Patto di stabilità dei comuni: alleggerito o appesantito? Dipende.

Pochi gior­ni fa il Sole 24 ore ha pub­bli­ca­to i risul­ta­ti di un’a­na­li­si con­dot­ta insie­me al Cen­tro Stu­dio Real Sin­te­si che cer­ca­va di quan­ti­fi­ca­re in ter­mi­ni pro-capi­te l’effet­to net­to del­la finan­zia­ria sui cit­ta­di­ni di ogni comu­ne capo­luo­go di pro­vin­cia in ter­mi­ni di tra­sfe­ri­men­ti dal­lo sta­to all’am­mi­ni­stra­zio­ne comunale.

L’o­biet­ti­vo del­la leg­ge di sta­bi­li­tà nei con­fron­ti dei bilan­ci dei comu­ni è cor­reg­ge­re alcu­ni difet­ti strut­tu­ra­li nel­la gestio­ne dei mede­si­mi, pun­tan­do su tagli da un lato e scon­ti sugli obiet­ti­vi del Pat­to di Sta­bi­li­tà dal­l’al­tro. Riman­go­no dub­bi sul­la soste­ni­bi­li­tà ed effi­ca­cia del­la mano­vra per il sem­pli­ce fat­to che i tagli sono cer­ti men­tre per sfrut­ta­re gli scon­ti i comu­ni devo­no esse­re vir­tuo­si e ave­re risor­se da spendere.

salvadanaio-con-il-lucchetto-t

La mano­vra si com­po­ne sostan­zial­men­te di tre com­po­nen­ti, due di segno nega­ti­vo e uno poten­zial­men­te posi­ti­vo. La pri­ma sono i tagli ai tra­sfe­ri­men­ti diret­ti. La secon­da è la costi­tu­zio­ne di un fon­do para­ca­du­te per copri­re le man­ca­te riscos­sio­ni di one­ri e tri­bu­ti da par­te del­le ammi­ni­stra­zio­ni (det­to Fon­do cre­di­ti di dub­bia esi­gi­bi­li­tà). Que­sti fon­di saran­no tan­to più ingen­ti quan­to mino­re la per­cen­tua­le di riscos­sio­ne, la media è del 66,5% ma al sud si arri­va fino al 44–45%. La ter­za, quel­la di segno posi­ti­vo, è l’allen­ta­men­to del Pat­to di Sta­bi­li­tà che è sta­to pen­sa­to per libe­ra­re la spe­sa su inve­sti­men­ti loca­li che rispet­to alle gran­di infra­strut­tu­re dovreb­be­ro tra­dur­si in lavo­ro rea­le mol­to più velo­ce­men­te. Il pro­ble­ma è che la som­ma alge­bri­ca di que­sti tre ele­men­ti per mol­ti comu­ni, in par­ti­co­la­re la mag­gio­ran­za di quel­li al cen­tro-sud, potreb­be esse­re nega­ti­va.

L’a­na­li­si mostra quin­di che il sal­do net­to del­la mano­vra per ogni abi­tan­te di Reg­gio Cala­bria sarà -172€ men­tre a Sie­na sarà di +61€. Sem­bra però che il perio­do feli­ce per le cit­tà con sal­do posi­ti­vo potreb­be dura­re un anno sol­tan­to, per­ché dal­l’an­no pros­si­mo l’en­ti­tà del fon­do para­ca­du­te sarà mag­gio­re e pro­sciu­ghe­rà anco­ra più risor­se. Esem­pio lam­pan­te di quel­lo che potreb­be suc­ce­de­re è Mila­no che, nono­stan­te abbia tas­si di riscos­sio­ni supe­rio­ri alla media già appli­ca in via spe­ri­men­ta­le le rego­le nel­la ver­sio­ne più strin­gen­te, pre­sen­ta il secon­do peg­gior sal­do a livel­lo nazio­na­le con -138€.

La par­te del­la leg­ge di sta­bi­li­tà che riguar­da i comu­ni pre­sen­ta quin­di un lato meri­te­vo­le pre­vi­sto dal­la rifor­ma del­la con­ta­bi­li­tà degli enti loca­li, che cer­ca di ridur­re la pra­ti­ca di inse­ri­re nei bilan­ci entra­te che poi non ven­go­no incas­sa­te e che trop­po spes­so ha fini­to per finan­zia­re spe­se rea­li con entra­te teo­ri­che. La costri­zio­ne ad una mag­gio­re disci­pli­na pur­trop­po però fa sì che l’allen­ta­men­to del pat­to di sta­bi­li­tà ven­ga in mol­ti casi vani­fi­ca­to, lascian­do i comu­ni con mino­ri risorse.

È uti­le ricor­da­re che in assen­za di un pia­no nazio­na­le con­tro la pover­tà, che rior­di­ni mol­ti isti­tu­ti a soste­gno del­le fasce più debo­li, le poli­ti­che socia­li sono in mano agli enti loca­li. Pur­trop­po anche la spe­ri­men­ta­zio­ne avvia­ta sul Red­di­to Mini­mo dal Gover­no Let­ta è sta­ta inter­rot­ta dal pre­sen­te Gover­no e il tema assai discus­so nel­la scor­sa cam­pa­gna elet­to­ra­le sem­bra spa­ri­to dall’agenda poli­ti­ca italiana.

Mol­ti comu­ni, spe­cial­men­te al sud, dove la cri­si si è fat­ta mag­gior­men­te sen­ti­re, han­no quin­di un sal­do di tra­sfe­ri­men­ti pro-capi­te nega­ti­vo. Faci­le pen­sa­re che tra le pri­me vit­ti­me di que­sti tagli ci saran­no gli inter­ven­ti con­tro la pover­tà e altre poli­ti­che socia­li, tra cui maga­ri i nidi d’in­fan­zia. I desti­na­ta­ri di que­ste spe­se dei comu­ni sono spes­so colo­ro che sono così pove­ri che non rice­vo­no nem­me­no gli 80€ in più in busta paga, per­ché non han­no un lavo­ro o non sono dipen­den­ti. Sia­mo quin­di sicu­ri che le risor­se arri­ve­ran­no a chi ne ha più biso­gno? Io no.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.