La nostra proposta per la lista unica al voto degli iscritti di Possibile

Nel segno del percorso a cui da molti mesi stiamo lavorando, quello di costruire un'unica lista, autonoma e a sinistra, capace di coinvolgere tutti i soggetti interessati, nei prossimi giorni sottoporremo al voto degli iscritti di Possibile la proposta che faremo agli altri soggetti che vorranno partecipare a questo progetto, un documento politico e organizzativo redatto dal nostro Segretario Giuseppe Civati.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1506425686842{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Nel segno del per­cor­so a cui da mol­ti mesi stia­mo lavo­ran­do, quel­lo di costrui­re un’u­ni­ca lista, auto­no­ma e a sini­stra, capa­ce di coin­vol­ge­re tut­ti i sog­get­ti inte­res­sa­ti, nei pros­si­mi gior­ni sot­to­por­re­mo al voto degli iscrit­ti di Pos­si­bi­le la pro­po­sta che fare­mo agli altri sog­get­ti che vor­ran­no par­te­ci­pa­re a que­sto pro­get­to, un docu­men­to poli­ti­co e orga­niz­za­ti­vo redat­to dal nostro Segre­ta­rio Giu­sep­pe Civa­ti. Lo fare­mo nel segno di uno spi­ri­to uni­ta­rio non reto­ri­co e del­la par­te­ci­pa­zio­ne, che dovrà esse­re la cifra di que­sto per­cor­so sin dal­le sue pri­me fasi.

Le vota­zio­ni saran­no aper­te dal­le ore 9 di gio­ve­dì 28 alle ore 18 di saba­to 30, e si svol­ge­ran­no onli­ne, sul­la nostra piat­ta­for­ma (partecipazione.possibile.com)Potran­no par­te­ci­pa­re tut­ti gli iscrit­ti di Pos­si­bi­le in rego­la con l’i­scri­zio­ne 2017, chi vor­rà iscri­ver­si potrà far­lo subi­to, con pochi click, andan­do su https://dev.possibile.com/tessera/

Per pro­ble­mi di acces­so o di voto si pre­ga di scri­ve­re a [email protected].

Di segui­to il testo del nostro docu­men­to. Buon voto, a tut­te e a tutti.

 

Pos­si­bi­le ha cre­du­to più di altri e pri­ma di altri alla pos­si­bi­li­tà che si potes­se pre­sen­ta­re un’u­ni­ca lista, auto­no­ma, a sini­stra e per la Repub­bli­ca, che coin­vol­ges­se tut­ti i sog­get­ti inte­res­sa­ti, come si è det­to a Par­ma in occa­sio­ne degli Sta­ti gene­ra­li del­lo scor­so gen­na­io. Un lavo­ro uni­ta­rio non reto­ri­co, ma basa­to sul­la rela­zio­ne poli­ti­ca e sui con­te­nu­ti pro­gram­ma­ti­ci.

Le «popo­la­rie»

Ciò che voglia­mo pro­por­re a tut­ti i sog­get­ti che vor­ran­no ade­ri­re alla lista uni­ca è di crea­re stru­men­ti di con­sul­ta­zio­ne nazio­na­le e loca­le, sul­la base di una lista di chi vor­rà par­te­ci­pa­re. Non sul cogno­me, appun­to. Ma sul pro­get­to. Su ciò che voglia­mo fareCi sia­mo rot­ti i cogno­mi e le pri­ma­rie stes­se, chiun­que le abbia fat­te, sono sta­te sem­pre trop­po nomi­na­li­sti­che. Pen­sia­mo a un con­cor­so vero e con­ten­di­bi­le, sul­le prio­ri­tà, sul­le moda­li­tà, sul­le scel­te di fon­do. Non c’è, del resto, il voto al pre­mier, c’è inve­ce un biso­gno for­te di poli­ti­ca. In cui pro­ta­go­ni­ste sia­no le per­so­ne, non i capi e i capet­ti. La poli­ti­ca, non il pote­re fine a se stes­so.

Il popo­lo che si riu­ni­rà sarà pro­ta­go­ni­sta del­la sfi­da e la base elet­to­ra­le del sog­get­to che si pre­sen­te­rà alle elezioni.

Per vota­re sul­le «cose», si può adot­ta­re il siste­ma di «voto alter­na­ti­vo», dan­do la pos­si­bi­li­tà alle assem­blee loca­li di indi­vi­dua­re pro­po­ste, che non pos­so­no pro­ve­ni­re solo dal­la poli­ti­ca nazionale.

Chi par­te­ci­pa e vota alle «popo­la­rie» nel 2017 nel 2018 vote­rà per deci­de­re cosa farà in Par­la­men­to il grup­po che ne risul­ta elet­to. Come fan­no in Ger­ma­nia e come avrem­mo dovu­to fare anche in Ita­lia, nel 2013. Al vaglio degli elet­to­ri, pri­ma, duran­te e dopo.

Nel Pae­se

Un’assemblea nazio­na­le da con­vo­car­si entro la fine di novem­bre, dopo ave­re pro­mos­so le assem­blee loca­li: ogni deci­sio­ne deve esse­re pre­sa dal­le cit­ta­di­ne e dai cit­ta­di­ni, in un per­cor­so sem­pli­ce e demo­cra­ti­co e soprat­tut­to inclu­si­vo. Ciò deve vale­re anche per le can­di­da­tu­re, per sbloc­ca­re ciò che la mag­gio­ran­za ha bloc­ca­to con il ricor­so a siste­mi elet­to­ra­li che pun­ta­no dichia­ra­ta­men­te al man­te­ni­men­to del­lo sta­tus quo.

Va asso­cia­ta par­te­ci­pa­zio­ne a mobi­li­ta­zio­ne: pro­muo­via­mo insie­me «la gran­de impre­sa», nel mon­do del lavo­ro e del­la pro­du­zio­ne, per­ché la sini­stra non può par­ti­re che dal­la socie­tà che lavo­ra e che produce.

In Par­la­men­to

Una pre­sa di posi­zio­ne, insie­me, sull’ennesima, ‘nuo­va’ leg­ge elet­to­ra­le, che bloc­ca liste, can­di­da­ti e anche il siste­ma e un lavo­ro par­la­men­ta­re comu­ne per pro­po­ste con­di­vi­se nell’ambito del­la leg­ge di bilancio.

La cam­pa­gna

Una regia comu­ne sul­la comu­ni­ca­zio­ne, in un per­cor­so che Pos­si­bi­le ha già avvia­to e che met­te a dispo­si­zio­ne di tut­ti. E, soprat­tut­to, un con­fron­to pro­gram­ma­ti­co, per defi­ni­re le linee fon­da­men­ta­li intor­no alle qua­li muo­ver­ci: noi por­tia­mo il Mani­fe­sto, nel­la spe­ran­za che si entri pre­sto nel meri­to e nel det­ta­glio del­le pro­po­ste, per­ché sia­no pun­tua­li e pre­ci­se, nume­ri e dati alla mano.

A tut­ti i livelli

Que­sto vale a livel­lo nazio­na­le e a livel­lo loca­le, dove il coor­di­na­men­to tra tut­ti i sog­get­ti deve par­ti­re subi­to.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.