Mercato del Lavoro, ecco il doping della decontribuzione

doping-ambienti-sportivi-giovanili-1740x700

A cura di Giai­me Car­bo­ni e Davi­de Serafin

Con la pub­bli­ca­zio­ne da par­te del Mini­ste­ro del Lavo­ro dei dati tri­me­stra­li estra­po­la­ti dal data­ba­se SISCO (il Siste­ma Infor­ma­ti­vo Sta­ti­sti­co del­le Comu­ni­ca­zio­ni Obbli­ga­to­rie), ci sia­mo tro­va­ti di fron­te, final­men­te, a del­le noti­zie posi­ti­ve in tema di lavo­ro. Rispet­to a quan­to ave­va­mo scrit­to su que­sto sito qual­che set­ti­ma­na fa, i nume­ri sono ora vol­ti in posi­ti­vo, e ciò in segui­to ad alcu­ni aggiu­sta­men­ti sui nume­ri divul­ga­ti dal­lo stes­so Mini­ste­ro (spe­cie per i con­trat­ti a tem­po determinato).

Anche l’INPS ha pub­bli­ca­to a Mag­gio i dati dell’Osser­va­to­rio sul Pre­ca­ria­to, in que­sto caso una ela­bo­ra­zio­ne dal data­ba­se UNIEMENS, e resti­tui­sce — alme­no con rife­ri­men­to alle atti­va­zio­ni net­te dei con­trat­ti a tem­po inde­ter­mi­na­to (il dato del­le atti­va­zio­ni meno le ces­sa­zio­ni) — un anda­men­to simi­le. Resta il fat­to che Mini­ste­ro del Lavo­ro e INPS ela­bo­ra­no set di dati che non sono imme­dia­ta­men­te com­pa­ra­bi­li e, anzi, han­no signi­fi­ca­ti­ve dif­fe­ren­ze. Basti guar­da­re al gra­fi­co 1, che mostra l’andamento del­le atti­va­zio­ni net­te nel pri­mo tri­me­stre degli anni dal 2011 al 2015. INPS — nell’ultima pub­bli­ca­zio­ne — for­ni­sce il dato sola­men­te a par­ti­re dall’anno 2013, quan­do lo scar­to rispet­to ai valo­ri del Mini­ste­ro del Lavo­ro è addi­rit­tu­ra del 35%, con il dato che, in par­te, si sta­bi­liz­za, arri­van­do al 15% del pri­mo tri­me­stre 2015.

Schermata del 2015-06-14 20:08:28

Entram­bi i data­ba­se dovreb­be­ro con­te­ne­re l’intero uni­ver­so di rife­ri­men­to, dal momen­to che si trat­ta di due adem­pi­men­ti obbli­ga­to­ri da par­te del­le azien­de. Sareb­be­ro ragio­ne­vo­li dif­fe­ren­ze resi­dua­li, non cer­ta­men­te nell’ordine che si osser­va. Que­sto pone dei dub­bi sul­la qua­li­tà dei dati a dispo­si­zio­ne e met­te in discus­sio­ne l’affidabilità del­le rile­va­zio­ni effettuate.

Dal momen­to, però, che è pos­si­bi­le trar­re del­le con­si­de­ra­zio­ni gene­ra­li alme­no sui con­trat­ti a tem­po inde­ter­mi­na­to, chie­dia­mo­ci se ci si può ral­le­gra­re del rim­bal­zo del pri­mo tri­me­stre 2015 (il rim­bal­zo del gat­to mor­to, cit.). Il Mini­ste­ro del Lavo­ro e del­le Poli­ti­che Socia­li, nel comu­ni­ca­to ampia­men­te divul­ga­to dal­la stam­pa, mostra che nei pri­mi tre mesi dell’anno i con­trat­ti a tem­po inde­ter­mi­na­to sono aumen­ta­ti di 76.811 uni­tà (dati SISCO). Tut­to bene quindi?

Nono­stan­te il rim­bal­zo, la per­cen­tua­le di occu­pa­ti sul­la for­za lavo­ro è, tut­to­ra, al mini­mo dal 2004, anno dal qua­le sono dispo­ni­bi­li le serie sto­ri­che ISTAT sul nume­ro di occu­pa­ti e di per­so­ne in cer­ca di occu­pa­zio­ne (vedi gra­fi­co). Si pas­sa, infat­ti, dal 91,8% di per­so­ne occu­pa­te sul tota­le del­la for­za lavo­ro nel gen­na­io 2004, all’87,6% nell’aprile 2015. La situa­zio­ne, insom­ma, è tut­to­ra piut­to­sto dif­fi­ci­le nel mer­ca­to del lavo­ro ita­lia­no e un po’ di pru­den­za nel com­men­ta­re que­sti dati è auspi­ca­bi­le anche per­ché, a que­sto dato ogget­ti­va­men­te pre­oc­cu­pan­te, se ne aggiun­go­no alme­no altri due.

