Palermo-Agrigento: settantacinque operai a rischio licenziamento e danni infiniti

Dalla manifestazione indetta dai lavoratori dei cantieri aperti sulla Palermo-Agrigento: Nonostante le rassicurazioni 75 lavoratori rischiano di rimanere a casa

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1506358135351{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]

Vener­dì, con una dele­ga­zio­ne di Pos­si­bi­le e Otta­vio Navar­ra, abbia­mo par­te­ci­pa­to alla mani­fe­sta­zio­ne indet­ta dai lavo­ra­to­ri dei can­tie­ri aper­ti sul­la Paler­mo-Agri­gen­to. Nono­stan­te le ras­si­cu­ra­zio­ni del­l’A­nas sul­la volon­tà di aumen­ta­re la pro­dut­ti­vi­tà per rispet­ta­re i tem­pi di con­se­gna dell’opera, la socie­tà con­traen­te, la Bolo­gnet­ta Scpa, ha comu­ni­ca­to ai sin­da­ca­ti la ridu­zio­ne del 50% del­le mae­stran­ze e la sospen­sio­ne dei lavo­ri nei trat­ti ogget­to del­l’ap­pal­to. Ora 75 lavo­ra­to­ri rischia­no di rima­ne­re a casa e l’opera rischia di diven­ta­re l’ennesima “incom­piu­ta” siciliana.

Tut­to ini­zia­va nel lon­ta­no 2001, quan­do la deli­be­ra del CIPE n. 121 inse­ri­va nel­le pre­vi­sio­ni pro­gram­ma­ti­che la rea­liz­za­zio­ne di infra­strut­tu­re stra­te­gi­che riguar­dan­ti gli ammo­der­na­men­ti del­le stra­de sta­ta­li di gran col­le­ga­men­to tra le cit­tà di Paler­mo, Agri­gen­to e Cal­ta­nis­set­ta. Dopo qual­che anno, in data 13/05/2004, Il con­si­glio di ammi­ni­stra­zio­ne dell’Anas Spa appro­va­va il pro­get­to pre­li­mi­na­re, lo stu­dio di impat­to ambien­ta­le dell’itinerario Paler­mo-Agri­gen­to (2,239 miliar­di di euro) e il pro­get­to defi­ni­ti­vo con lo stu­dio di impat­to ambien­ta­le dell’itinerario Agri­gen­to-Cal­ta­nis­set­ta (594,5 milio­ni di euro). 

Annun­cia­ta come immi­nen­te la par­ten­za dei can­tie­ri nel 2011, il 28 Giu­gno 2013 pren­de­va­no il via. La pre­vi­sio­ne per la fine dei lavo­ri era il 2016, quan­do final­men­te, secon­do l’Anas, sareb­be­ro dovu­ti esse­re con­se­gna­ti i pri­mi 34 chi­lo­me­tri del­la “nuo­va” Paler­mo-Agri­gen­to — inclu­so otto chi­lo­me­tri a quat­tro cor­sie auto­stra­da­li e l’e­sclu­sio­ne dei peri­co­lo­si svin­co­li “a raso”. 

La si potreb­be chia­ma­re la sto­ria infi­ni­ta di quei 127 chi­lo­me­tri del­le sta­ta­li 121 “cata­ne­se” e 189 “del­la val­le del Pla­ta­ni”, che per anni han­no “divi­so” più che uni­re Paler­mo ed Agri­gen­to. Stra­da traf­fi­ca­ta e arte­ria di col­le­ga­men­to fon­da­men­ta­le che si è anche con­qui­sta­ta sul cam­po, gra­zie alla sua peri­co­lo­si­tà, l’appellativo di “stra­da del­la mor­te”.

Ad oggi non solo le moda­li­tà e i tem­pi di ese­cu­zio­ne e con­se­gna dei lavo­ri risul­ta­no dila­ta­ti e sen­za cer­tez­ze, ma si assi­ste ad un inspie­ga­bi­le ral­len­ta­men­to ulte­rio­re del­le atti­vi­tà con una rica­du­ta nega­ti­va sui ter­ri­to­ri inte­res­sa­ti che è alme­no qua­dru­pla: mobi­li­tà, svi­lup­po eco­no­mi­co e dirit­to allo stu­dio, livel­li occu­pa­zio­na­li e sicu­rez­za. In pri­mo luo­go, sul pia­no del­la mobi­li­tà il tem­po di per­cor­ren­za per soli 127 km è di oltre 3 ore, con­dan­nan­do all’isolamento geo­gra­fi­co ed eco­no­mi­co l’intera pro­vin­cia dell’agrigentino e dell’entroterra paler­mi­ta­no. Inol­tre, come segna­la­va­no gli stes­si lavo­ra­to­ri, la situa­zio­ne arre­ca anche gra­ve nocu­men­to ai tan­ti ragaz­zi e gio­va­ni pen­do­la­ri, che fre­quen­ta­no le scuo­le e le uni­ver­si­tà di Paler­mo, leden­do­ne indi­ret­ta­men­te il dirit­to allo stu­dio. In ter­zo luo­go, sul pia­no occu­pa­zio­na­le, inspie­ga­bi­le è la volon­tà di dimez­za­re l’impiego di for­za lavo­ro per un’opera che rischia di tra­sfor­mar­si nel­la “Saler­no-Reg­gio Cala­bria” di Sici­lia, per i tem­pi bibli­ci di con­se­gna. E’ que­sta la sto­ria di Anto­ni­no (e degli altri lavo­ra­to­ri mani­fe­stan­ti), il qua­le, indi­can­do la pro­pria pet­to­ri­na del sin­da­ca­to, ci ricor­da: “il lavo­ro è digni­tà ed è un dirit­to san­ci­to dal­la Costi­tu­zio­ne”. Ulti­mo (ma non per impor­tan­za): la pre­sen­za di ben 6 can­tie­ri aper­ti e di altret­tan­ti sema­fo­ri e stret­to­ie, ren­de la stra­da in que­stio­ne una vera “gin­ca­na del­la morte”. 

Nono­stan­te i lavo­ri da fare sareb­be­ro anco­ra tan­ti — e i rispet­ti­vi finan­zia­men­ti suf­fi­cien­ti — a pian­ge­re caren­ze pro­get­tua­li e pro­gram­ma­ti­che del­le clas­si diri­gen­ti sono sem­pre i lavo­ra­to­ri e le comu­ni­tà che avreb­be­ro dovu­to bene­fi­ciar­ne. Lo stes­so Anto­ni­no si chie­de (e noi con lui) che sen­so abbia apri­re sei can­tie­ri, sen­za aver­ne anco­ra com­ple­ta­to nean­che uno. Non ci resta che rima­ne­re al fian­co di que­sti lavo­ra­to­ri e comu­ni­tà, nel­la spe­ran­za che mol­ti di quel­li che oggi ce la pro­met­to­no “bel­lis­si­ma” o “gen­ti­le”, un gior­no, si assu­ma­no la respon­sa­bi­li­tà di aver­la già vio­len­ta­ta e sac­cheg­gia­ta. A pro­po­si­to di bel­lez­za, il non-fini­to di Miche­lan­ge­lo sem­bra ave­re sin trop­pi segua­ci tra i poli­ti­ci di casa nostra…

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 
Non basta il 1 dicembre ma serve un impegno deciso, strutturato, permanente capace di superare il mero approccio sanitario e di prevenzione e di guardare oltre, anche alla qualità della vita e alla piena inclusione delle persone sierocoinvolte. Per liberarle da uno stigma che viene dato loro da una società che ha ancora paura di affrontare questo tema.