«Mi chiamo Massimo Fanelli»

11103520_10206050940530567_1990744593_o«Mi chia­mo Mas­si­mo Fanel­li, ho 54 anni e da set­tem­bre 2013 sono mala­to di SLA».

Con que­ste paro­le si apre l’intenso appel­lo che Max ha volu­to rivol­ge­re a Pip­po Civa­ti, ospi­te a casa sua il 28 mar­zo scorso.

Max è ormai da mesi impri­gio­na­to nel suo cor­po, rie­sce a nutrir­si e respi­ra­re gra­zie ai mac­chi­na­ri e a comu­ni­ca­re attra­ver­so un let­to­re a con­trol­lo ocu­la­re. Quan­do gli occhi, ulti­mo baluar­do del suo cor­po che rie­sce anco­ra a coman­da­re, non rispon­de­ran­no più, sarà con­dan­na­to al silen­zio fino alla fine dei suoi giorni.

In que­sta lot­ta con­tro il tem­po Max sta urlan­do, con tut­ta la for­za di cui dispo­ne, le atro­ci sof­fe­ren­ze di chi si tro­va nel­le sue con­di­zio­ni, aggra­va­te dal­la fru­stra­zio­ne di veder nega­ta la liber­tà di deci­de­re se e come accet­ta­re que­sta situa­zio­ne e “la digni­tà di sen­tir­ci uomi­ni capa­ci di pen­sie­ri e deci­sio­ni”. 

L’appello di Max è sta­to subi­to rac­col­to da Pip­po Civa­ti che ha rivol­to una pro­po­sta, sot­to for­ma di refe­ren­dum, ai capi­grup­po di Came­ra e Sena­to affin­chè ven­ga mes­so final­men­te in calen­da­rio e discus­so il pro­get­to di leg­ge di ini­zia­ti­va popo­la­re sul rifiu­to di trat­ta­men­ti sani­ta­ri e licei­tà dell’eutanasia, pro­mos­so dall’Asso­cia­zio­ne Luca Coscio­ni e dal Comi­ta­to Euta­na­sia Lega­le, depo­si­ta­to alla Came­ra dei Depu­ta­ti il 13 dicem­bre 2013.

Ho fat­to una pro­po­sta sem­pli­ce sem­pli­ce — scri­ve Civa­ti nel suo blog -: per par­ti­re, sic­co­me è neces­sa­rio che sia­no i Pre­si­den­ti dei grup­pi par­la­men­ta­ri a far­si cari­co, in sede di pro­gram­ma­zio­ne, di inse­ri­re anche la pro­po­sta in que­stio­ne, ho chie­sto di rivol­ger­si a loro con un que­si­to di tipo refe­ren­da­rio: che cosa inten­do­no fare quin­di Spe­ran­za, Vil­la­ro­sa, Bru­net­ta, Pisic­chio, De Giro­la­mo, Scot­to, Maz­ziot­ti di Cel­so, Fedri­ga, Del­lai e Ram­pel­li? Sono pro­prio loro a dover deci­de­re – in con­fe­ren­za dei capi­grup­po – se final­men­te discu­tia­mo di euta­na­sia e testa­men­to biologico.

Sì o no?

11116083_10206050937530492_2112461602_n

Invi­tia­mo a rivol­ge­re e a dif­fon­de­re la stes­sa doman­da ai Pre­si­den­ti dei Grup­pi Par­la­men­ta­ri, sol­le­ci­tan­do una rispo­sta chia­ra. Sì o no.

In occa­sio­ne del­la visi­ta a casa di Max, Pip­po Civa­ti ha anche dato il via alla cam­pa­gna di sen­si­bi­liz­za­zio­ne #iosto­con­max, pro­mos­sa dall’omonimo comi­ta­to per sen­si­bi­liz­za­re l’opinione pub­bli­ca sul­la neces­si­tà di una leg­ge che rego­li il fine vita. Max non chie­de di mori­re, ma chie­de che a tut­ti i mala­ti ter­mi­na­li pos­sa esse­re garan­ti­ta la liber­tà di deci­de­re come e quan­do por­re fine alle pro­prie sof­fe­ren­ze, fisi­che e psi­co­lo­gi­che, difen­den­do quel­la com­po­nen­te indi­spen­sa­bi­le del­la liber­tà, che è la digni­tà.

Per ade­ri­re è suf­fi­cien­te sca­ri­ca­re la car­to­li­na di Maxfare una foto con la car­to­li­na in mano e pub­bli­car­la sul­la pagi­na Face­book del­l’e­ven­to «Le car­to­li­ne di #iosto­con­max».

Chi vuo­le può scri­ve­re un mes­sag­gio sul retro del­la Car­to­li­na e inviar­la a Max. Tut­te le car­to­li­ne rice­vu­te ver­ran­no con­se­gna­te alla Pre­si­den­te del­la Came­ra Lau­ra Boldrini.

In que­sto video tut­te le infor­ma­zio­ni e i con­tat­ti del­la cam­pa­gna #iosto­con­max:

https://www.youtube.com/watch?v=f4j_S7A2cmA&feature=youtu.be

Invi­tia­mo tut­ti ad ade­ri­re per una bat­ta­glia di digni­tà, per esse­re libe­ri fino alla fine.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.