Veneto: la strada verso una terra povera e distrutta

L'ultimo in ordine di tempo, appena un mese fa, è stato il sequestro cautelare, da parte dei carabinieri forestali di Mestre a seguito di una indagine coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Venezia, di due aree dove erano stoccate 280mila tonnellate di rifiuti trattati illecitamente

[vc_row][vc_column][vc_column_text]L’ultimo in ordi­ne di tem­po, appe­na un mese fa, è sta­to il seque­stro cau­te­la­re, da par­te dei cara­bi­nie­ri fore­sta­li di Mestre a segui­to di una inda­gi­ne coor­di­na­ta dal­la Dire­zio­ne distret­tua­le anti­ma­fia di Vene­zia, di due aree dove era­no stoc­ca­te 280mila ton­nel­la­te di rifiu­ti trat­ta­ti ille­ci­ta­men­te (misce­la­zio­ne di rifiu­ti con­ta­mi­na­ti di metal­li pesan­ti con altri mate­ria­li al fine di diluir­ne la con­cen­tra­zio­ne) a Pae­se, nel tre­vi­gia­no, e a Noa­le (Ve), dove ha sede l’a­zien­da che gesti­sce le due cave, il Grup­po Cosmo. Rifiu­ti inqui­nan­ti che non veni­va­no resi iner­ti ma aggiun­ti alla cal­ce, legan­ti e cemen­to per rea­liz­za­re aggre­ga­ti da uti­liz­za­re nel­l’e­di­li­zia, in par­ti­co­la­re sot­to­fon­da­zio­ni stra­da­li. In alcu­ni fram­men­ti di mate­ria­le frut­to di misce­la­zio­ne è sta­ta riscon­tra­ta la pre­sen­za di fibre di amianto.

L’A­zien­da ripor­ta que­sta fra­se nel pro­prio sito, alla voce ‘Filo­so­fia aziendale’:

L’o­biet­ti­vo prin­ci­pa­le di Grup­po Cosmo è riu­sci­re a sod­di­sfa­re le esi­gen­ze del clien­te con il mas­si­mo rispet­to per l’ambiente. 

Non si sa con cer­tez­za a quan­do risa­le l’i­ni­zio di que­sta pra­ti­ca di misce­la­zio­ne siste­ma­ti­ca (cer­to non il ‘mas­si­mo rispet­to del­l’am­bien­te’) dei rifiu­ti con­ta­mi­na­ti di metal­li pesan­ti e non solo.

Si sa, però, qua­li ope­re abbia rea­liz­za­to e sul­le qua­li sia inter­ve­nu­to il Grup­po Cosmo:

  • Pas­san­te di Mestre;
  • Ter­za cor­sia auto­stra­da A4 (Ve-Ts);
  • Casel­lo Auto­stra­da­le di Noven­ta di Pia­ve e Martellago.
  • Svin­co­li auto­stra­da­li di Dolo e Marcon;
  • Piat­ta­for­ma Logi­sti­ca Por­tua­le di Fusina;
  • Ade­gua­men­to Ban­chi­na Pie­mon­te Molo B Por­to Marghera;
  • Aero­por­to Mar­co Polo di Tessera;
  • Offi­ci­ne Aeronavali;
  • Siste­ma Fer­ro­via­rio Metro­po­li­ta­no Regio­na­le di super­fi­cie nei lot­ti Pd / Castel­fran­co — Tre­vi­so / Mestre — Mestre / Mira;
  • Costru­zio­ne pon­te di attra­ver­sa­men­to cana­le indu­stria­le per col­le­ga­men­to area por­tua­le con diret­tri­ce stra­da­le di Marghera;
  • Rea­liz­za­zio­ne del fab­bri­ca­to Ikea di Padova;
  • Movi­men­to ter­re nuo­vo Ospe­da­le di Mestre;
  • Secan­te Cesena;
  • Boni­fi­che e mes­sa in sicu­rez­za area in zona Milano;
  • Il par­co San Giu­lia­no di Mestre.

Con la misce­la­zio­ne si otten­go­no innal­za­men­ti del Ph del pro­dot­to fina­le, che a sua vol­ta cau­sa, nel tem­po, il cedi­men­to del mate­ria­le e il con­se­guen­te rila­scio degli inqui­nan­ti nel­l’am­bien­te. Fat­to par­ti­co­lar­men­te pre­oc­cu­pan­te se si pen­sa che que­sti mate­ria­li sono sta­ti impie­ga­ti nel­le costruzioni.

Non può stu­pi­re, quin­di, la pre­sa di posi­zio­ne di Ita­lia Nostra, Legam­bien­te e Valo­re Ambien­te sul Par­co di via Pora­ra a Mira­no (Ve), ope­ra com­ple­men­ta­re del Pas­san­te di Mestre, rea­liz­za­ta dal Grup­po Cosmo, per la qua­le si chie­do­no inda­gi­ni al fine di veri­fi­ca­re se nel suo­lo e nel­la fal­da acqui­fe­ra vi sia­no sostan­ze inquinanti.

