Il nostro impegno per l’unità, senza piani B

Insistiamo nel sottolineare posizioni che sono comuni e quasi sovrapponibili, e lavoriamo per appianare le differenze, rifiutandoci di usarle per alimentare la critica fra di noi.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1500637265240{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Le ulti­me set­ti­ma­ne sono sta­te mol­to impor­tan­ti per il nostro par­ti­to: dopo anni di impe­gno e di lavo­ro qua­si sem­pre con­tro­cor­ren­te ini­zia infat­ti final­men­te a veni­re rico­no­sciu­ta la bon­tà del­le nostre posi­zio­ni, e il nostro sfor­zo per costrui­re una pro­po­sta gene­ro­sa e auto­no­ma dal­l’at­tua­le sche­ma poli­ti­co ini­zia a dare i suoi frut­ti, come si è visto nel­la mat­ti­na­ta di chiu­su­ra del nostro Poli­ti­camp di Reg­gio Emilia.

Lo stes­so dob­bia­mo con­ti­nua­re a fare nei mesi che verranno.

Insi­stia­mo nel sot­to­li­nea­re posi­zio­ni che sono comu­ni e qua­si sovrap­po­ni­bi­li, e lavo­ria­mo per appia­na­re le dif­fe­ren­ze, rifiu­tan­do­ci di usar­le per ali­men­ta­re la cri­ti­ca fra di noi. Evi­tia­mo di fer­mar­ci alle bio­gra­fie che ognu­no si por­ta die­tro e non accon­ten­tia­mo­ci del­le sim­pa­tie che tut­ti abbia­mo, come elet­to­ri e mili­tan­ti; col­ti­via­mo l’u­ni­tà per­ché nes­su­no dei già pochi che van­no a vota­re ci capi­reb­be, se ci schie­ras­si­mo su fron­ti oppo­sti in due liste divi­se, ine­vi­ta­bil­men­te desti­na­te a par­lar­si addos­so per tut­ta la cam­pa­gna elettorale.

Dif­fi­dia­mo di reso­con­ti che pre­ten­do­no di rac­con­ta­re ver­sio­ni diver­se da quel­le che ogni gior­no ripe­tia­mo e che chiun­que può veri­fi­ca­re in ciò che scri­via­mo e dicia­mo da sem­pre, in modo sin­ce­ro e trasparente.

Dif­fi­dia­mo anche di chi mira a divi­de­re e a distrug­ge­re, di chi all’e­si­gen­za di uni­tà rispon­de ali­men­tan­do la pole­mi­ca, crean­do cama­ril­le e pic­co­le log­ge del dissenso.

Il lavo­ro che stia­mo cer­can­do di fare, a par­ti­re dal­l’e­la­bo­ra­zio­ne dei con­te­nu­ti e di un Mani­fe­sto per un pro­gram­ma di gover­no del Pae­se, è aper­to a tut­ti, e a tut­ti chie­dia­mo di fare lo stes­so, in tra­spa­ren­za, sen­za tat­ti­ci­smi e con generosità.

Supe­ria­mo i sog­get­ti den­tro ad altri sog­get­ti come fos­se­ro sca­to­le cine­si, met­tia­mo­ci la fac­cia come Pos­si­bi­le, offria­mo il nostro con­tri­bu­to e al tem­po stes­so decre­tia­mo la fine del­le ini­zia­ti­ve di par­te, sot­tra­ia­mo­ci dal­le com­par­ti­men­ta­zio­ni più o meno stri­scian­ti: non è più tem­po di man­dar­si mes­sag­gi da una pla­tea all’al­tra ma dob­bia­mo chie­de­re sem­pre di discu­te­re tut­ti insie­me, sul­le cose da fare e non sui nomi o sul­le sigle, e solo a que­sta con­di­zio­ne. Atti­via­mo­ci anche local­men­te, par­lan­do con tut­ti, coin­vol­gen­do i sog­get­ti anche civi­ci, seguen­do que­sto sche­ma in modo rigo­ro­so e non pre­stan­do­ci a nes­su­na ope­ra­zio­ne che non abbia come fina­li­tà la costru­zio­ne di una lista uni­ta­ria.

Non esi­ste un pia­no B, la lista uni­ca è la sola rispo­sta: impe­gnia­mo­ci per­ché si avveri.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.