Visso, continueremo a impegnarci a sostegno di chi resiste

Il ter­re­mo­to, quan­do arri­va, non lascia scam­po. In un secon­do rade al suo­lo le case, i nego­zi ed i sogni di tan­ti. E i pro­ble­mi non si limi­ta­no all’emergenza imme­dia­ta, ma per­si­sto­no anche quan­do i tan­ti riflet­to­ri acce­si si spen­go­no.

Pos­si­bi­le è sta­to da subi­to al fian­co del­le popo­la­zio­ni ter­re­mo­ta­te, con il lavo­ro di Bea­tri­ce Bri­gno­ne in Par­la­men­to, coor­di­nan­do azio­ni soli­da­li qua­li rac­col­te di vive­ri o l’acquisto di un’affettatrice per il pani­fi­cio di Visso.

C’è oggi, a distan­za di due anni, per­ché rite­nia­mo fon­da­men­ta­le far cono­sce­re la situa­zio­ne nel cra­te­re sismi­co e aiu­ta­re i pro­dut­to­ri che han­no pro­va­to fati­co­sa­men­te a ripar­ti­re. E così dome­ni­ca sia­mo par­ti­ti in 50 da Seni­gal­lia ver­so Vis­so, in pro­vin­cia di Macerata.

È sta­ta una gior­na­ta bel­la e inten­sa. Abbia­mo ten­ta­to di met­ter­ci in ascol­to e di capi­re cosa la Poli­ti­ca pos­sa fare per aiu­ta­re que­ste popo­la­zio­ni e come Pos­si­bi­le pos­sa con­tri­bui­re anco­ra per­ché que­ste per­so­ne non ven­ga­no dimen­ti­ca­te.

Abbia­mo cono­sciu­to l’entusiasmo di Gio­van­ni, che ha il corag­gio e la deter­mi­na­zio­ne di un ven­tot­ten­ne che vuo­le ripar­ti­re. Par­la del­le sue peco­re e dei for­mag­gi che la sua fami­glia pro­du­ce con una pas­sio­ne che evi­den­zia tut­to l’attaccamento a que­ste ter­re e alle tradizioni.
Abbia­mo pro­va­to a chie­de­re a Gio­van­ni cosa pos­sia­mo fare, come cit­ta­di­ni e come atti­vi­sti. “C’è biso­gno dell’aiuto del­lo Sta­to” ‑ci ha ricor­da­to- “ma non deve fare più dan­ni di quel­li por­ta­ti dal ter­re­mo­to. C’è biso­gno final­men­te di un pro­get­to per lo svi­lup­po turi­sti­co, che uni­sca mare e mon­ta­gna. Per far ripar­ti­re que­ste ter­re ser­ve sco­prir­le e vive­re, soste­nen­do chi ha fat­to ripar­ti­re la pro­pria atti­vi­tà e non si è per­so d’animo”.

Abbia­mo incon­tra­to Gior­gio che a cau­sa del sisma ha per­so 4 case, un labo­ra­to­rio e un’attività; da 2 anni atten­de di ave­re una sua caset­ta. Ma nel fine set­ti­ma­na tor­na a Vis­so per ven­de­re i pro­dot­ti del­la sua nor­ci­ne­ria e ci rac­con­ta con orgo­glio del­la nuo­va atti­vi­tà che potrà apri­re gra­zie all’aiuto di un pri­va­to assie­me ad altri com­mer­cian­ti. “Se pos­sia­mo ripar­ti­re è gra­zie alla soli­da­rie­tà di tan­ti e all’intervento dei pri­va­ti” ci ricor­da pri­ma di andare.

Abbia­mo par­la­to con Bar­ba­ra, che con la sua fami­glia cer­ca di tene­re in pie­di un risto­ran­te com­ple­ta­men­te distrut­to dal sisma. In 9 mq. rie­sco­no a pre­pa­ra­re piat­ti di qua­li­tà per 20, 40, dome­ni­ca era­va­mo 100 com­men­sa­li. E Bar­ba­ra, come altri gio­va­ni di Vis­so, non se ne vuo­le anda­re, cre­de nel­la pro­pria ter­ra ed ha un pro­get­to di vita che vede pro­ta­go­ni­sta la sua ter­ra. Ma non biso­gna per­de­re altro tempo.

Più del ter­re­mo­to, la paro­la che spa­ven­ta di più da que­ste par­ti è “buro­cra­zia”. Len­tez­za, riman­di di docu­men­ti, uffi­ci che lascia­no ad altri uffi­ci, situa­zio­ni incom­pren­si­bi­li ad una per­so­na nor­ma­le che ti ven­go­no spie­ga­te dai fun­zio­na­ri come se fos­se­ro asso­lu­ta­men­te quotidiane.

È esta­te e c’è il bel tem­po, ma tra qual­che mese arri­ve­rà l’inverno con le sue nevi­ca­te. “Spe­ria­mo che arri­vi­no le strut­tu­re per ospi­ta­re i nostri ani­ma­li” con­clu­de Gio­van­ni. “Il ter­re­mo­to ha lascia­to distru­zio­ne nel bre­ve perio­do, ma voglia­mo rim­boc­car­ci le mani­che e ripar­ti­re spe­ran­do che le nostre idee e quel­le dei sin­da­ci ven­go­no ascol­ta­te.” E lo dice con una tale pas­sio­ne che ci spin­ge, come Pos­si­bi­le, a con­ti­nua­re ad impe­gnar­ci a soste­gno di chi resi­ste, nono­stan­te tut­to.

I comi­ta­ti di Pos­si­bi­le del­le Marche

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.