La ministra Pinotti e la strategia militare contro le migrazioni

L'indifendibile ministra della Difesa, Roberta Pinotti, ha spiegato ieri qual è uno dei punti fondamentali della strategia di gestione dei flussi migratori proposta dal governo, focalizzandosi in particolare su quanto di sua competenza e sul contributo che può portare alla causa il proprio dicastero.

L’in­di­fen­di­bi­le mini­stra del­la Dife­sa, Rober­ta Pinot­ti, ha spie­ga­to ieri alcu­ni dei pun­ti fon­da­men­ta­li del­la stra­te­gia di gestio­ne dei flus­si migra­to­ri pro­po­sta dal gover­no, foca­liz­zan­do­si in par­ti­co­la­re su quan­to di sua com­pe­ten­za e sul con­tri­bu­to che può por­ta­re alla cau­sa il pro­prio dicastero.

La pri­ma que­stio­ne toc­ca­ta è la Libia, prin­ci­pa­le pae­se di tran­si­to per rag­giun­ge­re le coste ita­lia­ne, tan­to che — stan­do ai dati UNHCR — è dal­la Libia che si regi­stra­no poco meno del 90% del­le par­ten­ze. Le pri­me nazio­na­li­tà dichia­ra­te allo sbar­co sono Nige­ria, Eri­trea, Gui­nea, Costa d’A­vo­rio, Gam­bia, Sene­gal, Mali, Sudan, Ban­gla­desh e Soma­lia, a testi­mo­nian­za del fat­to che la Libia fun­zio­na da cata­liz­za­to­re del­le rot­te migra­to­rie, dal Gam­bia al Ban­gla­desh, appun­to. Ora, la Libia è uno pae­se in cui man­ca un vero e pro­prio eser­ci­zio del pote­re sta­tua­le, dato che vive da tem­po una gra­ve cri­si isti­tu­zio­na­le, ed è a que­sto pro­ble­ma che Pinot­ti ricon­du­ce le ragio­ni del­le par­ten­ze: «è pro­prio per que­sto che la Libia è il var­co dal qua­le pas­sa­no tut­ti i migran­ti», dice. Il ragio­na­men­to di fon­do è chia­ro: il gover­no libi­co non rie­sce a con­trol­la­re effi­ca­ce­men­te le fron­tie­re e quin­di non rie­sce a impe­di­re ai pro­fu­ghi e ai migran­ti di pro­se­gui­re i pro­pri per­cor­si ver­so l’Eu­ro­pa. Ecco per­ché, pro­se­gue Pinot­ti, «l’I­ta­lia, assie­me all’U­nio­ne Euro­pea, ha adde­stra­to la Guar­dia Costie­ra libi­ca», ed ecco per­ché cre­de che sia­no neces­sa­ri «accor­di, sia sul pia­no del con­trol­li dei con­fi­ni inter­ni sia sul pia­no di un con­trol­lo coor­di­na­to del mare, e quin­di da dove par­to­no i bar­co­ni e i gom­mo­ni cari­chi di migran­ti, sfrut­ta­ti dagli sca­fi­sti».

