Protezionismo, evasione e condoni: il “cambiamento” ci porta tra inizio ‘900 e anni ‘80

Un tuf­fo nel pas­sa­to, un cam­mi­no a ritro­so che ci por­ta tra l’inizio del Nove­cen­to e gli anni ’80 con una sor­ti­ta nell’epoca del ber­lu­sco­ni­smo. Il cam­bia­men­to sta assu­men­do la for­ma di una pas­seg­gia­ta nel­la sto­ria. Il sovra­ni­smo fa infat­ti rima con pro­te­zio­ni­smo, in osse­quio allo slo­gan “pri­ma gli ita­lia­ni”, anche se si par­la di pro­dot­ti. Così tut­to quel che vie­ne dall’estero deve esse­re osteg­gia­to. A costo di met­te­re i dazi, per­no del pro­te­zio­ni­smo. Sul fron­te inter­no, inve­ce, la ricer­ca del con­sen­so faci­le por­ta drit­ti a sol­le­ti­ca­re la pan­cia del Pae­se. E idea­re un bel po’ di misu­ra a favo­re di eva­sio­ne, con la pro­mes­sa tro­neg­gian­te del vec­chio caro con­do­no, su cui cuci­re addos­so un nuo­vo abi­to. Dota­to di un mar­chio accat­ti­van­te, come “pace fisca­le”. Ma che tol­ta l’etichetta si sco­pre per quel­lo che è: un condono.

La poli­ti­ca del gover­no Lega 5 Stel­le è tut­ta spin­ta sul­la ricer­ca dell’applausometro come metro di giu­di­zio. Con il rischio di dan­neg­gia­re l’economia die­tro tro­va­te appa­ren­te­men­te pop. Men­tre infu­ria la bat­ta­glia media­ti­ca sal­vi­nia­na sul­la pel­le dei migran­ti, è ini­zia­ta una guer­ra vera: quel­la com­mer­cia­le. Il pre­si­den­te sta­tu­ni­ten­se, Donald Trump, l’ha dichia­ra­ta a tut­ti. Euro­pa com­pre­sa. La rispo­sta musco­la­re dell’Ue è sta­ta ine­vi­ta­bi­le ma l’Italia rischia di paga­re un prez­zo sala­tis­si­mo. Il sal­do com­mer­cia­le (la dif­fe­ren­za tra espor­ta­zio­ni e impor­ta­zio­ni) si è chiu­so con un +51,6 miliar­di di euro nel 2016. E nei mesi suc­ces­si­vi il trend è pro­se­gui­to a favo­re dell’export capa­ce di trai­na­re la ripre­sa, rispon­den­do in par­te alla per­si­sten­te debo­lez­za del­la doman­da inter­na. Insom­ma, l’apertura com­mer­cia­le fa bene all’economia ita­lia­na: sta dan­do un bel po’ di ossi­ge­no puro. Per que­sto la noti­zia del­le bar­rie­re pro­te­zio­ni­sti­che è pre­oc­cu­pan­te. La tute­la del Made in Ita­ly pas­sa infat­ti dal­la pos­si­bi­li­tà di espor­ta­re il Made in Ita­ly con i bene­fi­ci annes­si in ter­mi­ni di ripre­sa e il ten­ta­ti­vo di con­tra­sta­re la disoc­cu­pa­zio­ne. Inve­ce si pre­fe­ri­sce abba­ia­re alla luna del “riso asia­ti­co”, sen­za sede­re ai tavo­li inter­na­zio­na­li per valo­riz­za­re dav­ve­ro il riso ita­lia­no e por­tar­lo sem­pre di più oltre i con­fi­ni nazio­na­li. Come dire: si pre­fe­ri­sce far fin­ta di voler fron­teg­gia­re a mani nude coraz­za­te mon­dia­li. Un con­cet­to se non pre­i­sto­ri­co, alme­no para­go­na­bi­le all’inizio del­lo scor­so Secolo.

Ma dagli albo­ri del Nove­cen­to agli anni ’80, il sal­to sem­bra meno lun­go di quan­to si pen­sas­se, spe­cie se si discu­te di sol­di pub­bli­ci. In nome dell’applausometro, l’esecutivo Lega 5 Stel­le sta già spun­tan­do le armi da usa­re per com­bat­te­re l’evasione. Il M5S, pur di evi­ta­re malu­mo­ri, sta pre­di­spo­nen­do lo slit­ta­men­to del­la fat­tu­ra­zio­ne elet­tro­ni­ca per i ben­zi­nai. Gli alfie­ri del­la digi­ta­liz­za­zio­ne, alme­no negli slo­gan, di fron­te alla pos­si­bi­li­tà di fare qual­co­sa di digi­ta­le, con i van­tag­gi annes­si, pre­fe­ri­sco­no arre­tra­re. Evi­tan­do uno scio­pe­ro che sareb­be disdi­ce­vo­le per un gover­no atten­to a sban­die­ra­re la pro­pria popo­la­ri­tà. La stra­te­gia, del resto, con­vo­la a noz­ze con il pros­si­mo pas­so in mate­ria fisca­le: il con­do­no; che non ha nul­la di “paci­fi­co”, se non l’etichetta diver­sa per allon­ta­na­re l’ombra del Mae­stro dei Con­do­ni, Sil­vio Ber­lu­sco­ni. Rispet­to alla rot­ta­ma­zio­ne del­le car­tel­le di ren­zia­na memo­ria, infat­ti, è pre­vi­sto un mec­ca­ni­smo pro­prio del con­do­no: sal­da­re una par­te del debi­to a coper­tu­ra del “tut­to”, met­ten­do sul­lo stes­so pia­no le vit­ti­me del­le ingiu­sti­zie (per­ché ci sono, ecco­me) e i diso­ne­sti che non paga­no, per­ché tan­to san­no che pri­ma o poi arri­va una sana­to­ria. In que­sto modo dall’inizio del Nove­cen­to si bal­za agli indi­men­ti­ca­bi­li e indi­men­ti­ca­ti anni Ottan­ta. Che Ber­lu­sco­ni ha cer­ca­to di far rivi­ve­re, tro­van­do nel gover­no Lega 5 Stel­le un inat­te­so, si fa per dire, ere­de.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.