Se il nostro non è un Paese per Transgender

Adria­na, don­na tran­sgen­der bra­si­lia­na, ha per­so il lavo­ro ed ha visto sca­de­re il suo per­mes­so di sog­gior­no nono­stan­te fos­se da 17 anni in Ita­lia. Per que­sto è sta­ta inse­ri­ta, lo scor­so 24 gen­na­io, nel CIE di Brin­di­si. Sen­za alcun rispet­to del­la sua sto­ria per­so­na­le era sta­ta asse­gna­ta in una strut­tu­ra maschi­le espo­nen­do­la a discri­mi­na­zio­ni e minac­ce da par­te degli altri migran­ti. Qual­che gior­no fa, gra­zie al lavo­ro inces­san­te del­le asso­cia­zio­ni trans, Adria­na è sta­ta pri­ma tra­sfe­ri­ta in una cel­la di mas­si­ma sicu­rez­za per tute­lar­la dal­le minac­ce rice­vu­te ed ha infi­ne otte­nu­to un nuo­vo per­mes­so di sog­gior­no tem­po­ra­neo in atte­sa di poter pro­ce­de­re con le pra­ti­che di richie­sta di pro­te­zio­ne uma­ni­ta­ria.

La sto­ria di Adria­na sot­to­li­nea l’attenzione sem­pre mag­gio­re che dob­bia­mo por­re alle discri­mi­na­zio­ni inter­se­zio­na­li. Quel­la appe­na cita­ta è solo una del­le tan­te vicen­de di discri­mi­na­zio­ne e mar­gi­na­liz­za­zio­ne che vedo­no al cen­tro del­la dispu­ta la tran­ses­sua­li­tà, in un Pae­se e una socie­tà che non rie­sce a supe­ra­re il pre­giu­di­zio, l’ignoranza e la con­fu­sio­ne impe­ran­ti sul tema.

Anche lo sport non ne è immu­ne: Tif­fa­ny Perei­ra da Abreu, schiac­cia­tri­ce bra­si­lia­na arri­va­ta in Ita­lia in serie A2 di pal­la­vo­lo fem­mi­ni­le nel­la squa­dra del Pal­mi e che in pre­ce­den­za, pri­ma dell’operazione di rias­se­gna­zio­ne del gene­re avve­nu­ta nel 2014, gio­ca­va, all’estero, nel­le cate­go­rie maschi­li, è sta­ta al cen­tro di pole­mi­che e discus­sio­ni che si sono con­clu­se con la deci­sio­ne del­la Serie A di inter­rom­pe­re i tes­se­ra­men­ti del­le atle­te transgender.

La docu­men­ta­zio­ne di Tif­fa­ny era, ed è, del tut­to in rego­la, sia per la fede­ra­zio­ne inter­na­zio­na­le, sia per quel­la nazio­na­le. Difat­ti quel­lo dell’atleta non è un pro­ble­ma di buro­cra­zia, ma di ste­reo­ti­pi e pre­giu­di­zi, que­gli stes­si che costi­tui­sco­no il noc­cio­lo duro dei feno­me­ni di discri­mi­na­zio­ne che le per­so­ne tran­ses­sua­li si tro­va­no ad affron­ta­re quo­ti­dia­na­men­te. Alcu­ne socie­tà avver­sa­rie del Pal­mi han­no avan­za­to riser­ve sul fat­to che nel­la cate­go­ria fem­mi­ni­le gio­chi­no anche per­so­ne tran­sgen­der. Il cli­ma che si è crea­to intor­no al “caso Tif­fa­ny” ha por­ta­to alla deci­sio­ne, assur­da, di sospen­de­re per il momen­to il tes­se­ra­men­to di ogni atle­ta tran­ses­sua­le in atte­sa di una defi­ni­ti­va pre­sa di posi­zio­ne da par­te del­la Fede­ra­zio­ne Ita­lia­na di Pal­la­vo­lo. A soste­gno del­le atle­te tran­sgen­der si è sol­le­va­ta, oltre alle asso­cia­zio­ni LGBTQI, la voce di ASSIST — Asso­cia­zio­ne Nazio­na­le Atle­te, che ha mostra­to mol­ta pre­oc­cu­pa­zio­ne per una resi­sten­za innan­zi­tut­to cul­tu­ra­le basa­ta su una cono­scen­za a dir poco lacu­no­sa del­la que­stio­ne transessuale.

Nel­lo sport come nel­la vita quo­ti­dia­na, il cri­te­rio di valu­ta­zio­ne si spo­sta e met­te così sul­la bilan­cia la sto­ria per­so­na­le, tra­sfor­man­do la per­so­na in un caso can­cel­lan­do la sua iden­ti­tà e facen­do­la pas­sa­re solo come tran­ses­sua­le — “una tran­ses­sua­le”, al fem­mi­ni­le, quan­do si ha alme­no la sen­si­bi­li­tà di rispet­ta­re l’identità di gene­re. Si può esse­re una buo­na atle­ta o una buo­na lavo­ra­tri­ce, ma tut­to sem­bra pas­sa­re in secon­do pia­no in un Pae­se che anco­ra iden­ti­fi­ca le per­so­ne tran­sgen­der per il loro per­cor­so di vita più che per quel­lo che real­men­te sono. Per que­sto moti­vo ser­ve un’azione poli­ti­ca di con­tra­sto alle discri­mi­na­zio­ni inter­se­zio­na­li e per la pro­mo­zio­ne di una com­ple­ta inclu­sio­ne del­le per­so­ne tran­ses­sua­li nel nostro tes­su­to socia­le supe­ran­do ste­reo­ti­pi e pre­giu­di­zi anche attra­ver­so ade­gua­ti per­cor­si di for­ma­zio­ne sul tema.

Pos­si­bi­le ha in men­te un’Italia giu­sta dove ognu­no pos­sa esse­re libe­ro di auto­de­ter­mi­nar­si sen­za esse­re costret­to dal­le cate­ne del pre­giu­di­zio e del­la discri­mi­na­zio­ne. Per que­sto rite­nia­mo par­ti­co­lar­men­te urgen­te un prov­ve­di­men­to con­tro omo­fo­bia e tran­sfo­bia, ma anche spe­ci­fi­che nor­me capa­ci di inter­ve­ni­re sul­le que­stio­ni del­la comu­ni­tà tran­sgen­der. A par­ti­re dal supe­ra­men­to del­la pato­lo­giz­za­zio­ne del­la tran­ses­sua­li­tà guar­dan­do anche alle posi­ti­ve espe­rien­ze che si stan­no facen­do in altri pae­si euro­pei, per por­ta­re avan­ti la bat­ta­glia per una leg­ge più moder­na sul­la ras­se­gna­zio­ne del gene­re e sul dirit­to al nome (e all’identità di gene­re) all’interno dei docu­men­ti di riconoscimento.
In secon­do luo­go ser­ve una rifor­ma del mer­ca­to del lavo­ro che lo ren­da capa­ce di acco­glie­re ogni indi­vi­duo e ogni pro­fes­sio­na­li­tà sen­za giu­di­zi sul­la per­so­na e sul­la sto­ria per­so­na­le, che nul­la han­no a che vede­re con la capa­ci­tà pro­fes­sio­na­le, e che pos­sa favo­ri­re l’inse­ri­men­to lavo­ra­ti­vo di tut­te quel­le cate­go­rie che al momen­to sono ai mar­gi­ni, tra cui le don­ne e le per­so­ne transessuali.

 

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.