Trivellazioni, neocentralismo e sguardo rivolto al passato

E insom­ma, abbia­mo il Petro­lio. Poco impor­ta se sia di pes­si­ma qua­li­tà, pie­no di impu­ri­tà che van­no eli­mi­na­te vici­no ai pun­ti estrat­ti­vi, dif­fi­ci­le da estrar­re per­ché posto in gran­de pro­fon­di­tà e col rischio di con­ta­mi­na­re fal­de acqui­fe­re. Non impor­ta se il petro­lio che abbia­mo sia una mel­ma den­sa e cor­ro­si­va che neces­si­ta di nume­ro­si trat­ta­men­ti ed è ben lon­ta­no dall’immaginario texa­no. Non impor­ta se “l’Europa ci chie­de” di ridur­re l’utilizzo di fon­ti fos­si­li e pun­ta­re sul­le rinnovabili.
Il Gover­no ha deci­so di tri­vel­la­re l’Italia da nord a sud e ha deci­so che il set­to­re è così stra­te­gi­co che non saran­no i ter­ri­to­ri a deci­de­re, ma ogni deci­sio­ne potrà pas­sa­re in mani statali.

Due fina­li­tà si pone lo Sbloc­ca Ita­lia: rad­dop­pia­re le estra­zio­ni di idro­car­bu­ri e accen­tra­re nel­le mani del­lo Sta­to il pote­re deci­so­rio di tut­ti i pro­dot­ti ener­ge­ti­ci con­si­de­ra­ti stra­te­gi­ci, anti­ci­pan­do di fat­to la rifor­ma dell’art. 117 del­la costi­tu­zio­ne, al momen­to in stallo.
L’articolo 38 del­lo Sbloc­ca Ita­lia, in par­ti­co­la­re, rivo­lu­zio­na il set­to­re a tut­to van­tag­gio del­le com­pa­gnie petro­li­fe­re. Si snel­li­sco­no i tem­pi per le auto­riz­za­zio­ni e si sca­val­ca­no i ter­ri­to­ri accen­tran­do in mani mini­ste­ria­li sia le auto­riz­za­zio­ni ambien­ta­li per le con­ces­sio­ni off­sho­re che la com­pe­ten­za sul­la Valu­ta­zio­ne di Impat­to Ambien­ta­le. Per i pro­ce­di­men­ti attual­men­te in cor­so di valu­ta­zio­ne pres­so le Regio­ni (un cen­ti­na­io cir­ca su tut­to il ter­ri­to­rio nazio­na­le), è sta­ta fis­sa­ta la data del 31 dicem­bre 2014 per por­tar­le a ter­mi­ne, dopo­di­chè la com­pe­ten­za pas­se­rà in mano al mini­ste­ro. Se tut­te doves­se­ro esse­re appro­va­te ci sareb­be un incre­men­to pre­oc­cu­pan­te del­le tri­vel­la­zio­ni in ter­ra e in mare, da nord a sud.

Ci sareb­be mol­to da dire su que­sto prov­ve­di­men­to, ma uno ci pre­me sot­to­li­nea­re anco­ra una vol­ta. Le istan­ze dei ter­ri­to­ri, dei cit­ta­di­ni e degli enti a loro più vici­ni, non avran­no più voce in capitolo.
La salu­te, il rischio sismi­co e idro­geo­lo­gi­co, la tute­la di atti­vi­tà eco­no­mi­che in mol­ti poten­zia­li siti stra­te­gi­ci come la pesca, l’agricoltura e il turi­smo, l’inquinamento dell’aria e dell’acqua saran­no que­stio­ni tol­te dal­la valu­ta­zio­ne dei territori.

no-petrolio-trivellazione

E se lo Sbloc­ca Ita­lia toglie voce ai cit­ta­di­ni, noi nel nostro pic­co­lo, vor­rem­mo dar­glie­la: ecco una pic­co­la ras­se­gna del­le nostre anten­ne sul territorio.

