Lavoratori dei call center: solo numeri (che non tornano)

Lavo­ra­re in un call cen­ter, oggi, signi­fi­ca non esser altro che un nume­ro. Il con­tri­bu­to indi­vi­dua­le in ter­mi­ni di com­pe­ten­ze, pro­fes­sio­na­li­tà, impe­gno non vie­ne mini­ma­men­te valutato.
Eppu­re, que­sto lavo­ro negli anni si è evo­lu­to in modo tale da richie­de­re agli addet­ti skills sem­pre più vari: l’operatore deve ave­re com­pe­ten­ze rela­zio­na­li, padro­neg­gia­re mil­le con­te­nu­ti, esse­re velo­ce, mul­ti­ta­sking e saper vendere.
Se lavo­ri per un outsour­cer, capi­te­rà spes­so di cam­bia­re com­mes­sa di asse­gna­zio­ne: per cui oggi sei un con­su­len­te assi­cu­ra­ti­vo, doma­ni di tele­fo­nia e ADSL, dopo­do­ma­ni help­de­sk per una gran­de ban­ca, e via dicen­do: pen­sa­te che baga­glio di nozio­ni richie­da­no que­ste attività.
Nono­stan­te que­sto, la media degli sti­pen­di del set­to­re è da fame.

Io sono una “pri­vi­le­gia­ta”: ho un con­trat­to a tem­po inde­ter­mi­na­to per Com­da­ta Group Spa, una gran­de mul­ti­na­zio­na­le con cir­ca 700 mln di fat­tu­ra­to e 32000 dipen­den­ti nel mon­do, dei qua­li oltre 10000 in Ita­lia. Sono sta­ta assun­ta in Voda­fo­ne (a cui devo il mio sti­pen­dio digni­to­so e dove ho pas­sa­to 10 anni); nel 2007 Com­da­ta ha com­pra­to il ramo d’azienda su cui lavo­ra­vo, quin­di me e i miei cir­ca 200 col­le­ghi di Padova.

In que­sti anni, la #giu­sta­pa­ga che rice­via­mo per il nostro ope­ra­to, para­dos­sal­men­te si è tra­sfor­ma­ta in un han­di­cap.
Rispet­to al resto del set­to­re, i nostri sti­pen­di sono fuo­ri mer­ca­to, e ci ren­do­no ricat­ta­bi­li in ogni modo: costi trop­po, quin­di devi pro­dur­re di più, sem­pre di più. La con­cor­ren­za (soprat­tut­to con l’estero) è tut­ta sul prez­zo: la qua­li­tà non con­ta più nulla.
I com­mit­ten­ti impon­go­no tagli sem­pre più spre­giu­di­ca­ti: così ha fat­to TIM, ridu­cen­do del 20% i prez­zi con­cor­da­ti con Comdata.
Que­sto ha gene­ra­to un calo dei pro­fit­ti e dei volu­mi di atti­vi­tà, che Com­da­ta ha deci­so di com­pen­sa­re con la chiu­su­ra di due sedi, Pado­va e Poz­zuo­li (anch’essa ex-Voda­fo­ne), e il con­se­guen­te licen­zia­men­to di 278 per­so­ne. Qua­si tut­te don­ne con figli, tra i 40 e 50 anni, per le qua­li spes­so que­sto è l’unico red­di­to familiare.

Ma que­sti licen­zia­men­ti non sono frut­to di una cri­si: Com­da­ta sta inve­sten­do ovun­que, con nuo­ve acqui­si­zio­ni (in par­ti­co­la­re in Fran­cia) e assun­zio­ni in varie sedi d’Italia. A Mila­no, ad esem­pio, sono sta­te assun­te cir­ca 200 per­so­ne per la gestio­ne del­la com­mes­sa ILIAD: qua­si tut­ti inte­ri­na­li, ovvia­men­te, dei qua­li l’azienda si avva­le in mol­te sedi (Lec­ce ed Asti, ad esem­pio) ma dei qua­li si rifiu­ta di for­ni­re infor­ma­ti­va alle Orga­niz­za­zio­ni Sindacali.
In con­tem­po­ra­nea all’annuncio del nostro licen­zia­men­to, Com­da­ta veni­va elo­gia­ta dall’allora Mini­stro Calen­da per aver fat­to rien­tra­re in Ita­lia la com­mes­sa Fast­web, pri­ma gesti­ta in Roma­nia, che occu­pe­rà 200 per­so­ne circa.

È ben evi­den­te che la chiu­su­ra di Pado­va e Poz­zuo­li è una mera ope­ra­zio­ne finan­zia­ria, di mas­si­miz­za­zio­ne dei pro­fit­ti sul­la pel­le dei lavo­ra­to­ri e di tut­ti i con­tri­buen­ti, che soster­ran­no gli ammor­tiz­za­to­ri socia­li per que­ste per­so­ne. Il lavo­ro c’è, ma vie­ne spo­sta­to dove costa meno e dove è meno garan­ti­to, per ave­re mag­gio­ri pro­fit­ti e sfrut­ta­re tut­ta la “fles­si­bi­li­tà” del per­so­na­le precario.

La ver­ten­za Com­da­ta appro­de­rà pre­sto al Mini­ste­ro del Lavo­ro, dove ci augu­ria­mo ver­rà impo­sto un deci­so cam­bio di rot­ta, costrin­gen­do quest’azienda e le altre del set­to­re ad assu­mer­si final­men­te il loro rischio d’impresa, e non a sca­ri­car­lo sem­pre e solo sui lavo­ra­to­ri e sui con­tri­buen­ti.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.