Di che parlano i 5 stelle quando parlano di migrazioni?

Il Movimento 5 Stelle scrive cose che ricordano le destre europee e nostrane, partendo da una descrizione distorta della realtà. E ci spieghi quali sono le proposte.
respingimenti

E’ la doman­da che sor­ge spon­ta­nea leg­gen­do que­sto post pub­bli­ca­to sul sito del Movi­men­to, pare a cura del grup­po al Par­la­men­to euro­peo. La tesi del post è mol­to sem­pli­ce: le poli­ti­che del gover­no Ren­zi sono la cau­sa del­l’e­splo­sio­ne degli sbar­chi regi­stra­ta nel 2014 e nel 2015. I dati del 2016 non sono cita­ti, for­se per­ché il gra­fi­co che vie­ne uti­liz­za­to è pre­so da Wiki­pe­dia e Wiki­pe­dia non è anco­ra sta­ta aggior­na­ta, ma — udi­te udi­te! — basta anda­re sul sito del Mini­ste­ro del­l’In­ter­no per tro­va­re anche i dati del 2016, che comun­que sono in linea con i due anni precedenti.

La tesi, dice­va­mo, è: sic­co­me Ren­zi gover­na dal 2014 e sic­co­me gli sbar­chi nel 2014 e nel 2015 sono aumen­ta­ti ver­ti­gi­no­sa­men­te, allo­ra è col­pa di Ren­zi.

Ora, su que­ste pagi­ne non si sono mai rispar­mia­te cri­ti­che a Ren­zi, ma sem­pre a par­ti­re dai fat­ti e dai dati ogget­ti­vi, cosa che è neces­sa­rio fare in ogni occa­sio­ne.

Met­te­re in rela­zio­ne le due varia­bi­li (inse­dia­men­to di Ren­zi e nume­ro degli sbar­chi) è sem­pli­ce­men­te scor­ret­to. E vedia­mo per­ché, pun­to per punto.

«Da quan­do gover­na Ren­zi il nume­ro degli sbar­chi (e dei mor­ti pur­trop­po) è tri­pli­ca­to. Fata­li­tà? Coin­ci­den­za? No, sem­pli­ce­men­te poli­ti­che sba­glia­te, quel­le che il Movi­men­to 5 Stel­le vuo­le cam­bia­re», scri­vo­no i 5 stel­le. Ma in real­tà Ren­zi ave­va ere­di­ta­to una mis­sio­ne volu­ta dal gover­no Let­ta, Mare Nostrum, che fece tan­tis­si­mo per il sal­va­tag­gio dei migran­ti in mare. E la can­cel­lò, sosti­tuen­do­la con una mis­sio­ne euro­pea aven­te un man­da­to più cir­co­scrit­to, che nel tem­po è sta­to amplia­to. Sicu­ra­men­te Ren­zi non incen­ti­vò in alcun modo gli arri­vi da que­sto pun­to di vista, anzi.

«C’è la fir­ma di Ren­zi sul­l’accor­do con la Tur­chia che è ser­vi­to a spo­sta­re gli sbar­chi dal­la rot­ta bal­ca­ni­ca, quel­la che por­ta­va diret­ta­men­te alla Ger­ma­nia, a quel­la medi­ter­ra­nea che oggi por­ta di nuo­vo ver­so l’I­ta­lia», scri­vo­no i 5 stel­le. Ma l’ac­cor­do tra Unio­ne euro­pea e Tur­chia è del mar­zo del 2016, perio­do che non vie­ne nem­me­no pre­so in con­si­de­ra­zio­ne dai 5 stel­le. E se ci rife­ria­mo all’an­no 2015, che inve­ce rien­tra nel­la loro ana­li­si, è sta­to esat­ta­men­te que­sto l’an­no in cui è esplo­so il nume­ro di migran­ti che han­no per­cor­so la rot­ta bal­ca­ni­ca, supe­ran­do la rot­ta del Medi­ter­ra­neo centrale.

«Per­ché non fer­ma l’ex­port del­le armi ver­so l’A­ra­bia Sau­di­ta?», scri­vo­no infi­ne i 5 stel­le. E su que­sto non pos­sia­mo che esse­re d’ac­cor­do.

Il qua­dro che esce dal post del Movi­men­to 5 Stel­le non è mol­to diver­so dal qua­dro che dan­no le destre euro­pee e nostra­ne, secon­do le qua­li sta­rem­mo suben­do un’in­va­sio­ne, e secon­do le qua­li i flus­si andreb­be­ro fer­ma­ti. Un approc­cio che in real­tà non è nem­me­no così distan­te dal­l’ap­proc­cio del “migra­tion com­pact”, soste­nu­to da Ren­zi e dal­l’UE, che vor­reb­be repli­ca­re l’ac­cor­do UE-Tur­chia un po’ ovun­que nel mon­do (e chis­se­ne­fre­ga se dal­l’al­tra par­te ci sono dit­ta­to­ri, per dire).

Per con­clu­de­re, sia­mo tut­ti d’ac­cor­do che le poli­ti­che del­l’a­si­lo e migra­to­rie del nostro pae­se vada­no cam­bia­te. Anche il Movi­men­to 5 Stel­le. Ma come? 

«Una vol­ta giun­ti in Euro­pa migran­ti afri­ca­ni e asia­ti­ci ven­go­no sfrut­ta­ti come moder­ni schia­vi. In Ita­lia la pia­ga del­lo sfrut­ta­men­to del­la mano­do­pe­ra e del lavo­ro in nero degli immi­gra­ti è mol­to dif­fu­sa, soprat­tut­to nel Sud Ita­lia per la rac­col­ta di aran­ce e pomo­do­ri», scri­vo­no i 5 stel­le. Noi rite­nia­mo sia fon­da­men­ta­le — insie­me ad altre misu­re — can­cel­la­re il rea­to di immi­gra­zio­ne clan­de­sti­na per com­bat­te­re que­sto feno­me­no, ad esem­pio. E for­ni­re moda­li­tà per cer­ca­re lavo­ro legal­men­te nel nostro pae­se. E voi?

Rite­nia­mo che l’ac­co­glien­za pos­sa por­ta­re bene­fi­ci a tut­ti quan­ti, ita­lia­ni e stra­nie­ri, se gesti­ta come si deve, supe­ran­do la gestio­ne in emer­gen­za che al momen­to è asso­lu­ta­men­te pre­va­len­te. E voi?

Rite­nia­mo che il dirit­to d’a­si­lo deb­ba esse­re un dirit­to da esten­de­re a chi scap­pa da situa­zio­ni cli­ma­ti­che e ambien­ta­li proi­bi­ti­ve per la vita uma­na. E che deb­ba esse­re garan­ti­ta pro­te­zio­ne a chi scap­pa dal­la fame.  E voi?

Rite­nia­mo che il dirit­to d’a­si­lo e alla pro­te­zio­ne deb­ba esse­re un dirit­to esi­gi­bi­le sen­za affron­ta­re tra­ver­sa­te del­la spe­ran­za (e del­la mor­te) nel­le mani dei traf­fi­can­ti, garan­ten­do vie lega­li e sicu­re d’ac­ces­so. E voi?

Per­ché, se non fos­se chia­ro, la dif­fe­ren­za tra destra e sini­stra sta esat­ta­men­te qui.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.