Miche­le dal Moli­se: “Visto l’obiettivo del decre­to, rad­dop­pio del­le estra­zio­ni nazio­na­li di idro­car­bu­ri, il Moli­se e l’intera macro­re­gio­ne adria­ti­ca potreb­be­ro subi­re dan­ni incal­co­la­bi­li e irre­pa­ra­bi­li! Con l’aggravante che il Moli­se pas­sa da una per­cen­tua­le dell’incidenza del­le atti­vi­tà petro­li­fe­re sul pro­prio ter­ri­to­rio dal 26% all’86%. Noi, inve­ce, rite­nia­mo che una del­le stra­de mae­stre pos­si­bi­li per lo svi­lup­po oggi è la pro­gram­ma­zio­ne razio­na­le del­la pro­du­zio­ne di cibo. E per pro­dur­re cibo biso­gna pre­ser­va­re e rico­strui­re l’e­qui­li­brio natu­ra­le del­le risor­se spon­ta­nee, pri­ma di tut­to. Inse­gui­re per mera spe­cu­la­zio­ne lo sfrut­ta­men­to obso­le­to del­le scar­se risor­se petro­li­fe­re infie­ren­do sul mare deva­ste­rà le nostre fra­gi­li coste. L’impatto del­le tri­vel­le nell’Adriatico blin­da di fat­to ogni scel­ta di pia­ni­fi­ca­zio­ne com­pa­ti­bi­le con il ter­ri­to­rio, che vuo­le sogna­re e con­cre­tiz­za­re pro­get­ti di svi­lup­po turi­sti­co esclu­si­vo, anche a bre­ve ter­mi­ne. Non è tol­le­ra­bi­le che la micro eco­no­mia del turi­smo, del­la bal­nea­zio­ne, del­la pesca, che già ci sono, ven­ga­no spaz­za­te via. In un con­te­sto di cri­si del­le azien­de sareb­be come aggre­di­re la regio­ne con una cro­cia­ta cie­ca e pri­va di qua­lun­que cri­te­rio sag­gio. Abbia­mo la pos­si­bi­li­tà di ammor­tiz­za­re i col­pi duris­si­mi del­la cri­si gene­ra­le lascian­do alle azien­de, le nostre pic­co­le azien­de a con­du­zio­ne fami­lia­re, che vivo­no di risto­ra­zio­ne, turi­smo, agri­col­tu­ra, la pos­si­bi­li­tà di resi­ste­re e ripen­sa­re una eco­no­mia di dife­sa, di soprav­vi­ven­za e di inno­va­zio­ne. Sostan­zia­le per rico­strui­re la bar­rie­ra socia­le che il lavo­ro, anche il pic­co­lo lavo­ro, garan­ti­sce a que­sti ter­ri­to­ri. Non pos­sia­mo per­met­ter­ce­lo per­ché ciò annien­ta ogni altra for­ma di eco­no­mia pos­si­bi­le. Dob­bia­mo soste­ne­re la nostra eco­no­mia di resi­sten­za per attra­ver­sa­re una cri­si ter­ri­bi­le aven­do a dispo­si­zio­ne un ter­ri­to­rio deli­ca­to e fria­bi­le. Abbia­mo già subi­to ter­re­mo­ti, allu­vio­ni, e in que­sto modo ci ver­reb­be tol­to ogni spi­ra­glio di indi­riz­zo pro­get­tua­le. Non pos­sia­mo per­met­ter­ce­lo! Il mare Adria­ti­co per noi, per il Moli­se, per l’intera macro­re­gio­ne adria­ti­ca, è una gran­de cas­sa­for­te per lo svi­lup­po eco-sostenibile.Le nostre regio­ni han­no una con­fi­gu­ra­zio­ne e una sto­ria che supe­ra i con­fi­ni ammi­ni­stra­ti­vi. Dob­bia­mo affron­ta­re anche que­sto tema con il piglio, la for­za e i nume­ri del­la macro-area. Dob­bia­mo pun­ta­re a esse­re le Regio­ni del­la qua­li­tà del­la vita, dob­bia­mo ave­re lun­gi­mi­ran­za, dob­bia­mo favo­ri­re gli spo­sta­men­ti in un ambien­te sano. I con­fi­ni non sia­no un limi­te per il dirit­to dei cit­ta­di­ni alla qua­li­tà del­la vita e per la valo­riz­za­zio­ne dei nostri territori.”

