Mare Nostrum e Triton non sono la stessa cosa

immigrazione-4«Mare Nostrum non con­vi­vrà con Tri­ton, ma sarà chiu­sa. D’accordo con il pre­mier, ad un pros­si­mo Con­si­glio dei mini­stri sarà deli­be­ra­ta la con­clu­sio­ne dell’operazione»», ha annun­cia­to il 16 otto­bre il mini­stro Ange­li­no Alfa­no, facen­do inten­de­re che l’o­pe­ra­zio­ne Tri­ton sosti­tui­rà l’o­pe­ra­zio­ne Mare Nostrum. Ecco, non è affat­to così, e spie­ghe­re­mo per qua­li motivi.

Andia­mo con ordi­ne.

L’o­pe­ra­zio­ne Mare Nostrum «è ini­zia­ta — si leg­ge sul sito del­la Mari­na — il 18 otto­bre 2013 per fron­teg­gia­re lo sta­to di emer­gen­za uma­ni­ta­ria in cor­so nel­lo Stret­to di Sici­lia, dovu­to all’ec­ce­zio­na­le afflus­so di migran­ti. L’O­pe­ra­zio­ne con­si­ste nel poten­zia­men­to del dispo­si­ti­vo di con­trol­lo dei flus­si migra­to­ri e […] ha dun­que una dupli­ce mis­sio­ne: garan­ti­re la sal­va­guar­dia del­la vita in mare e assi­cu­ra­re alla giu­sti­zia tut­ti colo­ro i qua­li lucra­no sul traf­fi­co ille­ga­le di migran­ti». L’o­pe­ra­zio­ne si è svol­ta in con­tem­po­ra­nea e in siner­gia con le atti­vi­tà pro­mos­se da Fron­tex, l’Agen­zia euro­pea per la gestio­ne del­la coo­pe­ra­zio­ne inter­na­zio­na­le alle fron­tie­re ester­ne degli Sta­ti mem­bri del­l’U­nio­ne europea.

Mare Nostrum nasce quin­di su ini­zia­ti­va ita­lia­na, con lo sco­po di affian­ca­re l’o­pe­ra­to del­l’U­nio­ne Europea.

I risul­ta­ti del­l’o­pe­ra­zio­ne sem­bra­no sod­di­sfa­cen­ti: secon­do dichia­ra­zio­ni del­lo stes­so Alfa­no, gli immi­gra­ti soc­cor­si e mes­si in sal­vo sono sta­ti poco meno di 100mila (ma c’è chi sostie­ne sia­no sta­ti oltre 140mila), men­tre 500 sca­fi­sti sono sta­ti arre­sta­ti e tre navi madre seque­stra­te. Nono­stan­te Mare Nostrum, 3mila migran­ti sono mor­ti o dispersi.

Quan­to costa Mare Nostrum?

Le cifre non sono con­cor­di, e varia­no da 1,5 milio­ni di euro al mese (fon­te: Mario Mau­ro, allo­ra mini­stro del­la Dife­sa) a 10,5 milio­ni di euro al mese (fon­te: inchie­sta del Sole 24 Ore), ai 237 milio­ni all’an­no (fon­te: L’E­spres­so).

Le stra­gi di migran­ti nel cana­le di Sici­lia, però, continuano.

Come a mag­gio. In quel­l’oc­ca­sio­ne il pre­si­den­te del Con­si­glio Ren­zi dichiara:

Schermata 10-2456947 alle 15.57.41

«Dob­bia­mo dire all’Eu­ro­pa — incal­za Ren­zi — che non può sal­va­re le ban­che e non sal­va­re don­ne e bam­bi­ni. Le isti­tu­zio­ni euro­pee non pos­so­no girar­si dal­l’al­tra par­te». Gli fa eco Fede­ri­ca Moghe­ri­ni (allo­ra mini­stro degli Este­ri, oggi Alto Rap­pre­sen­tan­te del­l’UE): «ci sono sta­te man­can­ze del­l’UE, noi sap­pia­mo che dob­bia­mo con­ti­nua­re a sal­va­re vite, Mare Nostrum ser­ve a que­sto, ma è come svuo­ta­re il mare con un cuc­chiai­no». Noi la nostra par­te la stia­mo facen­do e la fare­mo, ma ci ser­ve un aiu­to dal­l’Eu­ro­pa — potrem­mo sin­te­tiz­za­re così.