Lo stes­so con­cet­to vie­ne riba­di­to dal comi­ta­to ambien­ta­li­sta Opzio­ne Zero, per tut­te le ope­re di miti­ga­zio­ne del Pas­san­te (il ‘pas­san­te ver­de’): “Il via vai di camion del­la Cosmo lun­go via Pora­ra ce li ricor­dia­mo bene. Di cosa sono fat­ti quei ter­ra­pie­ni rea­liz­za­ti nel par­co a ridos­so dell’autostrada tra Mara­no e Mira­no, oggi fre­quen­ta­to da cen­ti­na­ia di per­so­ne ogni gior­no? Il caso del­la Val­da­sti­co sud insegna”.

Non bastas­se lo smog coi con­ti­nui sfo­ra­men­ti del­le pol­ve­ri sot­ti­li, fat­to che acco­mu­na tut­ta la pia­nu­ra pada­na, il Vene­to con­ta 580 siti con­ta­mi­na­ti cen­si­ti dal­l’Ar­pav a cui aggiun­ge­re il sito di inte­res­se nazio­na­le di Por­to Mar­ghe­ra.

Capi­to­lo a par­te per i Pfoa e i Pfas, pro­ve­nien­ti prin­ci­pal­men­te dal­la Mite­ni di Tris­si­no, che dal ’97 al 2013 han­no inqui­na­to le fal­de di 21 comu­ni tra Vicen­za, Pado­va e Vero­na. Que­st’an­no l’a­zien­da ha chiu­so per fal­li­men­to lascian­do le boni­fi­che in cari­co alla Regio­ne. Un’e­mer­gen­za anco­ra più gra­ve se si pen­sa che è con l’e­spo­si­zio­ne pro­lun­ga­ta alle bas­se dosi che i Pfas pro­cu­ra­no dan­ni maggiori.

A tut­to ciò si aggiun­ge la minac­cia del­la cemen­ti­fi­ca­zio­ne sel­vag­gia che ha già divo­ra­to e imper­mea­bi­liz­za­to il ter­ri­to­rio ren­den­do peren­ne il rischio di allu­vio­ni e frane.

Inol­tre è sta­ta recen­te­men­te boc­cia­ta in Con­si­glio Regio­na­le la pro­po­sta di uno stu­dio sul­l’im­pat­to ambien­ta­le e sul­la salu­te pro­vo­ca­to dal­la mono­col­tu­ra del Pro­sec­co (una col­ti­va­zio­ne in cui si fa lar­go ricor­so ai pesti­ci­di). In com­pen­so stan­no pen­san­do di fis­sa­re un prez­zo mini­mo per litro, con­tem­po­ra­nea­men­te si lascia che i viti­gni si espan­da­no oltre i con­fi­ni del­la deno­mi­na­zio­ne, in pia­nu­ra, dove c’e­ra­no col­tu­re diver­si­fi­ca­te. Zaia for­se non cono­sce le leg­gi del mer­ca­to: se aumen­ta la pro­du­zio­ne, e quin­di l’of­fer­ta, di Pro­sec­co il risul­ta­to non può esse­re che la svalutazione.

Desta pre­oc­cu­pa­zio­ne l’ac­cor­do Sta­to-Regio­ne, anco­ra in discus­sio­ne, sul­l’au­to­no­mia del Vene­to, spe­ci­fi­ca­ta­men­te su una del­le 23 mate­rie di cui la Regio­ne chie­de di assu­mer­si la respon­sa­bi­li­tà: la tute­la del­l’am­bien­te e del­l’e­co­si­ste­ma. L’e­la­bo­ra­zio­ne del pia­no pae­sag­gi­sti­co diven­ta di com­pe­ten­za esclu­si­va del­la Regio­ne, come i pro­ce­di­men­ti di valu­ta­zio­ne di impat­to ambien­ta­le e l’in­di­vi­dua­zio­ne dei cri­te­ri gene­ra­li per l’e­la­bo­ra­zio­ne dei pia­ni regio­na­li dei rifiu­ti. Se i cri­te­ri uti­liz­za­ti saran­no sul­la stes­sa linea segui­ta fino­ra dal gover­no regio­na­le sarà come pas­sa­re dal­la padel­la alla brace.

Il model­lo di svi­lup­po Vene­to, ormai da trop­pi anni, sta segnan­do il pas­so, lascian­do­ci una ter­ra squar­ta­ta, inqui­na­ta, cemen­ti­fi­ca­ta, ric­ca solo di case e capan­no­ni vuo­ti. Il cam­bio radi­ca­le, ver­so la ricon­ver­sio­ne eco­lo­gi­ca del­l’e­co­no­mia, tan­to atte­so (#Pri­ma­Del­Di­lu­vio), non è solo una neces­si­tà ma l’u­ni­ca via per pre­ser­va­re il futu­ro di que­sta terra.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.