La ministra Pinotti e la strategia militare contro le migrazioni

L'indifendibile ministra della Difesa, Roberta Pinotti, ha spiegato ieri qual è uno dei punti fondamentali della strategia di gestione dei flussi migratori proposta dal governo, focalizzandosi in particolare su quanto di sua competenza e sul contributo che può portare alla causa il proprio dicastero.

L’in­di­fen­di­bi­le mini­stra del­la Dife­sa, Rober­ta Pinot­ti, ha spie­ga­to ieri alcu­ni dei pun­ti fon­da­men­ta­li del­la stra­te­gia di gestio­ne dei flus­si migra­to­ri pro­po­sta dal gover­no, foca­liz­zan­do­si in par­ti­co­la­re su quan­to di sua com­pe­ten­za e sul con­tri­bu­to che può por­ta­re alla cau­sa il pro­prio dicastero.

La pri­ma que­stio­ne toc­ca­ta è la Libia, prin­ci­pa­le pae­se di tran­si­to per rag­giun­ge­re le coste ita­lia­ne, tan­to che — stan­do ai dati UNHCR — è dal­la Libia che si regi­stra­no poco meno del 90% del­le par­ten­ze. Le pri­me nazio­na­li­tà dichia­ra­te allo sbar­co sono Nige­ria, Eri­trea, Gui­nea, Costa d’A­vo­rio, Gam­bia, Sene­gal, Mali, Sudan, Ban­gla­desh e Soma­lia, a testi­mo­nian­za del fat­to che la Libia fun­zio­na da cata­liz­za­to­re del­le rot­te migra­to­rie, dal Gam­bia al Ban­gla­desh, appun­to. Ora, la Libia è uno pae­se in cui man­ca un vero e pro­prio eser­ci­zio del pote­re sta­tua­le, dato che vive da tem­po una gra­ve cri­si isti­tu­zio­na­le, ed è a que­sto pro­ble­ma che Pinot­ti ricon­du­ce le ragio­ni del­le par­ten­ze: «è pro­prio per que­sto che la Libia è il var­co dal qua­le pas­sa­no tut­ti i migran­ti», dice. Il ragio­na­men­to di fon­do è chia­ro: il gover­no libi­co non rie­sce a con­trol­la­re effi­ca­ce­men­te le fron­tie­re e quin­di non rie­sce a impe­di­re ai pro­fu­ghi e ai migran­ti di pro­se­gui­re i pro­pri per­cor­si ver­so l’Eu­ro­pa. Ecco per­ché, pro­se­gue Pinot­ti, «l’I­ta­lia, assie­me all’U­nio­ne Euro­pea, ha adde­stra­to la Guar­dia Costie­ra libi­ca», ed ecco per­ché cre­de che sia­no neces­sa­ri «accor­di, sia sul pia­no del con­trol­li dei con­fi­ni inter­ni sia sul pia­no di un con­trol­lo coor­di­na­to del mare, e quin­di da dove par­to­no i bar­co­ni e i gom­mo­ni cari­chi di migran­ti, sfrut­ta­ti dagli sca­fi­sti».

