Il ministero della Verità

Non dobbiamo fidarci e dobbiamo chiedere totale trasparenza sulle responsabilità del governo e su tutte queste opacità.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Un anno e un mese di accor­do con la Libia e tut­to appa­re chia­ro come non mai: la stra­te­gia di Min­ni­ti nel­la gestio­ne del­le migra­zio­ni è solo una gran­de mes­sin­sce­na sul­la pel­le dei migran­ti che, insi­sten­do su alcu­ne paro­le d’or­di­ne (sicu­rez­za, ong, tenu­ta demo­cra­ti­ca del pae­se), ha costrui­to una gran­dis­si­ma area gri­gia che rica­de sot­to la tute­la spe­cia­le e esclu­si­va del mini­stro del­l’In­ter­no.

Non è sta­ta fat­ta alcu­na chia­rez­za, in oltre un anno, sul desti­no dei finan­zia­men­ti ita­lia­ni al Gover­no di Tri­po­li gui­da­to da Ser­raj, impe­gna­to a garan­ti­re pri­ma di tut­to se stes­so e un appa­ra­to di sicu­rez­za (com­pre­sa la famo­sa Guar­dia costie­ra) infil­tra­to da mili­zie e delin­quen­ti, gli stes­si car­ce­rie­ri dai qua­li i migran­ti scap­pa­no. Ma il Gover­no non com­men­ta le inchie­ste gior­na­li­sti­che e allo­ra ce ne dob­bia­mo fare una ragione.

Non è sta­ta fat­ta alcu­na chia­rez­za su cosa avvie­ne nel Medi­ter­ra­neo tra Ong e libi­ci e pare che Min­ni­ti, in par­ti­co­la­re su que­sto argo­men­to, non abbia affat­to le idee chia­re. Inter­ve­nen­do a Piaz­za Puli­ta ha accu­sa­to i gior­na­li­sti di dare “dati impre­ci­si” quan­do inve­ce i dati impre­ci­si (o sareb­be meglio dire “sba­glia­ti”) era­no i suoi. Ma l’uo­mo è voli­ti­vo, si sa, ed ha impo­sto la sua veri­tà: «io sono il mini­stro dell’Interno, lei deve ave­re un mini­mo di fidu­cia. Se io le dico che le navi non sono sol­tan­to tre — ha redar­gui­to — lei deve fidar­si del mini­stro del­l’In­ter­no del Gover­no ita­lia­no». (Guar­da­te il video e leg­ge­te il fact chec­king).

E inve­ce no, non dob­bia­mo fidar­ci di chi strin­ge accor­di “di san­gue” con i “sin­da­ci” del­le comu­ni­tà libi­che, non dob­bia­mo fidar­ci di chi dele­ga ai libi­ci i respin­gi­men­ti col­let­ti­vi di migran­ti, non dob­bia­mo fidar­ci di chi schie­ra l’e­ser­ci­to con­tro i migran­ti, non dob­bia­mo fidar­ci di chi eli­mi­na tute­le e garan­zie ai richie­den­ti asi­lo, non dob­bia­mo fidar­ci di chi eli­mi­na dal sito del Mini­ste­ro dati pre­zio­si sul siste­ma di acco­glien­za. Non dob­bia­mo fidar­ci e dob­bia­mo chie­de­re tota­le tra­spa­ren­za sul­le respon­sa­bi­li­tà del gover­no e su tut­te que­ste opa­ci­tà.

Lo han­no det­to e scrit­to mol­to bene due per­so­ne che cono­sco­no da vici­no Min­ni­ti. Secon­do Pep­pi­no Cal­da­ro­la «la pol­ve­riz­za­zio­ne del­le ideo­lo­gie, la cui com­pat­tez­za ha pro­dot­to il lasci­to di mol­te sco­rie, nel caso del comu­ni­smo e anche del comu­ni­smo ita­lia­no ha lascia­to nell’aria l’idea del­lo Sta­to for­te, dell’innamoramento del­la for­za come mac­chi­na di giu­sti­zia». E lo ha riba­di­to Mas­si­mo D’A­le­ma: «ho sem­pre con­si­de­ra­to Min­ni­ti un tec­ni­co del­la sicu­rez­za. Un po’ la sua ori­gi­ne fami­lia­re e un po’ la sua for­ma­zio­ne comu­ni­sta han­no fat­to di lui un mili­ta­re più che… (un poli­ti­co, ndr). Ho visto che ha det­to che sul­la dife­sa dei dirit­ti uma­ni dei migran­ti si met­te­rà in gio­co. Spe­ro che lo fac­cia per­ché fino­ra non ho avu­to que­sta impres­sio­ne». E pro­se­gue: «Se l’invasione degli immi­gra­ti è una minac­cia per la demo­cra­zia, Sal­vi­ni diven­ta un baluar­do per la demo­cra­zia più cre­di­bi­le».[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.