L’Europa negozia sul TTIP e l’Italia sta a guardare

Dall’estate 2013 la Com­mis­sio­ne euro­pea sta nego­zian­do con gli Sta­ti Uni­ti, un trat­ta­to per il com­mer­cio e la pro­te­zio­ne degli inve­sti­men­ti, il TTIP, che se appro­va­to dareb­be vita alla più gran­de area di libe­ro scam­bio del­la sto­ria, com­pren­den­te i 50 Sta­ti Uni­ti d’America e il 28 Sta­ti dell’Unione Euro­pea. I det­ta­gli di tale accor­do sono coper­ti da riser­va­tez­za, per­ché, affer­ma­no gli uomi­ni del­le isti­tu­zio­ni Ue e nazio­na­li, trop­pa tra­spa­ren­za com­pli­che­reb­be la posi­zio­ne nego­zia­le degli euro­pei. In Ita­lia per il momen­to vi è sta­to un dibat­ti­to assai povero.

Una vol­ta defi­ni­to l’accordo il trat­ta­to dovrà esse­re vota­to dal Par­la­men­to euro­peo e dal Con­si­glio UE, il secon­do pas­sag­gio è quel­lo più com­pli­ca­to, per­ché il veto di un solo pae­se dell’UE può fare sal­ta­re tut­to. Obiet­ti­vo prio­ri­ta­rio del trat­ta­to di libe­ro scam­bio non è abbat­te­re le bar­rie­re tarif­fa­rie (i dazi), ma le bar­rie­re rego­la­men­ta­ri. Si vuol met­te­re in con­di­zio­ne le impre­se euro­pee e ame­ri­ca­ne di “usa­re una sola cate­na di mon­tag­gio” per i pro­dot­ti desti­na­ti al mer­ca­to ame­ri­ca­no e per quel­li desti­na­ti al mer­ca­to europeo.

TTIP

I con­te­sta­to­ri affer­ma­no che l’accordo che Bru­xel­les ha l’obiettivo di sigla­re azze­re­reb­be la disci­pli­na sul­la tute­la del con­su­ma­to­re, potreb­be impe­di­re alle isti­tu­zio­ni ed ai tri­bu­na­li degli Sta­ti Euro­pei di vie­ta­re alle impre­se ame­ri­ca­ne di com­pie­re ope­ra­zio­ni rischio­se come la costru­zio­ne di cen­tra­li nuclea­ri, potreb­be rimet­te­re in discus­sio­ne i com­pro­mes­si rag­giun­ti a fati­ca sul­la tute­la dell’ambiente o aggi­ra­re il voto con cui il par­la­men­to euro­peo ha boc­cia­to il trat­ta­to inter­na­zio­na­le ACTA rela­ti­vo alla lot­ta alla contraffazione.
La com­mis­sio­ne uscen­te, gui­da­ta dal por­to­ghe­se Bar­ro­so ha pub­bli­ca­to diver­si docu­men­ti in cui assi­cu­ra che la tute­la dell’ambiente, del con­su­ma­to­re e dei lavo­ra­to­ri non ver­ran­no mes­se in discus­sio­ne e sti­ma i bene­fi­ci del trat­ta­to in un aumen­to del pil euro­peo di 120 miliar­di entro il 2027.

Non solo i par­ti­ti social­de­mo­cra­ti­ci e pro­gres­si­sti, ma anche buo­na par­te dei sin­da­ca­ti con­fi­da­no in un buon esi­to del­le trat­ta­ti­ve; sono con­vin­ti che la con­clu­sio­ne di un buon accor­do pos­sa esse­re una poli­ti­ca anti-cri­si a costo zero. È inte­res­san­te leg­ge­re le posi­zio­ni uffi­cia­li del­la CGIL, un sin­da­ca­to che in Ita­lia è da mol­ti con­si­de­ra­to il “par­ti­to del no”, che pure ha aper­to all’accordo di libe­ro scam­bio sul­la base del­la con­si­de­ra­zio­ne che occor­re una rispo­sta non con­ven­zio­na­le alla cri­si, ma ha accu­sa­to la com­mis­sio­ne di Bar­ro­so di aver dif­fu­so note sul­la soste­ni­bi­li­tà del trat­ta­to e nume­ri sul­la cre­sci­ta del pil sen­za aver fat­to stu­di ed ana­li­si eco­no­mi­che. I docu­men­ti libe­ra­men­te sca­ri­ca­bi­li dal sito del­la com­mis­sio­ne non sem­bra­no fuga­re i dub­bi del­la CGIL.