E di fron­te a chi chie­de­va la can­cel­la­zio­ne del­l’o­pe­ra­zio­ne, Ren­zi rispon­de­va: «In Ita­lia ci sono sta­te pole­mi­che ver­go­gno­se da par­te di for­ze poli­ti­che che han­no chie­sto di bloc­ca­re Mare nostrum».

A set­tem­bre, il pre­si­den­te del Con­si­glio, inter­ve­nen­do all’As­sem­blea del­le Nazio­ni Uni­te, con­fer­ma la bon­tà del­l’o­pe­ra­zio­ne, por­tan­do come argo­men­to il nume­ro di vite sal­va­te in meno di un anno: «abbia­mo sal­va­to 80mila vite per­ché per noi il Medi­ter­ra­neo è il cuo­re del­l’Eu­ro­pa e non il cimi­te­ro dei disper­si. Davan­ti a que­sta real­tà è neces­sa­ria e urgen­te una respon­sa­bi­liz­za­zio­ne del­l’in­te­ra comu­ni­tà inter­na­zio­na­le. E’ dove­ro­sa una rispo­sta da par­te di tut­ti a que­sta sfi­da, non solo del­l’I­ta­lia, per la sua posi­zio­ne geo­gra­fi­ca ma anche del­l’U­nio­ne Euro­pea e di tut­ti colo­ro che cre­do­no nel­la digni­tà e nel rispet­to del­la vita uma­na».

In con­tem­po­ra­nea, però, il dibat­ti­to su Mare Nostrum comin­cia a pren­de­re un’al­tra piega. 

L’e­sca­la­tion è per­fet­ta­men­te rap­pre­sen­ta­bi­le attra­ver­so le paro­le di Ange­li­no Alfano:

«Gra­zie all’o­pe­ra­zio­ne ‘Fron­tex plus’ si potrà otte­ne­re il piu’ gran­de risul­ta­to degli ulti­mi anni, il pri­mo con­cre­to risul­ta­to del seme­stre di pre­si­den­za ita­lia­no. […] A quel pun­to chie­de­re­mo al gover­no di chiu­de­re ope­ra­zio­ne Mare nostrum». 15 set­tem­bre 2014.

«Si va ver­so il gra­dua­le supe­ra­men­to di Mare Nostrum, che a novem­bre ver­rà affian­ca­ta dal­l’o­pe­ra­zio­ne euro­pea Fron­tex Plus». 24 set­tem­bre 2014.

«Si chiu­da Mare Nostrum e si dia il via libe­ra ad un’azione euro­pea capa­ce di dimo­stra­re che l’Europa si pren­de in cari­co una fron­tie­ra che è sua». (Nel­la stes­sa occa­sio­ne Alfa­no par­la­va di 90mila vite sal­va­te). 3 otto­bre 2014.

«Con l’operazione Tri­ton si pone fine a Mare Nostrum. Tri­ton sarà al posto di Mare Nostrum. Non avre­mo due linee di dife­sa del­le nostre fron­tie­re». 9 otto­bre 2014.

E così arri­via­mo alla dichia­ra­zio­ne in aper­tu­ra del post: «Mare Nostrum non con­vi­vrà con Tri­ton, ma sarà chiusa».

Tri­ton sosti­tui­rà Mare Nostrum?