Valen­ti­na dal­la Sici­lia: “In Sici­lia, “dove tut­te le navi pas­sa­no, dove tut­ti i pesca­to­ri pesca­no”, nel cuo­re più pre­zio­so del Cana­le, lo Sta­to ita­lia­no vor­reb­be tra­sfor­ma­re il tra­git­to ad una cor­sa ad osta­co­li sot­to il segno del petro­lio. Con un col­po di spu­gna il decre­to leg­ge “Sbloc­ca Ita­lia” del gover­no Ren­zi spaz­za via una leg­ge che blin­da­va le coste più pre­zio­se del­la Sici­lia spa­lan­can­do i can­cel­li alle tri­vel­le off-sho­re. Un decre­to che rap­pre­sen­ta un ele­men­to di for­te peri­co­lo per il nostro ter­ri­to­rio iso­la­no da seco­li sog­get­to ad atti­vi­tà sismi­ca, per l’intero eco­si­ste­ma ric­co di fon­te di benes­se­re e di risor­se natu­ra­li che rischia­no di esse­re vit­ti­ma del­la peg­gio­re cemen­ti­fi­ca­zio­ne incon­trol­la­ta. Si pen­si che nel­le Ega­di sor­ge la più gran­de area pro­tet­ta dell’Europa. Una gra­ve minac­cia anche per tut­ti quei set­to­ri dell’economia come la pesca e il turi­smo che dipen­do­no dal mare e che sono fon­te di svi­lup­po per la nostra iso­la. La mobi­li­ta­zio­ne del­le “coscien­ze” in Sici­lia si è atti­va­ta sin da subi­to per scon­giu­ra­re l’eventualità di uno stra­vol­gi­men­to ambien­ta­le note­vo­le. Da anni, comi­ta­ti “No Tri­vel­la­zio­ni”, orga­niz­za­zio­ni di cate­go­ria del set­to­re itti­co, Legam­bien­te, Green­pa­ce, ammi­ni­stra­to­ri loca­li e cit­ta­di­ni insie­me — con pro­te­ste paci­fi­che — chie­do­no ai gover­ni di fer­ma­re le tri­vel­la­zio­ni a tute­la del­la bio­di­ver­si­tà del Medi­ter­ra­neo. Nes­su­na rispo­sta dai Gover­ni nazio­na­li e solo bugie dal gover­no regio­na­le. Il Pre­si­den­te Cro­cet­ta, ren­zia­no del­la secon­da ora, — che nell’aprile 2013 garan­ti­va un’audizione all’ARS (Assem­blea Regio­na­le Sici­lia­na) con­tro tali pro­get­ti — ha di fat­to rega­la­to il nostro mare ai petro­lie­ri. Green­pea­ce, WWF e Legam­bien­te insie­me a LIPU Bird­li­fe Ita­lia, Ita­lia Nostra, Tou­ring Club Ita­lia, Lega­coop Pesca Sici­lia, ANCI Sici­lia e i comu­ni di Lica­ta, Vit­to­ria, Ragu­sa, Sci­cli, Pal­ma di Mon­te­chia­ro e San­ta Cro­ce Came­ri­na, han­no pre­sen­ta­to ricor­so al TAR del Lazio con­tro il decre­to 149/14, ema­na­to dal Mini­stro dell’Ambiente, che san­ci­sce la com­pa­ti­bi­li­tà ambien­ta­le del pro­get­to “Off-sho­re Ibleo” di ENI. Si trat­ta del pri­mo pro­get­to nel Cana­le di Sici­lia che pre­ve­de otto poz­zi, una piat­ta­for­ma e vari gasdot­ti al lar­go del­la costa tra Gela e Lica­ta, nono­stan­te una valu­ta­zio­ne dav­ve­ro caren­te e inac­cet­ta­bi­le, come denun­cia­to da Green­pea­ce nei mesi scor­si. È la pri­ma vol­ta che un fron­te così ampio si schie­ra com­pat­to con­tro le tri­vel­la­zio­ni off-sho­re, con­fer­man­do che la tute­la del mare non è solo una prio­ri­tà per gli ambien­ta­li­sti, ma una neces­si­tà anche per le ammi­ni­stra­zio­ni loca­li e per chi rap­pre­sen­ta atti­vi­tà eco­no­mi­che come il turi­smo e la pesca fon­da­men­ta­li per il Pae­se. Con­tro le tri­vel­la­zio­ni petro­li­fe­re anche i Sin­da­ci sici­lia­ni del Par­ti­to Demo­cra­ti­co sono sce­si in cam­po annun­cian­do ini­zia­ti­ve in meri­to alla dife­sa dell’ambiente e dei loro ter­ri­to­ri. Per age­vo­la­re un’azione con­giun­ta Anci Sici­lia ha crea­to un coor­di­na­men­to tra­sver­sa­le ed inclu­si­vo di tut­ti i sin­da­ci dell’isola. Le bat­ta­glie con­ti­nue­ran­no. Non ci fer­me­re­mo! Ren­zi ci dica cosa vuo­le fare del­la Sici­lia. Se tra­sfor­mar­la in una piat­ta­for­ma indu­stria­le oppu­re valo­riz­za­re il patri­mo­nio dell’isola nel segno del­la soste­ni­bi­li­tà. Lucio Dal­la in una del­le sue can­zo­ni dice­va: “Così stan­no umi­lian­do il mare, così stan­no pie­gan­do il mare”. Noi difen­de­re­mo a tut­ti i costi il nostro mare e sia­mo cer­ti che lui nel­la sua immen­si­tà sopravviverà.”

