Matteo Salvini e le bufale — La top ten 2018 di #Antivirus

Quest'anno Matteo Salvini, prima e dopo essere entrato al Viminale da Ministro-Vicepremier, si è lungamente prodigato in una personalissima campagna elettorale permanente fatta d'odio, bufale, distorsione della realtà e storytelling nazionalpopolare.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Que­st’an­no Mat­teo Sal­vi­ni, pri­ma e dopo esse­re entra­to al Vimi­na­le da Mini­stro-Vice­pre­mier, si è lun­ga­men­te pro­di­ga­to in una per­so­na­lis­si­ma cam­pa­gna elet­to­ra­le per­ma­nen­te fat­ta d’o­dio, bufa­le, distor­sio­ne del­la real­tà e sto­ry­tel­ling nazio­nal­po­po­la­re.

Nel 2018 ha avu­to modo e tem­po di pole­miz­za­re, attac­ca­re o pren­der­se­la con Mal­ta, con la Fran­cia, la Ger­ma­nia, con l’Eu­ro­pa, Bru­xel­les, Stra­sbur­go, i ‘Pote­ri For­ti’, Macron, Mer­kel, Junc­ker, Mosco­vi­ci, Di Maio, Ren­zi, Fla­vio Tosi, Assel­born (Mini­stro degli Este­ri del Lus­sem­bur­go), Soros, Mim­mo Luca­no, Spa­ta­ro, Boe­ri, Mat­ta­rel­la, Vir­gi­nia Rag­gi, Gat­tu­so, Higuain, Spi­ke Lee, Savia­no, Miche­le Rion­di­no, Fio­rel­la Man­no­ia, Nina Zil­li, Asia Argen­to, Nina Moric, Pame­la Ander­son, i Pearl Jam, Sal­mo, la musi­ca rap, la musi­ca trap, la rivi­sta Rol­ling Sto­ne, gli ambien­ta­li­sti (da salot­to), i gior­na­li­sti, i buo­ni, i buo­ni­sti, i migran­ti (soprat­tut­to quel­li nige­ria­ni), gli stra­nie­ri nati in Ita­lia, gli zin­ga­ri, i cam­pi rom, il Bao­bab, l’I­slam, Hez­bol­lah, Con­fin­du­stria, i giu­di­ci, la Poli­zia Loca­le di Tre­vi­so, le Ong, Proac­ti­va Open Arms, Aqua­rius, Diciot­ti, por­ti, aero­por­ti e tan­ti altri ancora.

Pole­mi­che accom­pa­gna­te da un’esposizione dei fat­ti che ha spes­so distor­to i fat­ti e la realtà. 

Con Anti­vi­rus abbia­mo pro­va­to, da quan­do sia­mo nati, a smon­ta­re le bufa­le di un Mini­stro dell’Interno che ha fat­to di tut­to per costrui­re una sua real­tà paral­le­la in cui fos­se­ro giu­sti­fi­ca­bi­li le disu­ma­ne leg­gi da lui volu­te.

Nono­stan­te la nostra cam­pa­gna esi­sta solo da tre mesi, e sen­za con­ta­re le nume­ro­se pro­mes­se fat­te in cam­pa­gna elet­to­ra­le e per ora — per for­tu­na — infran­te (dal­la flat tax alla ridu­zio­ne del­le acci­se sui car­bu­ran­ti, pas­san­do per il cen­si­men­to dei Rom e i 500.000 clan­de­sti­ni da “cac­cia­re” indi­scri­mi­na­ta­men­te), sia­mo già in gra­do di sti­la­re una top ten del­le “miglio­ri” bufa­le pro­nun­cia­te di Sal­vi­ni in que­sto scor­cio di 2018.

Ecco­la qui, a futu­ra memoria.

10) “Nes­su­na pen­sio­ne ver­rà taglia­ta e dimi­nui­ta”

Sal­vi­ni, 24 dicem­bre, diret­ta Face­book: “Nes­su­na pen­sio­ne ver­rà taglia­ta e dimi­nui­ta, nel 2019 nes­su­no pren­de­rà di meno, anzi si pren­de­rà di più. Alla fine del­la diret­ta pub­bli­che­re­mo una tabel­la per dimostrarlo.”

La tabel­la non è mai sta­ta pubblicata.

Lo abbia­mo fat­to noi: le pen­sio­ni dimi­nui­sco­no rispet­to alle som­me pre­vi­ste per il 2019 secon­do le nor­me del­la Leg­ge 388/2000, che sareb­be entra­ta nuo­va­men­te in vigo­re il 1 gen­na­io 2019.