Nel rac­con­to di Alfa­no, sì. Nei fat­ti, no. A spie­ga­re per­ché ci pen­sa Dome­ni­co Man­zio­ne, sot­to­se­gre­ta­rio agli Inter­ni del gover­no Ren­zi, in un’in­ter­vi­sta a “Vita”: Mare Nostrum «è un’operazione uma­ni­ta­ria neces­sa­ria, che non può diven­ta­re alcun sur­ro­ga­to di altre ope­ra­zio­ni come Fron­tex, Fron­tex plus o Tri­ton, per inten­der­ci. Que­ste ulti­me sono azio­ni in atto o pron­te a entra­re in vigo­re che rispet­ta­no i con­fi­ni di Schen­gen, ovve­ro si spin­go­no fino a non più di 12 miglia mari­ne, men­tre Mare nostrum arri­va mol­to più in là in acque inter­na­zio­na­li, cosa che le ha per­mes­so di sal­va­re miglia­ia di vite uma­ne». Del­la stes­sa opi­nio­ne Mario Maraz­zi­ti, depu­ta­to di Per l’I­ta­lia: «Mare Nostrum non può, non deve esse­re sospe­sa fin­ché Tri­ton non avrà la stes­sa o mag­gio­re effi­ca­cia. Con­tem­po­ra­nea­men­te, pro­prio per dare una rispo­sta strut­tu­ra­le, rite­nia­mo vada avvia­to urgen­te­men­te un siste­ma di asi­lo euro­peo, con il rego­la­men­to cosid­det­to ‘Dubli­no III’, l’i­sti­tu­zio­ne del­l’a­gen­zia euro­pea per l’a­si­lo e l’im­mi­gra­zio­ne al di fuo­ri del ter­ri­to­rio del­l’U­nio­ne Euro­pea. Già un anno fa — ha sot­to­li­nea­to Maraz­zi­ti — abbia­mo pro­po­sto di uti­liz­za­re le sedi diplo­ma­ti­che nei pae­si afri­ca­ni e medio­rien­ta­li di tran­si­to per rac­co­glie­re ed esa­mi­na­re le doman­de di pro­te­zio­ne inter­na­zio­na­le e poi orga­niz­za­re i viag­gi sicu­ri, non in mano dei traf­fi­can­ti uma­ni e non lascian­do mas­se enor­mi di pro­fu­ghi a dispo­si­zio­ne del­la pre­di­ca­zio­ne estre­mi­sta e ter­ro­ri­sta di grup­pi sem­pre più orga­niz­za­ti. Que­sto ridur­rà, nel tem­po, anche la neces­si­tà di Mare Nostrum».

Del­la stes­sa opi­nio­ne l’Eu­ro­par­la­men­ta­re Elly Schlein (PD): «Ci sono dif­fe­ren­ze sostan­zia­li tra Mare Nostrum e Tri­ton. Anzi­tut­to que­st’ul­ti­ma non ha un man­da­to spe­ci­fi­co di ricer­ca e soc­cor­so in mare: non si trat­ta di una mis­sio­ne fina­liz­za­ta a sal­va­re vite uma­ne nel Medi­ter­ra­neo. Inol­tre Fron­tex ha mez­zi limi­ta­ti, che dipen­do­no dal­l’a­de­sio­ne volon­ta­ria alle ope­ra­zio­ni da par­te degli Sta­ti mem­bri. Tri­ton — con­ti­nua Schlein — avrà un’o­pe­ra­ti­vi­tà di cir­ca 30 miglia oltre le acque ter­ri­to­ria­li (un po’ oltre rispet­to alle pre­ce­den­ti mis­sio­ni di Fron­tex), con­tro le 172 miglia di Mare Nostrum: se que­st’ul­ti­ma arri­va­va pra­ti­ca­men­te a ridos­so del­le coste libi­che, Tri­ton rimar­rà a ridos­so del­le coste sici­lia­ne e calabresi».

Ce lo chie­de l’Eu­ro­pa?