Schermata del 2015-06-14 19:55:04

 

Dall’inizio dell’anno, le atti­va­zio­ni dei con­trat­ti sono pesan­te­men­te sus­si­dia­te dal­lo Sta­to. E’ un vero e pro­prio doping. Nes­su­no sino­ra ave­va esat­ta­men­te quan­ti­fi­ca­to l’effetto del­la decon­tri­bu­zio­ne e tut­to­ra è solo pos­si­bi­le fare un’analisi appros­si­ma­ti­va, aven­do alla mano i report del Mini­ste­ro del Lavo­ro e dell’INPS. Nel bol­let­ti­no INPS, infat­ti, è ripor­ta­to il nume­ro del­le atti­va­zio­ni con­trat­tua­li a tem­po inde­ter­mi­na­to  — per ogni mese del pri­mo tri­me­stre 2015 — che usu­frui­sco­no dell’eso­ne­ro con­tri­bu­ti­vo ai sen­si del­la leg­ge 190/2014. Tut­ta­via man­che­reb­be la base impo­ni­bi­le (ovve­ro le atti­va­zio­ni men­si­li). Per ovvia­re a tale incon­ve­nien­te e poter comun­que ave­re una pro­ie­zio­ne di quan­to la decon­tri­bu­zio­ne ha influi­to sul­la cre­sci­ta dei con­trat­ti a tem­po inde­ter­mi­na­to, abbia­mo impie­ga­to le atti­va­zio­ni men­si­li divul­ga­te dal siste­ma Sisco.

Ebbe­ne, nei pri­mi quat­tro mesi del 2015, cir­ca il 50% dei con­trat­ti a tem­po inde­ter­mi­na­to sti­pu­la­ti han­no usu­frui­to del­la decon­tri­bu­zio­ne garan­ti­ta dal­lo Sta­to. Come si evin­ce dal gra­fi­co, inol­tre, con il pas­sa­re dei mesi, la per­cen­tua­le di decon­tri­bu­zio­ni sul tota­le dei con­trat­ti atti­va­ti è pas­sa­ta dal 38% al 55% (fon­te UNIEMENS); segno, que­sto, che il rim­bal­zo osser­va­to non è sta­to frut­to di una ripre­sa del­la pro­du­zio­ne indu­stria­le e dei con­su­mi (fra Mar­zo e Apri­le la pro­du­zio­ne indu­stria­le è dimi­nui­ta del­lo 0,3%, men­tre è sce­sa del­lo 0,1% rispet­to ai pri­mi quat­tro mesi del 2014 — dati ISTAT), ma, alme­no una metà, è frut­to dei sus­si­di che le azien­de pos­so­no ottenere.

Schermata del 2015-06-14 20:11:27

 

In secon­do luo­go, come mostra il gra­fi­co (fon­te SISCO), il tota­le dei con­trat­ti a tem­po deter­mi­na­to non ha lo stes­so anda­men­to dei con­trat­ti stan­dard. Que­sti, infat­ti, si ridu­co­no, aumen­tan­do il sospet­to che vi sia un tra­sfe­ri­men­to di lavo­ra­to­ri da for­me con­trat­tua­li a tem­po deter­mi­na­to a for­me a tem­po inde­ter­mi­na­to. Auspi­ca­bi­le, vero. Ma frut­to solo del­la decon­tri­bu­zio­ne e non di fat­to­ri strutturali.

Schermata del 2015-06-14 20:16:30

 

In con­clu­sio­ne, dopo anni in cui i dati sull’occupazione mostra­va­no ine­so­ra­bil­men­te il segno nega­ti­vo, è cer­ta­men­te un sol­lie­vo poter com­men­ta­re un aumen­to dell’occupazione nel pri­mo tri­me­stre, ma non pos­sia­mo anco­ra dir­ci sod­di­sfat­ti, né, men che meno, fuo­ri dal­la cri­si. I segna­li con­trad­dit­to­ri che accom­pa­gna­no il dato posi­ti­vo sul­le atti­va­zio­ni tem­po deter­mi­na­to devo­no far­ci riflet­te­re sul­la bon­tà del­la ripre­sa dell’occupazione. Dovrem­mo aspet­ta­re i pros­si­mi tri­me­stri per veri­fi­ca­re l’andamento dell’occupazione, auspi­can­do che i sus­si­di e il tra­sfe­ri­men­to di for­me con­trat­tua­li non sia­no più così deter­mi­nan­ti nel­la crea­zio­ne di posti di lavoro.

Reste­reb­be da fare un discor­so cir­ca la neces­si­tà di ave­re tre siste­mi dif­fe­ren­ti di rac­col­ta dei dati. Poi­ché se è pur vero che per le atti­va­zio­ni con­trat­tua­li non vale l’equazione “un con­trat­to — un lavo­ra­to­re” (il rap­por­to. cal­co­la­to sui nume­ri Sisco, è pari a cir­ca 1.1), tenu­to con­to che i dati Sisco e UNIEMENS non sono desta­gio­na­liz­za­ti, negli ulti­mi tre mesi il gover­no ha ‘festeg­gia­to’ il boom degli inde­ter­mi­na­ti scio­ri­nan­do cifre sem­pre diver­se e spie­gan­do­ne l’andamento vir­tuo­so con l’introduzione del Jobs Act. Va da sé che i nume­ri divul­ga­ti da ISTAT sono quel­li che han­no gene­ra­to meno giu­bi­lo dal­le par­ti di Palaz­zo Chi­gi, dal momen­to che, rispet­to a 12 mesi fa, i dipen­den­ti per­ma­nen­ti sono aumen­ta­ti di (sole) 36 mila uni­tà (+0,2%).

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.