Ci sono tan­te cose sba­glia­te e tan­te cose peri­co­lo­se in que­sto ragio­na­men­to, che ali­men­ta un pro­ces­so di ester­na­liz­za­zio­ne del­la nostra fron­tie­ra, affi­dan­do alla Libia, in que­sto caso, il con­trol­lo dei flus­si. Sup­po­nia­mo che la Libia doves­se riu­sci­re a bloc­ca­re le par­ten­ze: qua­le risul­ta­to otter­rem­mo? In pri­mo luo­go, alcu­ni migran­ti e alcu­ni sca­fi­sti cer­che­ran­no comun­que di for­za­re i con­trol­li e il loro desti­no sarà anco­ra una vol­ta affi­da­to al mare. La mag­gio­ran­za dei migran­ti, inve­ce, rimar­rà bloc­ca­ta in un pae­se sen­za isti­tu­zio­ni sta­bi­li e che non ha fir­ma­to al Con­ven­zio­ne di Gine­vra sul­lo sta­tus dei rifu­gia­ti. Come risul­ta­to avre­mo per­so­ne che, secon­do il dirit­to inter­na­zio­na­le, han­no dirit­to all’a­si­lo ma alle qua­li que­sto dirit­to ver­rà nega­to, e non solo: il pas­sa­to del­la Libia ci rac­con­ta, di migran­ti impri­gio­na­ti, di tor­tu­re e di mor­ti. Non solo neghe­re­mo un dirit­to, per­ciò, ma rischie­rem­mo addi­rit­tu­ra di sot­to­por­re que­ste per­so­ne a con­di­zio­ni che con­fi­gu­ra­no ele­men­ti per chie­de­re ed otte­ne­re l’a­si­lo in un altro pae­se: un dop­pio para­dos­so. Ecco per­ché par­la­re di accor­di con la Libia per il con­trol­lo del­la fron­tie­ra è peri­co­lo­so. E’ inve­ce sba­glia­to par­lar­ne, inol­tre, nel momen­to in cui non si par­la, allo stes­so tem­po, del­l’aper­tu­ra di cana­li uma­ni­ta­ri, per­ché è que­sta la ragio­ne — spie­ga­te­lo alla Mini­stra — per le qua­li il “mer­ca­to” è in mano agli sca­fi­sti: se ci fos­se­ro vie d’ac­ces­so sicu­re per chie­de­re asi­lo in Euro­pa avrem­mo già scon­fit­to gli scafisti.

La secon­da que­stio­ne toc­ca­ta dal­la Mini­stra riguar­da l’im­pie­go del­l’e­ser­ci­to in Ita­lia. Per fare cosa? Per garan­ti­re l’or­di­ne pub­bli­co, in par­ti­co­la­re «anche per con­trol­la­re lad­do­ve una pre­sen­za signi­fi­ca­ti­va di immi­gra­ti potreb­be esse­re pro­ble­ma­ti­ca per l’or­di­ne pub­bli­co». E così tor­nia­mo alla pro­po­sta gover­na­ti­va di ria­pri­re i CIE, che sono esat­ta­men­te strut­tu­re nel­le qua­li si con­cen­tra una «pre­sen­za signi­fi­ca­ti­va di immi­gra­ti», tan­to che il Cor­rie­re sin­te­tiz­za effi­ca­ce­men­te la pro­po­sta di Pinot­ti in «uso del­l’e­ser­ci­to per moni­to­ra­re e gesti­re i CIE». A par­te la già accer­ta­ta inu­ti­li­tà dei CIE nel pro­ces­so di rim­pa­trio, vie­ne da chie­der­si secon­do qua­le logi­ca per­ver­sa il gover­no voglia crea­re cen­tri in cui si con­cen­tra­no mol­ti migran­ti, per poi dire che potreb­be­ro con­fi­gu­ra­re «una pro­ble­ma­ti­ca per l’or­di­ne pub­bli­co» e quin­di man­da­re l’e­ser­ci­to. Dav­ve­ro: ma che sen­so ha? Crea­te pro­ble­mi appo­sta per poi risol­ver­li “bril­lan­te­men­te”? 

Ci fa pia­ce­re, comun­que, che la mini­stra Pinot­ti si occu­pi di que­stio­ni migra­to­rie. Ci fareb­be anco­ra più pia­ce­re se, ad esem­pio, ci aiu­tas­se a com­bat­te­re le cau­se che stan­no alla base del­la fuga del­le per­so­ne dal­le pro­prie case. Tra que­ste c’è la guer­ra. La guer­ra in Siria, sicu­ra­men­te. Ma anche la guer­ra in Yemen, pae­se deva­sta­to dai bom­bar­da­men­ti del­le for­ze arma­te sau­di­te, con le qua­li l’I­ta­lia gode di un rap­por­to pri­vi­le­gia­to, come dimo­stra­no i dati sul­l’export di armi in par­ten­za dal­l’I­ta­lia. Cara mini­stra Pinot­ti, lei che è di casa a Riad, potreb­be pri­ma aiu­tar­ci in que­sto sen­so: che ne pensa?

Ste­fa­no Catone

Giu­sep­pe Civati

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.