No, l’Eu­ro­pa non ci chie­de di can­cel­la­re Mare Nostrum con l’en­tra­ta in vigo­re di Tri­ton: «La deci­sio­ne di inter­rom­pe­re Mare Nostrum spet­ta solo alle auto­ri­tà ita­lia­ne e Tri­ton comin­ce­rà indi­pen­den­te­men­te da Mare Nostrum. La gestio­ne del con­trol­lo dei con­fi­ni resta agli sta­ti mem­bri: Fron­tex aiu­ta gli sta­ti mem­bri ma non li sosti­tui­sce», ha chia­ri­to Gil Arias Fer­nan­dez, diret­to­re ese­cu­ti­vo di Fron­tex: «Nè Fron­tex nè l’Unione euro­pea han­no l’autorità per sosti­tui­re l’autorità del­lo Sta­to mem­bro nel con­trol­lo dei suoi con­fi­ni. Fron­tex è un’integrazione al com­pi­to svol­to dagli Sta­ti mem­bri nell’affrontare sfi­de ester­ne ecce­zio­na­li, tra­mi­te ope­ra­zio­ni con­giun­te come Tri­ton. La gestio­ne dei con­fi­ni ester­ni dell’Unione euro­pea è una respon­sa­bi­li­tà con­giun­ta del­lo Sta­to mem­bro e dell’Ue: lo Sta­to mem­bro ha la respon­sa­bi­li­tà del con­trol­lo del­la pro­pria par­te del con­fi­ne ester­no e l’Ue con­tri­bui­sce con tre ele­men­ti: defi­ni­sce il qua­dro giu­ri­di­co per il con­trol­lo del con­fi­ne; for­ni­sce il soste­gno finan­zia­rio; ero­ga i mec­ca­ni­smi di coo­pe­ra­zio­ne, come Frontex».

Cosa pos­sia­mo fare.

In con­clu­sio­ne, Tri­ton non sosti­tui­rà Mare Nostrum. Tri­ton avreb­be dovu­to affian­car­si a Mare Nostrum. Mare Nostrum ha sal­va­to deci­ne di miglia­ia di vite uma­ne. Mare Nostrum ha un costo, ma non voglia­mo cre­de­re non pos­sa tro­va­re coper­tu­re all’in­ter­no di una finan­zia­ria che spo­sta miliar­di. Con l’Eu­ro­pa dob­bia­mo con­trat­ta­re e coor­di­nar­ci per dare una rispo­sta strut­tu­ra­le, che non riguar­di sola­men­te il pat­tu­glia­men­to del­le coste, ma tut­to il tra­git­to per­cor­so dai migran­ti. «Tri­ton non è la stes­sa cosa di Mare Nostrum», riba­di­sce Elly Schlein: «Biso­gna da un lato garan­ti­re acces­so sicu­ro all’Eu­ro­pa a chi cer­ca pro­te­zio­ne inter­na­zio­na­le, che secon­do il dirit­to inter­na­zio­na­le sia­mo tenu­ti a garan­ti­re per dove­re giu­ri­di­co, non bastas­se quel­lo mora­le. E per evi­ta­re che le per­so­ne in fuga fini­sca­no nel­le mani dei traf­fi­can­ti, l’u­ni­co modo è anti­ci­pa­re il nostro inter­ven­to: lo si può fare crean­do cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, o quan­to meno facen­do in modo che, con il coin­vol­gi­men­to del­le orga­niz­za­zio­ni inter­na­zio­na­li, sia pos­si­bi­le chie­de­re asi­lo in por­ti sicu­ri nei pae­si di tran­si­to, pri­ma di imbar­car­si. Dal­l’al­tro lato biso­gna supe­ra­re la logi­ca del “Dubli­no III” che pro­vo­ca stor­tu­re e limi­ta la cir­co­la­zio­ne in Euro­pa dei rifu­gia­ti, ad esem­pio garan­ten­do il mutuo rico­no­sci­men­to del dirit­to d’a­si­lo. Ecco per­ché — spie­ga l’Eu­ro­par­la­men­ta­re demo­cra­ti­ca — la vera par­ti­ta si gio­ca a livel­lo di Con­si­glio, tra le resi­sten­ze dei vari gover­ni. Sba­glia chi chie­de dove sia l’Eu­ro­pa davan­ti a Lam­pe­du­sa: la doman­da giu­sta è dove sono i gover­ni degli Sta­ti mem­bri, da sem­pre trop­po gelo­si del­le pro­prie com­pe­ten­ze in mate­ria per per­met­te­re una vera gestio­ne comu­ne a livel­lo del­l’U­nio­ne. L’I­ta­lia da sola non può far­ce­la, e biso­gna che tut­ti gli Sta­ti mem­bri con­di­vi­da­no gli sfor­zi. Ma non è venen­do meno alle nostre respon­sa­bi­li­tà, arre­tran­do la nostra linea d’a­zio­ne, che evi­te­re­mo altre stra­gi nel Mediterraneo».

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.