La Com­mis­sio­ne Junc­ker, che si sta inse­dian­do in que­sti gior­ni è più tie­pi­da sul TTIP, e soprat­tut­to sem­bra, a dif­fe­ren­za del pre­ce­den­te col­let­ti­vo, osti­le alla clau­so­la del trat­ta­to che pre­ve­de il dirit­to del­le impre­se este­re, ma non di quel­le nazio­na­li e degli Sta­ti mem­bri, di ricor­re­re ad un col­le­gio arbi­tra­le, noto con l’acronimo ISDS, nel caso in cui si riten­ga­no pre­giu­di­ca­te da una nuo­va nor­ma­ti­va. I col­le­gi arbi­tra­li- ISDS esi­sto­no in mol­tis­si­mi trat­ta­ti per la tute­la degli inve­sti­men­ti; un simi­le isti­tu­to fu per la pri­ma vol­ta pre­vi­sto in un accor­do tra la Ger­ma­nia ed il Paki­stan del 1959.

Tut­to è nato in Ger­ma­nia e tut­to potreb­be mori­re in Ger­ma­nia, poi­ché pro­prio nel pae­se di Ange­la Mer­kel sono sta­te leva­te for­ti cri­ti­che a tali col­le­gi arbi­tra­li. Il set­ti­ma­na­le Die Zeit, i cui ver­ti­ci affer­ma­no di ave­re a dispo­si­zio­ne una boz­za del trat­ta­to, ricor­da che in for­za di una clau­so­la ISDS la socie­tà sve­de­se Vat­ten­fall, atti­va nel set­to­re dell’energia ha chie­sto pres­so un col­le­gio arbi­tra­le di New York un risar­ci­men­to miliar­da­rio, anco­ra da quan­ti­fi­ca­re, allo Sta­to tede­sco. Secon­do Die Zeit il vero pro­ble­ma di tale tipo di clau­so­le non sono i risar­ci­men­ti miliar­da­ri, che pure gli Sta­ti potreb­be­ro esse­re chia­ma­ti a paga­re, ma il fat­to che il col­le­gio arbi­tra­le potreb­be dive­ni­re un’insolita ed insa­na sede dell’ultima fron­tie­ra del lob­by­ing, ove le mul­ti­na­zio­na­li usa­no la pos­si­bi­li­tà di chie­de­re un risar­ci­men­to per otte­ne­re che ven­ga­no ammor­bi­di­te nor­ma­ti­ve a loro osti­li.

Il lea­der social­de­mo­cra­ti­co e vice­can­cel­lie­re tede­sco Sig­mar Gabriel ha affer­ma­to che è con­sa­pe­vo­le dell’importanza geo-stra­te­gi­ca del trat­ta­to, ma se non ver­rà esclu­sa la pos­si­bi­li­tà per le impre­se di ricor­re­re al tri­bu­na­le arbi­tra­le, la Ger­ma­nia por­rà il veto sull’approvazione del trattato.
Ruo­lo non tra­scu­ra­bi­le ha la Com­mis­sa­ria al com­mer­cio, la popo­la­re-libe­ra­le sve­de­se Ceci­lia Malm­ström, già com­mis­sa­ria agli inter­ni di Bar­ro­so, che si è espres­sa in modo abba­stan­za favo­re­vo­le alla clau­so­la ISDS. È signi­fi­ca­ti­vo però che Junc­ker abbia attri­bui­to la respon­sa­bi­li­tà dell’ISDS al vice­pre­si­den­te del­la Com­mis­sio­ne, il labu­ri­sta olan­de­se Frans Tim­mer­mans sca­val­can­do Malm­ström. La nuo­va com­mis­sio­ne sta pren­den­do tem­po. Obiet­ti­vo dell’amministrazione ame­ri­ca­na è quel­lo di sigla­re l’accordo pri­ma del­le ele­zio­ni pre­si­den­zia­li, non si esclu­de che il tem­po­reg­gia­re del­le nuo­va com­mis­sio­ne pos­sa fare sal­ta­re tut­to. A ciò si aggiun­ge l’opposizione del­la Cina e di impor­tan­ti part­ner dell’UE come la Turchia.

