Ognuno si faccia comitato

Servono “comitati referendari”? Sì certo. Ma se per comitati referendari intendiamo sintesi di consapevolezza, informazioni, visioni politiche, impegno costante e ingegno attivo allora ognuno si faccia comitato referendario.
Mobilitazione studentesca Nazionale a Torino : La nostra scuola non è in vendita.

La fol­la imman­ca­bil­men­te segue l’an­daz­zo. Sono sem­pre i pochi che apro­no la stra­da al progresso.

Gusta­ve Flau­bert, Bou­vard e Pécu­chet, 1881 (postu­mo e incompiuto)

Con­ti­nuo a cre­de­re che il refe­ren­dum di otto­bre sul­le rifor­me costi­tu­zio­na­li sia la più impor­tan­te occa­sio­ne poli­ti­ca di que­sti ulti­mi stan­chi anni di poli­ti­ca bloc­ca­ta. Un’occasione poli­ti­ca nel sen­so più pie­no e poli­ti­co (appun­to) del ter­mi­ne, fuo­ri da qual­sia­si infan­ti­le gio­chet­to del “o con Ren­zi o con­tro Ren­zi” che lo stes­so PD ha pen­sa­to bene di inne­sca­re per cor­rom­pe­re la discus­sio­ne. L’occasione di riflet­te­re, discu­te­re, dibat­te­re e appro­fon­di­re la Costi­tu­zio­ne (e il pen­sie­ro del­la Costi­tu­zio­ne che vor­rem­mo e del­la sua evo­lu­ta appli­ca­zio­ne) scin­de di net­to chi pen­sa ad un impe­gno ultra­po­li­ti­co rispet­to agli impo­li­ti­ci così alla moda in que­sti ulti­mi anni. Dico impo­li­ti­ci per­ché con l’abuso del ter­mi­ne “popu­li­smo” anco­ra una vol­ta abbia­mo accet­ta­to di rima­ne­re super­fi­cia­li con il ter­ro­re di non esse­re capi­ti e alla fine abbia­mo fat­to un pia­ce­re ai popu­li­sti, per que­sto stra­no mec­ca­ni­smo di bana­liz­za­zio­ne scam­bia­ta per sem­pli­ci­tà a cau­sa dell’ignoranza.

Al net­to degli insi­pien­ti, dei mani­po­la­to­ri e degli oppor­tu­ni­sti discu­te­re del­la decli­na­zio­ne dei pote­ri del Par­la­men­to, dell’esecutivo e del­le moda­li­tà di rap­pre­sen­tan­za è il più sostan­zio­so nodo in cui poter­si impe­gna­re: non si trat­ta di un refe­ren­dum, no, non solo, qui sia­mo di fron­te all’enunciazione del pro­prio mani­fe­sto. Ed è un bene per il Pae­se costrin­ger­si a ela­bo­ra­re con­te­nu­ti oltre agli slo­gan. Cre­do che da qui a otto­bre ci sia l’occasione di un’attività rico­sti­tuen­te casa per casa e per que­sto anch’io ho deci­so di met­ter­ci la fac­cia, di impe­gnar­mi in pri­ma per­so­na.

Ser­vo­no “comi­ta­ti refe­ren­da­ri”? Sì cer­to. Ma se per comi­ta­ti refe­ren­da­ri inten­dia­mo sin­te­si di con­sa­pe­vo­lez­za, infor­ma­zio­ni, visio­ni poli­ti­che, impe­gno costan­te e inge­gno atti­vo allo­ra ognu­no si fac­cia comi­ta­to refe­ren­da­rio. Deci­dia­mo che que­sto refe­ren­dum sia l’apertura esti­va del­la pale­stra del­la demo­cra­zia e par­te­ci­pia­mo­ci sen­za riser­ve. Ognu­no secon­do le pro­prie pos­si­bi­li­tà e la pro­pria scel­ta, si pren­da la respon­sa­bi­li­tà di svol­ge­re un’at­ti­vi­tà o una fun­zio­ne che con­cor­ra al pro­gres­so mate­ria­le o spi­ri­tua­le del­la socie­tà (è l’articolo 4 del­la Costi­tu­zio­ne, appunto).

Ci sono deci­sio­ni e leg­gi che non con­sen­to­no di gal­leg­gia­re nel­le vie inter­me­die, ci sono dei momen­ti in cui non ci è con­sen­ti­to resta­re a guar­da­re: i cit­ta­di­ni inat­ti­vi sono inu­ti­li alla demo­cra­zia. E qui non si trat­ta nem­me­no di impo­ve­rir­si con le baruf­fe tra cor­ren­ti: il momen­to ci chie­de di esse­re pre­sen­ti per­ché il cam­bia­men­to non è intrin­se­ca­men­te posi­ti­vo per for­za: il fetic­cio del cam­bia­men­to è l’ambiente in cui si sono con­su­ma­ti, negli ulti­mi anni, i più gros­so­la­ni erro­ri, le peg­gio­ri smus­sa­tu­re dei dirit­ti e la più fero­ce bana­liz­za­zio­ne del dibattito.

È una bat­ta­glia pro­fu­ma­ta e bel­lis­si­ma, que­sto refe­ren­dum, non lascia­mo­ce­la scappare.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.