Pillon a Varese: i comitati di Possibile in piazza

Siamo di fronte ad un arretramento preoccupante circa i risultati e le politiche a difesa della parità uomo – donna ottenuti negli scorsi decenni.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Nel­la cit­tà di Vare­se arri­ve­rà, pur­trop­po — dicia­mo noi -, il sena­to­re Pil­lon, pre­sen­ta­to­re del Dise­gno di Leg­ge 375, che por­ta il suo nome. Una pro­po­sta, quel­la con­te­nu­ta nel DDL Pil­lon, che pun­ta a supe­ra­re la leg­ge 54 sull’affidamento condiviso.

Pec­ca­to che inve­ce di supe­ra­re alcu­ne cri­ti­ci­tà del­la leg­ge, la pro­po­sta di Pil­lon vada nel­la dire­zio­ne di stra­vol­ge­re il “siste­ma del­la bi-geni­to­ria­li­tà” facen­do pas­sa­re in secon­do pia­no il “supe­rio­re inte­res­se del mino­re”, inde­bo­li­reb­be il ruo­lo del­la madre, più fra­gi­le da un pun­to di vista eco­no­mi­co. Vie­ne intro­dot­to inol­tre lo stop all’assegno di man­te­ni­men­to dei figli, e l’introduzione obbli­ga­to­ria del­la figu­ra del media­to­re fami­glia­re (a pagamento).

Un ritor­no indie­tro di oltre 50 anni, ren­den­do di fat­to più dif­fi­ci­le e com­ples­so il per­cor­so del­la sepa­ra­zio­ne e del divor­zio soprat­tut­to per le cop­pie in dif­fi­col­tà eco­no­mi­ca. Intro­du­cen­do una gra­ve disu­gua­glian­za tra gli individui.

Il tito­lo del­la sera­ta è altret­tan­to equi­vo­co: “La fami­glia: come soste­ner­la cul­tu­ral­men­te, eco­no­mi­ca­men­te, politicamente”.

E’ equi­vo­co per­ché gli espo­nen­ti poli­ti­ci come Pil­lon, in que­sti anni, han­no lavo­ra­to non a soste­gno del­la fami­glia, ma attac­can­do e discri­mi­nan­do quel­le real­tà che a det­ta loro stan­no minac­cian­do la fami­glia: le per­so­ne LGBT+ ad esem­pio, le Unio­ni Civi­li che avreb­be­ro dovu­to por­ta­re ad una distru­zio­ne del­la società.

Che “il Pil­lon” abbia un dispo­sto nor­ma­ti­vo deva­stan­te lo dimo­stra il fat­to che diver­se asso­cia­zio­ni di avvo­ca­ti, psi­co­lo­gi e ope­ra­to­ri che si occu­pa­no di fami­glia e mino­ri,  giu­ri­sti, anche cat­to­li­ci, giu­di­ci mino­ri­li, cen­tri anti­vio­len­za, movi­men­ti fem­mi­ni­sti si sia­no subi­to mos­si insie­me per con­tra­sta­re que­sta visio­ne maschi­li­sta che si cela nel­le nor­me del dise­gno di legge.

Va ricor­da­to inol­tre che anche le rela­tri­ci spe­cia­li del­le Nazio­ni Uni­te sul­la vio­len­za e la discri­mi­na­zio­ne con­tro le don­ne, Dubra­v­ka Šimo­no­vić e Iva­na Radačić, lo scor­so 22 otto­bre 2018 han­no scrit­to una let­te­ra pre­oc­cu­pa­ta al gover­no italiano.

Pre­oc­cu­pan­te, inol­tre, che una del­le idee su cui si base il DDL 375, si rifà alla pre­sun­ta “sin­dro­me di alie­na­zio­ne paren­ta­le”, una teo­ria non scien­ti­fi­ca e inat­ten­di­bi­le che non è con­tem­pla­ta nem­me­no nel Manua­le Dia­gno­sti­co. Con­cre­ta­men­te si sostie­ne la dife­sa dei padri vio­len­ti accu­san­do la moglie di aver “mani­po­la­to” il figlio. Una vera aberrazione.

Si par­la di bige­ni­to­ria­lià per­fet­ta, si leg­ge umi­lia­zio­ne del­le donne.

Inol­tre va sot­to­li­nea­to come, all’interno del­la discus­sio­ne pres­so la Com­mis­sio­ne Giu­sti­zia del Sena­to, al DDL 375 sia­no sta­te aggiun­te altre pro­po­ste di leg­ge tra le qua­li quel­la che Modi­fi­ca l’articolo 572 del codi­ce pena­le, la nor­ma che puni­sce la vio­len­za dome­sti­ca, pre­ve­den­do che i mal­trat­ta­men­ti deb­ba­no esse­re siste­ma­ti­ci e rivol­ti «nei con­fron­ti di una per­so­na del­la fami­glia o di un minore».

Sia­mo di fron­te ad un arre­tra­men­to pre­oc­cu­pan­te cir­ca i risul­ta­ti e le poli­ti­che a dife­sa del­la pari­tà uomo – don­na otte­nu­ti negli scor­si decenni.

Il ddl Pil­lon “stra­vol­ge il sen­so del­la nor­ma­ti­va appro­va­ta già nel 2001 su istan­za dei cen­tri anti­vio­len­za per inter­ve­ni­re con misu­re cau­te­la­ri nel momen­to di mag­gior peri­co­lo per la don­na. Con que­sto ddl, se la don­na osa denun­cia­re con­dot­te mal­trat­tan­ti e chie­de­re l’allontanamento di chi agi­sce vio­len­za, rischia di esse­re accu­sa­ta di pro­vo­ca­re ‘gra­ve pre­giu­di­zio ai dirit­ti rela­zio­na­li del figlio mino­re e degli altri fami­lia­ri’, con la con­se­guen­za di sco­rag­gia­re anco­ra di più qual­sia­si ini­zia­ti­va di richie­sta di inter­ven­to dell’autorità giu­di­zia­ria al fine di usci­re dal­la violenza”.

Un DDL che non è emen­da­bi­le o modi­fi­ca­bi­le, ma che va riti­ra­to completamente.

Per que­sto moti­vo come Cir­co­li Alex Lan­ger e Rosa Parks di Vare­se ade­ri­re­mo con­vin­ta­men­te al pre­si­dio pre­vi­sto vener­dì 15 feb­bra­io alle ore 18.00 pres­so Piaz­za del Gari­bal­di­no a Vare­se.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?