Pao­lo dall’Abruzzo: “In Abruz­zo abbia­mo tre pro­get­ti in par­ti­co­la­re: 1) Ombri­na mare 2: si pre­ve­de la rea­liz­za­zio­ne (ad ope­ra del­la Medoil­gas) di una piat­ta­for­ma in mare a cir­ca 6 km dal­la Costa dei Tra­boc­chi (una del­le più bel­le e sug­ge­sti­ve del­l’in­te­ra costa adria­ti­ca) di fron­te a San Vito Chie­ti­no (CH), per l’e­stra­zio­ne di idro­car­bu­ri. Ad essa sarà affian­ca­ta una nave enor­me (ad anco­rag­gio qua­si fis­so) per lo stoc­cag­gio e pri­ma raf­fi­na­zio­ne degli estrat­ti (desol­fo­ra­zio­ne); 2) Elsa 2: è pre­vi­sto, inol­tre, un poz­zo (ad ope­ra del­la Petro­cel­tic) esplo­ra­ti­vo a cir­ca 7 km dal­la costa tra Fran­ca­vil­la (CH) e Orto­na (Ch), e nei pres­si di tre riser­ve natu­ra­li regio­na­li (Ripa­ri di Giob­be, Pun­ta del­l’Ac­qua­bel­la e Lido Ric­cio); 3) E’ pre­vi­sta, infi­ne, la richie­sta di tri­vel­la­zio­ni per l’at­ti­va­zio­ne di nuo­vi poz­zi pres­so la piat­ta­for­ma Rospo Mare, a lar­go di Vasto (CH) e con le acque moli­sa­ne. Tan­tis­si­mi i no abruz­ze­si a que­sti pro­get­ti, par­ti­re dal Pre­si­den­te di Regio­ne che auspi­ca una stra­te­gia uni­ta­ria in col­la­bo­ra­zio­ne con i part­ner del­la stra­te­gia euro­pea per la regio­ne adria­ti­co-ioni­ca (Eusair) recen­te­men­te riu­ni­ti a Bruxelles.”

Infi­ne una testi­mo­nian­za dal­la Regio­ne più sacri­fi­ca­ta al petro­lio, quel­la di Giam­ma­ria dal­la Basi­li­ca­ta: “La Val­le del­l’A­gri è un lem­bo di ter­ra luca­no sco­no­sciu­to da mol­ti: 1.400 km² nel­la regio­ne più sco­no­sciu­ta d’I­ta­lia, la Basi­li­ca­ta. In que­sto pic­co­lo pez­zet­to di ter­ra, con poco più di 30.000 abi­tan­ti spar­si in 21 pae­si­ni, esi­ste l’o­ro: l’o­ro nero. Sot­to di essa c’è il gia­ci­men­to petro­li­fe­ro più gran­de d’Eu­ro­pa, dove si estrag­go­no 85.000 bari­li da oltre 40 poz­zi, oltre il 7% del fab­bi­so­gno nazio­na­le. Scri­vi petro­lio e leg­gi ric­chez­za: il Texas d’I­ta­lia, luca­nia sau­di­ta, lavo­ro per tut­to. Non in Val d’A­gri. La Basi­li­ca­ta è una del­le regio­ni più pove­re d’Eu­ro­pa, 1 fami­glia su 3 è sot­to la soglia di pover­tà, le royal­ties che pro­ven­go­no dal petro­lio (il 15%, una del­le per­cen­tua­li più bas­se del mon­do) non han­no por­ta­to ric­chez­za ma solo pover­tà. L’ENI, azien­da pub­bli­ca quo­ta­ta in bor­sa, vie­ne vista come un nemi­co, un inva­so­re, un pre­do­ne. Pochi luca­ni ci lavo­ra­no, poche infra­strut­tu­re sono sta­te costrui­te, poche azien­de inve­sto­no. Si estrae sol­tan­to, e poi si inqui­na. Nes­su­no vuo­le più com­pra­re i pro­dot­ti di que­sta ter­ra: sono inqui­na­ti, dico­no. Ed ora con lo Sbloc­ca Ita­lia vor­reb­be ridur­re la Basi­li­ca­ta in un cola­bro­do, tra­sfe­ren­do allo sta­to la com­pe­ten­za del­le con­ces­sio­ni petro­li­fe­re. Il Gover­no deci­de­rà se far fare altri 10, 50, 100 poz­zi: “per­chè non anda­re ad estrar­re il petro­lio se ne abbia­mo a suf­fi­cien­za” dice Ren­zi, non pen­san­do mini­ma­men­te a veni­re qui in val d’A­gri a par­la­re con la popo­la­zio­ne, a vede­re le loro fac­ce, le loro spe­ran­ze, le loro pau­re. A que­sti loro abi­tan­ti ave­va­no pro­mes­so ric­chez­za e benes­se­re e han­no rice­vu­to pol­ve­re , inqui­na­men­to e indif­fe­ren­za, trat­ta­ti peg­gio di un popo­lo da colo­niz­za­re. Sbloc­ca Ita­lia = sbloc­ca tri­vel­le, la peg­gior cosa che si pote­va fare.”

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?