9) Le bufa­le su Fre­dy Pacini

A fine novem­bre il caso di Fre­dy Paci­ni, gom­mi­sta tosca­no che ave­va ucci­so una per­so­na che si era intro­dot­ta nel­la sua pro­prie­tà per com­met­te­re un fur­to, riac­cen­de il dibat­ti­to sul­la legit­ti­ma dife­sa. Sal­vi­ni si schie­ra con il com­mer­cian­te, ma nel far­lo distor­ce com­ple­ta­men­te la real­tà: dichia­ra che “il ladro” era sta­to “feri­to”, non ucci­so, e che il gom­mi­sta ave­va subi­to 36 fur­ti nell’ultimo anno (nume­ri poi smen­ti­ti dai cara­bi­nie­ri).

8) Le minac­ce del­la camor­ra al cane Pocho

28 otto­bre — Il Mat­ti­no di Napo­li ripor­ta una noti­zia su Pocho, un bel­lis­si­mo Jack Rus­sell di nove anni che sareb­be sta­to sot­to minac­cia del­la camor­ra (addi­rit­tu­ra con una taglia mes­sa sul­la sua testa) per la sua atti­vi­tà antidroga.

30 otto­bre — Le Iene, incu­rio­si­ti dal­la noti­zia, chia­ma­no la Que­stu­ra di Napo­li per ave­re con­fer­ma. Con­fer­ma che non arri­va: la sto­ria del­la taglia è una bufa­la, la noti­zia è sta­ta strumentalizzata.

1 novem­bre — il Mini­stro dell’Interno Sal­vi­ni (una per­so­na che con le que­stu­re dovreb­be esse­re in con­tat­to, dicia­mo) deci­de di rilan­cia­re la bufa­la: “gra­zie al suo naso infal­li­bi­le, que­sto cane infal­li­bi­le ha fat­to per­de­re milio­ni di euro alla camor­ri­sti (sic.) che, per que­sto, ora lo voglio­no MORTO. Fate schi­fo… Gran­de Pocho, ono­re a te!”

7)  L’annuncio dell’archiviazione del­l’in­da­gi­ne sul­la Diciotti

In que­sta clas­si­fi­ca non pote­va man­ca­re Luca Mori­si, fede­le spin doc­tor del Capi­ta­no. È lui, il pri­mo novem­bre, a dichia­ra­re archi­via­ta l’inchiesta sul­la Diciot­ti, dopo la richie­sta del­la Pro­cu­ra di Cata­nia. In real­tà, come ave­va­mo spie­ga­to, sareb­be sta­to il Tri­bu­na­le dei Mini­stri a deci­de­re sul­l’ar­chi­via­zio­ne. La richie­sta del­la pro­cu­ra (gui­da­ta da Car­me­lo Zuc­ca­ro) non era vincolante.

6) “Rim­pa­tri: +28% da quan­do sono al governo”

Pro­ba­bil­men­te in rispo­sta a un arti­co­lo di Nel­lo Sca­vo usci­to su Avve­ni­re, un tweet di Sal­vi­ni del  16 dicem­bre ci infor­ma: “rim­pa­tri: +28% da quan­do sono al gover­no. Spia­ce che l’op­po­si­zio­ne e qual­che gior­na­li­sta fazio­so e disin­for­ma­to fal­si­fi­chi­no per­fi­no i nume­ri e la realtà.”

Pec­ca­to che Sal­vi­ni, per arri­va­re alla cifra del +28%, abbia mes­so a con­fron­to un perio­do di 5 mesi (gen­na­io-mag­gio, gover­no pre­ce­den­te) con un perio­do di 6 mesi e 9 gior­ni (giugno‑9 dicembre).

5) L’intoccabile 2,4 di deficit

In cin­que gior­ni, dal 21 al 26 novem­bre, Mat­teo Sal­vi­ni annun­cia la gira­vol­ta del gover­no sul defi­cit del­la manovra.

Da “2,4% non nego­zia­bi­le” a “nes­su­no si attac­ca al 2,4%”.

Nes­su­na dichia­ra­zio­ne, inve­ce, sul suo defi­cit di credibilità.

4) “I feri­ti sul­le sca­le mobi­li a Roma? Deci­ne di ubria­chi che face­va­no casino”

23 otto­bre, Roma-CSKA Mosca: 25 feri­ti a Roma per il mal­fun­zio­na­men­to di una sca­la mobi­le sul­la Metro A. 

