Se il nostro non è un Paese per Transgender

Adria­na, don­na tran­sgen­der bra­si­lia­na, ha per­so il lavo­ro ed ha visto sca­de­re il suo per­mes­so di sog­gior­no nono­stan­te fos­se da 17 anni in Ita­lia. Per que­sto è sta­ta inse­ri­ta, lo scor­so 24 gen­na­io, nel CIE di Brin­di­si. Sen­za alcun rispet­to del­la sua sto­ria per­so­na­le era sta­ta asse­gna­ta in una strut­tu­ra maschi­le espo­nen­do­la a discri­mi­na­zio­ni e minac­ce da par­te degli altri migran­ti. Qual­che gior­no fa, gra­zie al lavo­ro inces­san­te del­le asso­cia­zio­ni trans, Adria­na è sta­ta pri­ma tra­sfe­ri­ta in una cel­la di mas­si­ma sicu­rez­za per tute­lar­la dal­le minac­ce rice­vu­te ed ha infi­ne otte­nu­to un nuo­vo per­mes­so di sog­gior­no tem­po­ra­neo in atte­sa di poter pro­ce­de­re con le pra­ti­che di richie­sta di pro­te­zio­ne uma­ni­ta­ria.

La sto­ria di Adria­na sot­to­li­nea l’attenzione sem­pre mag­gio­re che dob­bia­mo por­re alle discri­mi­na­zio­ni inter­se­zio­na­li. Quel­la appe­na cita­ta è solo una del­le tan­te vicen­de di discri­mi­na­zio­ne e mar­gi­na­liz­za­zio­ne che vedo­no al cen­tro del­la dispu­ta la tran­ses­sua­li­tà, in un Pae­se e una socie­tà che non rie­sce a supe­ra­re il pre­giu­di­zio, l’ignoranza e la con­fu­sio­ne impe­ran­ti sul tema.

Anche lo sport non ne è immu­ne: Tif­fa­ny Perei­ra da Abreu, schiac­cia­tri­ce bra­si­lia­na arri­va­ta in Ita­lia in serie A2 di pal­la­vo­lo fem­mi­ni­le nel­la squa­dra del Pal­mi e che in pre­ce­den­za, pri­ma dell’operazione di rias­se­gna­zio­ne del gene­re avve­nu­ta nel 2014, gio­ca­va, all’estero, nel­le cate­go­rie maschi­li, è sta­ta al cen­tro di pole­mi­che e discus­sio­ni che si sono con­clu­se con la deci­sio­ne del­la Serie A di inter­rom­pe­re i tes­se­ra­men­ti del­le atle­te transgender.

La docu­men­ta­zio­ne di Tif­fa­ny era, ed è, del tut­to in rego­la, sia per la fede­ra­zio­ne inter­na­zio­na­le, sia per quel­la nazio­na­le. Difat­ti quel­lo dell’atleta non è un pro­ble­ma di buro­cra­zia, ma di ste­reo­ti­pi e pre­giu­di­zi, que­gli stes­si che costi­tui­sco­no il noc­cio­lo duro dei feno­me­ni di discri­mi­na­zio­ne che le per­so­ne tran­ses­sua­li si tro­va­no ad affron­ta­re quo­ti­dia­na­men­te. Alcu­ne socie­tà avver­sa­rie del Pal­mi han­no avan­za­to riser­ve sul fat­to che nel­la cate­go­ria fem­mi­ni­le gio­chi­no anche per­so­ne tran­sgen­der. Il cli­ma che si è crea­to intor­no al “caso Tif­fa­ny” ha por­ta­to alla deci­sio­ne, assur­da, di sospen­de­re per il momen­to il tes­se­ra­men­to di ogni atle­ta tran­ses­sua­le in atte­sa di una defi­ni­ti­va pre­sa di posi­zio­ne da par­te del­la Fede­ra­zio­ne Ita­lia­na di Pal­la­vo­lo. A soste­gno del­le atle­te tran­sgen­der si è sol­le­va­ta, oltre alle asso­cia­zio­ni LGBTQI, la voce di ASSIST — Asso­cia­zio­ne Nazio­na­le Atle­te, che ha mostra­to mol­ta pre­oc­cu­pa­zio­ne per una resi­sten­za innan­zi­tut­to cul­tu­ra­le basa­ta su una cono­scen­za a dir poco lacu­no­sa del­la que­stio­ne transessuale.

Nel­lo sport come nel­la vita quo­ti­dia­na, il cri­te­rio di valu­ta­zio­ne si spo­sta e met­te così sul­la bilan­cia la sto­ria per­so­na­le, tra­sfor­man­do la per­so­na in un caso can­cel­lan­do la sua iden­ti­tà e facen­do­la pas­sa­re solo come tran­ses­sua­le — “una tran­ses­sua­le”, al fem­mi­ni­le, quan­do si ha alme­no la sen­si­bi­li­tà di rispet­ta­re l’identità di gene­re. Si può esse­re una buo­na atle­ta o una buo­na lavo­ra­tri­ce, ma tut­to sem­bra pas­sa­re in secon­do pia­no in un Pae­se che anco­ra iden­ti­fi­ca le per­so­ne tran­sgen­der per il loro per­cor­so di vita più che per quel­lo che real­men­te sono. Per que­sto moti­vo ser­ve un’azione poli­ti­ca di con­tra­sto alle discri­mi­na­zio­ni inter­se­zio­na­li e per la pro­mo­zio­ne di una com­ple­ta inclu­sio­ne del­le per­so­ne tran­ses­sua­li nel nostro tes­su­to socia­le supe­ran­do ste­reo­ti­pi e pre­giu­di­zi anche attra­ver­so ade­gua­ti per­cor­si di for­ma­zio­ne sul tema.

Pos­si­bi­le ha in men­te un’Italia giu­sta dove ognu­no pos­sa esse­re libe­ro di auto­de­ter­mi­nar­si sen­za esse­re costret­to dal­le cate­ne del pre­giu­di­zio e del­la discri­mi­na­zio­ne. Per que­sto rite­nia­mo par­ti­co­lar­men­te urgen­te un prov­ve­di­men­to con­tro omo­fo­bia e tran­sfo­bia, ma anche spe­ci­fi­che nor­me capa­ci di inter­ve­ni­re sul­le que­stio­ni del­la comu­ni­tà tran­sgen­der. A par­ti­re dal supe­ra­men­to del­la pato­lo­giz­za­zio­ne del­la tran­ses­sua­li­tà guar­dan­do anche alle posi­ti­ve espe­rien­ze che si stan­no facen­do in altri pae­si euro­pei, per por­ta­re avan­ti la bat­ta­glia per una leg­ge più moder­na sul­la ras­se­gna­zio­ne del gene­re e sul dirit­to al nome (e all’identità di gene­re) all’interno dei docu­men­ti di riconoscimento.
In secon­do luo­go ser­ve una rifor­ma del mer­ca­to del lavo­ro che lo ren­da capa­ce di acco­glie­re ogni indi­vi­duo e ogni pro­fes­sio­na­li­tà sen­za giu­di­zi sul­la per­so­na e sul­la sto­ria per­so­na­le, che nul­la han­no a che vede­re con la capa­ci­tà pro­fes­sio­na­le, e che pos­sa favo­ri­re l’inse­ri­men­to lavo­ra­ti­vo di tut­te quel­le cate­go­rie che al momen­to sono ai mar­gi­ni, tra cui le don­ne e le per­so­ne transessuali.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.