Si noti che un trat­ta­to ana­lo­go al TTIP, il CETA, è sta­to con­clu­so di recen­te con il Cana­da ed ades­so deve esse­re appro­va­to dal par­la­men­to euro­peo. Il CETA ha una clau­so­la rela­ti­va al col­le­gio arbi­tra­le, anche se il suo ruo­lo è sta­to limi­ta­to rispet­to a quel­lo che soli­ta­men­te è nei trat­ta­ti ed è sta­bi­li­ta la pos­si­bi­li­tà di ricor­re­re in appel­lo, cosa non scontata.

Sareb­be ragio­ne­vo­le chie­der­si quin­di dov’è la poli­ti­ca ita­lia­na. Il gover­no Ren­zi è appar­so assai con­trad­dit­to­rio, il pre­mier ed il mini­stro Gui­di han­no infat­ti sot­to­li­nea­to che biso­gna con­clu­de­re un accor­do il pri­ma pos­si­bi­le ma non si con­clu­de­rà un accor­do ad ogni costo. Una del­le poche posi­zio­ni net­te è quel­la dell’europarlamentare Ser­gio Cof­fe­ra­ti, che ritie­ne il TTIP deb­ba esse­re boc­cia­to per­ché non è nell’interesse degli europei.

L’opinione pub­bli­ca in Ita­lia è poco infor­ma­ta e non sem­bra che il mon­do dell’associazionismo, dei sin­da­ca­ti, del­le orga­niz­za­zio­ni ambien­ta­li­ste, di tute­la dei con­su­ma­to­ri e del­le pic­co­le e medie impre­se stia lavo­ran­do in Ita­lia in modo par­ti­co­lar­men­te inci­si­vo sul­la que­stio­ne. Negli ulti­mi die­ci anni Bru­xel­les è sta­ta la sede di signi­fi­ca­ti­vi scon­tri tra il mon­do del busi­ness e la socie­tà civi­le: il rego­la­men­to Reach, rela­ti­vo ai pro­dot­ti chi­mi­ci è sta­to appro­va­to dopo esse­re sta­to emen­da­to in modo signi­fi­ca­ti­vo; la stes­sa sor­te è toc­ca­ta alla diret­ti­va Bol­kei­stein, rela­ti­va alla libe­ra pre­sta­zio­ne di ser­vi­zi nel mer­ca­to inter­no, infi­ne il par­la­men­to ha riget­ta­to il già cita­to accor­do ACTA. Su tali prov­ve­di­men­ti su oppo­sti fron­ti, sono sta­ti mol­to atti­vi grup­pi che rap­pre­sen­ta­no gli inte­res­si eco­no­mi­ci, grup­pi che rap­pre­sen­ta­no la socie­tà civi­le e par­la­men­ta­ri fran­ce­si e tede­schi. Meno atti­vi sono sta­ti gli ita­lia­ni. Poi qual­cu­no anni dopo l’approvazione del­la diret­ti­va Bol­ke­stein ha lamen­ta­to che gli inte­res­si ita­lia­ni non era­no sta­ti tenu­ti in con­si­de­ra­zio­ne nel­la sua definizione.

La sto­ria si ripe­te, poi­ché in Ita­lia ben pochi si stan­no inte­res­san­do a que­stio­ni impor­tan­ti come il fat­to che deter­mi­na­te con­tro­ver­sie pos­sa­no esse­re affi­da­te a cor­ti arbi­tra­li, e non ai tri­bu­na­li. Il pro­ble­ma più gros­so per l’Italia non è il TTIP, che potreb­be esse­re riget­ta­to dal par­la­men­to euro­peo, o nem­me­no arri­va­re sui ban­chi del par­la­men­to; il pro­ble­ma più gros­so è la man­can­za di un lob­by­ing socia­le atti­vo in Ita­lia, capa­ce di gio­ca­re un suo ruo­lo nel­le più impor­tan­ti par­ti­te del­la glo­ba­liz­za­zio­ne.
Ser­ve una socie­tà civi­le euro­pea ed anche quel­la ita­lia­na deve fare la sua parte.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.