Sal­vi­ni — insie­me a Vir­gi­nia Rag­gi — dà subi­to la col­pa ai tifo­si rus­si, rei di esse­re “ubria­chi che face­va­no casi­no”, secon­do le paro­le del mini­stro. Ma quel­la sera — come dimo­stra­to dai video del­le tele­ca­me­re di sicu­rez­za — non c’e­ra nes­sun tifo­so rus­so che sal­ta­va e bal­la­va ubria­co sul­la sca­la mobile.

C’e­ra­no però due figu­re isti­tu­zio­na­li (una sin­da­ca e un Mini­stro del­l’In­ter­no) che han­no scel­to di dare cre­di­to a voci infon­da­te e di rilan­ciar­le, per sca­ri­ca­re le respon­sa­bi­li­tà su per­so­ne incolpevoli.

3) Sca­fi­sti che non lo erano

“Ami­ci, io pos­so anche com­bat­te­re per bloc­ca­re bar­co­ni e sca­fi­sti, ma anche la giu­sti­zia deve fare la sua par­te”, scri­ve il Mini­stro del­l’in­ter­no il 2 otto­bre, com­men­tan­do una sen­ten­za del Tri­bu­na­le di Paler­mo, che assol­ve con for­mu­la pie­na 14 uomi­ni accu­sa­ti di esse­re scafisti.

“Se dav­ve­ro fos­se­ro sta­ti cri­mi­na­li non sareb­be­ro sta­ti minac­cia­ti con del­le pisto­le, fat­ti sali­re su un gom­mo­ne sen­za ben­zi­na e sen­za sal­va­gen­te”, si leg­ge nel pez­zo di live­si­ci­lia che lo stes­so Sal­vi­ni lin­ka nel tweet.

2) Il fal­so allar­me tubercolosi

Il 12 set­tem­bre un tweet di Sal­vi­ni ci informa: 

“Pur­trop­po la tuber­co­lo­si è tor­na­ta a dif­fon­der­si, gli ita­lia­ni paga­no i costi socia­li e sani­ta­ri di anni di DISASTRI e di inva­sio­ne sen­za rego­le e sen­za controlli.

Dice­va­no che era­va­mo cat­ti­vi, allar­mi­sti, pericolosi…

Ce l’ho mes­sa e ce la met­te­rò tut­ta per inver­ti­re la rotta.”

Qual­che ora dopo la smen­ti­ta di Mau­ri­zio Mar­ce­ca, Pre­si­den­te del­la Socie­tà Ita­lia­na di Medi­ci­na del­le Migrazioni.

“Non abbia­mo in Ita­lia alcun allar­me tuber­co­lo­si lega­to agli immi­gra­ti. Biso­gna trat­ta­re que­sto tipo di tema­ti­che con mol­to sen­so di respon­sa­bi­li­tà, per­ché quan­do si par­la di tbc si rischia di crea­re allar­me, anche lad­do­ve un allar­me non esi­ste. Inter­ve­nen­do con affer­ma­zio­ni poco scien­ti­fi­che si rischia di crea­re pani­co socia­le. La popo­la­zio­ne deve sape­re che non c’è allar­me e che abbia­mo tut­ti gli stru­men­ti per gover­na­re il fenomeno”.

1) La bufa­la dell’insegnante che ave­va chie­sto agli stu­den­ti come cac­cia­re Salvini

A Castel del Rio, Bolo­gna, – scri­ve Sal­vi­ni su Face­book il 26 set­tem­bre – una inse­gnan­te di ita­lia­no del­le medie avreb­be chie­sto agli stu­den­ti: “Come fac­cia­mo a cac­cia­re Salvini?”

La noti­zia, mes­sa in giro da espo­nen­ti loca­li del­la Lega, è un fal­so già smen­ti­to dal Diret­to­re dell’Ufficio Sco­la­sti­co dell’Emilia Romagna. 

Que­sto però non fer­ma Sal­vi­ni, che rilan­cia la bufa­la. Come scri­ve­va­mo in un arti­co­lo scrit­to per smon­tar­la, a quel pun­to deci­ne di miglia­ia di per­so­ne inva­do­no i social, offen­den­do l’insegnante e chie­den­do­ne il licen­zia­men­to..

Un odio con­sa­pe­vol­men­te sca­te­na­to dal­la sua mac­chi­na del­la pro­pa­gan­da, che avreb­be il com­pi­to come Mini­stro dell’Interno di pro­teg­ge­re e dare sicu­rez­za a tut­ti i cit­ta­di­ni, inve­ce di pen­sa­re solo a dif­fon­de­re bufa­le per il suo tor­na­con­to elettorale.

Ste­fa­no Artusi

Mar­co Vas­sa­lot­ti[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.