Ci sono tan­te cose sba­glia­te e tan­te cose peri­co­lo­se in que­sto ragio­na­men­to, che ali­men­ta un pro­ces­so di ester­na­liz­za­zio­ne del­la nostra fron­tie­ra, affi­dan­do alla Libia, in que­sto caso, il con­trol­lo dei flus­si. Sup­po­nia­mo che la Libia doves­se riu­sci­re a bloc­ca­re le par­ten­ze: qua­le risul­ta­to otter­rem­mo? In pri­mo luo­go, alcu­ni migran­ti e alcu­ni sca­fi­sti cer­che­ran­no comun­que di for­za­re i con­trol­li e il loro desti­no sarà anco­ra una vol­ta affi­da­to al mare. La mag­gio­ran­za dei migran­ti, inve­ce, rimar­rà bloc­ca­ta in un pae­se sen­za isti­tu­zio­ni sta­bi­li e che non ha fir­ma­to al Con­ven­zio­ne di Gine­vra sul­lo sta­tus dei rifu­gia­ti. Come risul­ta­to avre­mo per­so­ne che, secon­do il dirit­to inter­na­zio­na­le, han­no dirit­to all’a­si­lo ma alle qua­li que­sto dirit­to ver­rà nega­to, e non solo: il pas­sa­to del­la Libia ci rac­con­ta, di migran­ti impri­gio­na­ti, di tor­tu­re e di mor­ti. Non solo neghe­re­mo un dirit­to, per­ciò, ma rischie­rem­mo addi­rit­tu­ra di sot­to­por­re que­ste per­so­ne a con­di­zio­ni che con­fi­gu­ra­no ele­men­ti per chie­de­re ed otte­ne­re l’a­si­lo in un altro pae­se: un dop­pio para­dos­so. Ecco per­ché par­la­re di accor­di con la Libia per il con­trol­lo del­la fron­tie­ra è peri­co­lo­so. E’ inve­ce sba­glia­to par­lar­ne, inol­tre, nel momen­to in cui non si par­la, allo stes­so tem­po, del­l’aper­tu­ra di cana­li uma­ni­ta­ri, per­ché è que­sta la ragio­ne — spie­ga­te­lo alla Mini­stra — per le qua­li il “mer­ca­to” è in mano agli sca­fi­sti: se ci fos­se­ro vie d’ac­ces­so sicu­re per chie­de­re asi­lo in Euro­pa avrem­mo già scon­fit­to gli scafisti.

La secon­da que­stio­ne toc­ca­ta dal­la Mini­stra riguar­da l’im­pie­go del­l’e­ser­ci­to in Ita­lia. Per fare cosa? Per garan­ti­re l’or­di­ne pub­bli­co, in par­ti­co­la­re «anche per con­trol­la­re lad­do­ve una pre­sen­za signi­fi­ca­ti­va di immi­gra­ti potreb­be esse­re pro­ble­ma­ti­ca per l’or­di­ne pub­bli­co». E così tor­nia­mo alla pro­po­sta gover­na­ti­va di ria­pri­re i CIE, che sono esat­ta­men­te strut­tu­re nel­le qua­li si con­cen­tra una «pre­sen­za signi­fi­ca­ti­va di immi­gra­ti», tan­to che il Cor­rie­re sin­te­tiz­za effi­ca­ce­men­te la pro­po­sta di Pinot­ti in «uso del­l’e­ser­ci­to per moni­to­ra­re e gesti­re i CIE». A par­te la già accer­ta­ta inu­ti­li­tà dei CIE nel pro­ces­so di rim­pa­trio, vie­ne da chie­der­si secon­do qua­le logi­ca per­ver­sa il gover­no voglia crea­re cen­tri in cui si con­cen­tra­no mol­ti migran­ti, per poi dire che potreb­be­ro con­fi­gu­ra­re «una pro­ble­ma­ti­ca per l’or­di­ne pub­bli­co» e quin­di man­da­re l’e­ser­ci­to. Dav­ve­ro: ma che sen­so ha? Crea­te pro­ble­mi appo­sta per poi risol­ver­li “bril­lan­te­men­te”? 

Ci fa pia­ce­re, comun­que, che la mini­stra Pinot­ti si occu­pi di que­stio­ni migra­to­rie. Ci fareb­be anco­ra più pia­ce­re se, ad esem­pio, ci aiu­tas­se a com­bat­te­re le cau­se che stan­no alla base del­la fuga del­le per­so­ne dal­le pro­prie case. Tra que­ste c’è la guer­ra. La guer­ra in Siria, sicu­ra­men­te. Ma anche la guer­ra in Yemen, pae­se deva­sta­to dai bom­bar­da­men­ti del­le for­ze arma­te sau­di­te, con le qua­li l’I­ta­lia gode di un rap­por­to pri­vi­le­gia­to, come dimo­stra­no i dati sul­l’export di armi in par­ten­za dal­l’I­ta­lia. Cara mini­stra Pinot­ti, lei che è di casa a Riad, potreb­be pri­ma aiu­tar­ci in que­sto sen­so: che ne pensa?

Ste­fa­no Catone

Giu­sep­pe Civati

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.