in cui — in tem­po di cri­si — la pri­ma revi­sio­ne di spe­sa toc­ca i ser­vi­zi per l’infanzia, spe­cie gli asi­li nido comu­na­li. E in man­can­za di ser­vi­zi socia­li ade­gua­ti, la don­na resta chiu­sa in un gio­co a som­ma zero che dis­sua­de dal­l’at­ti­vi­tà lavo­ra­ti­va (per ragio­ni di dispo­ni­bi­li­tà di tem­po — quel tem­po desti­na­to al lavo­ro di cura — e di paghe non alli­nea­te a quel­le degli uomi­ni). La pre­vi­sio­ne di quo­te rosa nel­le pian­te orga­ni­che di ammi­ni­stra­zio­ni pub­bli­che e pri­va­te non può non accom­pa­gnar­si ad un wel­fa­re sco­la­sti­co capil­la­re (asi­li nido, tem­po pie­no) e ad una geni­to­ria­li­tà effet­ti­va­men­te con­di­vi­sa fra madre e padre con i con­ge­di di pater­ni­tà obbligatori.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.