Porto di Gioia Tauro: il governo intervenga per scongiurare i licenziamenti

Il "patto per la Calabria" destina 40 milioni di euro per il porto di Gioia Tauro eppure ci sono 422 operatori portuali che rischiano il licenziamento o la cassa integrazione.

Il “pat­to per la Cala­bria” desti­na 40  milio­ni di euro per il por­to di Gio­ia Tau­ro, in par­ti­co­la­re per il baci­no di care­nag­gio e 150 per altri inter­ven­ti strut­tu­ra­li. Eppu­re, ci sono 422 ope­ra­to­ri por­tua­li che rischia­no il licen­zia­men­to o la cas­sa inte­gra­zio­ne. Sem­bra un para­dos­so come tan­ti ne regi­stria­mo in Cala­bria. Un assur­do che giu­sti­fi­ca la dichia­ra­zio­ne dei sin­da­ca­ti alla stam­pa: “Il por­to di Gio­ia è sul­la boc­ca di tut­ti da anni ma nes­su­no se ne occupa”.

L’evoluzione del­lo sta­to di cri­si del­le azien­de che lì ope­ra­no sem­bra, dun­que, esse­re arri­va­ta al capo­li­nea tra i rin­vii del gover­no regio­na­le e i silen­zi di quel­lo cen­tra­le. E men­tre da una par­te i sin­da­ca­ti chie­do­no l’applicazione di un con­trat­to di soli­da­rie­tà, dall’altra le impre­se riba­di­sco­no “o cas­sa inte­gra­zio­ne straor­di­na­ria o licenziamenti”.

Eppu­re, dice­va­mo, l’infrastruttura sareb­be desti­na­ta­ria di cospi­cue som­me di inve­sti­men­to con fon­di pub­bli­ci. Il che moti­va ancor di più l’insistenza dei sin­da­ca­ti ver­so una con­trat­ta­zio­ne soli­da­le nell’attesa che ini­zi­no le ope­re pre­vi­ste e si diver­si­fi­chi­no le attività.

Quel­lo che non capia­mo è per­ché il Gover­no Ren­zi non riten­ga neces­sa­rio inter­ve­ni­re imme­dia­ta­men­te nel­la media­zio­ne tra una posi­zio­ne e l’altra, con­si­de­ran­do che la CIGS è qua­si sem­pre l’anticamera del licen­zia­men­to oltre che inci­de­re sul­le cas­se pub­bli­che e depri­me­re pro­fes­sio­na­li­tà e maestranze.

For­se il 43% di disoc­cu­pa­zio­ne gio­va­ni­le oltre alla pre­oc­cu­pan­te cre­sci­ta del nume­ro di per­so­ne che un lavo­ro nean­che lo cer­ca­no più non sono ele­men­ti suf­fi­cien­ti per sti­mo­la­re Ren­zi e i suoi mini­stri a avvia­re subi­to ope­ra­zio­ni che vada­no oltre le sli­de, i pro­cla­mi e la fir­ma dei “pat­ti”.

Pos­si­bi­le, coglien­do la soli­tu­di­ne e l’importanza del­la que­stio­ne, sostie­ne la richie­sta dei sin­da­ca­ti di un incon­tro urgen­te tra tut­ti i sog­get­ti inte­res­sa­ti affin­ché si rin­trac­ci­no solu­zio­ni capa­ci di evi­ta­re la mes­sa in mobi­li­tà di cen­ti­na­ia di lavo­ra­to­ri e al con­tem­po si rilan­ci l’infrastruttura in coe­ren­za alle poten­zia­li­tà strut­tu­ra­li e stra­te­gi­che che l’Hub por­tua­le ha nell’ambito del Medi­ter­ra­neo e dei col­le­ga­men­ti internazionali.

Fil­ly Pollinzi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.