Master Plan Malpensa e brughiera: la salvezza è entrare nel merito

Descriverci come quelli del no, come quelli che sono contro lo sviluppo, è stata una delle costanti in questi anni. La “narrazione tossica” sulle questioni ambientali purtroppo ha raggiunto anche il livello locale, toccando livelli decisamente bassi: ci hanno descritto o rappresentato come ecoterroristi. È abbastanza evidente che quando non si hanno argomenti, la critica diventa insulto. I veri ecoterroristi sono quelli che hanno sempre sostenuto che l’unica strada possibile fosse allargare il sedime aeroportuale cancellando un habitat unico e raro, descrivendolo come di scarsissimo valore.

La sal­vez­za è entra­re nel merito.

È que­sta la chia­ve di let­tu­ra del­la situa­zio­ne gene­ra­le che stia­mo viven­do. Ana­liz­zan­do, stu­dian­do, con­fron­tan­do stu­di, ricer­che e let­te­ra­tu­ra scientifica.

Lo san­no bene i Comi­ta­ti, le asso­cia­zio­ni ambien­ta­li­ste e anche sem­pli­ci cit­ta­di­ni che da decen­ni si bat­to­no per sal­va­guar­da­re l’ultimo e più impor­tan­te lem­bo di bru­ghie­ra a sud del­la cate­na del­le Alpi. Bru­ghie­ra minac­cia­ta dai vari pro­get­ti di espan­sio­ne dell’aeroporto di Mal­pen­sa, il secon­do aero­por­to italiano.

Anche que­sta vol­ta, dopo il suc­ces­so con­tro il pre­ce­den­te Master Plan, abbia­mo por­ta­to a casa un risul­ta­to deci­sa­men­te importante.

Dico abbia­mo, per­ché di quel nutri­to mani­po­lo di per­so­ne, nel mio pic­co­lo ci sono anch’io.

Il pro­get­to pre­ve­de­va appun­to una espan­sio­ne ver­so SUD in pri­mis di 90 etta­ri, che anda­va­no a can­cel­la­re un habi­tat uni­co e raro, che ha tut­te le carat­te­ri­sti­che per diven­ta­re un Sito di Impor­tan­za Comu­ni­ta­rio per le sue uni­ci­tà e anche per­ché costi­tui­sce l’habitat per nume­ro­se spe­cie tute­la­te da appo­si­te Diret­ti­ve Europee.

Dopo le pri­me mobi­li­ta­zio­ni e le pri­me osser­va­zio­ni con­tra­rie Regio­ne Lom­bar­dia, che da sem­pre di fron­te alla tema­ti­ca di Mal­pen­sa si dimen­ti­ca del suo ruo­lo isti­tu­zio­na­le per diven­ta­re il brac­cio arma­to di SEA la socie­tà di gestio­ne dell’Aeroporto, ha ini­zia­no una gran­de ope­ra di con­vin­ci­men­to nei con­fron­ti dei sin­da­ci del ter­ri­to­rio che alla fine han­no accet­ta­to, poten­do­si rifiu­ta­re come fat­to dal Par­co del Tici­no, una espan­sio­ne di 44 ettari.

In cam­bio, e qui sta una del­le vere “per­le” del Master Plan, di una serie di nuo­ve infra­strut­tu­re stra­da­li (con annes­so con­su­mo di suo­lo, per­di­ta di bio­di­ver­si­tà, disbo­sca­men­ti, etc.) indi­vi­dua­te come “miti­ga­zio­ni e com­pen­sa­zio­ni”, oltre ad una ces­sio­ne di pic­co­le por­zio­ni del ter­ri­to­rio all’interno del sedi­me aero­por­tua­le ad uso ricreativo.

Sareb­be inte­res­san­te cono­sce­re chi por­te­reb­be figli o nipo­ti a gio­ca­re con gli aerei in fase di atter­rag­gio a 100 metri sopra la testa!

In più, secon­da “per­la”, han­no accet­ta­to supi­na­men­te e sen­za bat­ter ciglio le pro­po­ste per recu­pe­ra­re, con­ser­va­re e miglio­ra­re la bru­ghie­ra che per stes­sa ammis­sio­ne del pro­po­nen­te non garan­ti­va­no asso­lu­ta­men­te il risul­ta­to e soprat­tut­to era­no meto­di pri­vi di qual­si­vo­glia base scientifica.

Non ci sia­mo mai per­si d’animo, pur sapen­do che in que­sta nuo­va pro­ce­du­ra, sareb­be sta­to tut­to mol­to più dif­fi­ci­le e com­pli­ca­to. Ma for­ti del­la pas­sa­ta espe­rien­za ci sia­mo rituf­fa­ti sul­le miglia­ia di pagi­ne del­lo Stu­dio di Impat­to Ambien­ta­le met­ten­do in evi­den­za tut­to ciò che non anda­va. Con la col­la­bo­ra­zio­ne del mon­do acca­de­mi­co e di nume­ro­si isti­tu­ti di ricer­ca e del Par­co del Tici­no, uni­co Ente a non sot­to­scri­ve­re l’accordo far­loc­co pro­mos­so da Regio­ne Lom­bar­dia che inve­ce era sta­to sot­to­scrit­to dai Sindaci.

Qual­che set­ti­ma­na fa, men­tre mi pre­pa­ra­vo al Poli­ti­camp di Reg­gio Emi­lia è arri­va­to il pare­re del­la Com­mis­sio­ne Nazio­na­le VIA/VAS con rela­ti­vo Decre­to Mini­ste­ria­le che da pare­re Posi­ti­vo al Master Plan con la pre­scri­zio­ne di NON AMPLIARE il sedi­me aero­por­tua­le a sud, rea­liz­zan­do così la futu­ra zona car­go all’interno del sedi­me aero­por­tua­le attuale.

La nostra stra­te­gia, cioè quel­la di lavo­ra­re affin­ché venis­se boc­cia­ta l’espansione a sud del sedi­me aero­por­tua­le, si è dimo­stra­ta vincente.

In que­sti anni, la pro­ce­du­ra mini­ste­ria­le è ini­zia­ta a Luglio del 2020, ogni sin­go­lo pas­sag­gio è sta­to fon­da­men­ta­le per por­ta­re a casa que­sto risul­ta­to e ci sono alcu­ni aspet­ti che meri­ta­no di esse­re evidenziati.

In pri­mis, la par­te­ci­pa­zio­ne dei cit­ta­di­ni è fon­da­men­ta­le e che le ini­zia­ti­ve di sen­si­bi­liz­za­zio­ne e infor­ma­zio­ne (se i Comu­ni non si atti­va­no in tal sen­so) sono fon­da­men­ta­li. Ini­zia­ti­ve colo­ra­te, mai vio­len­te, emo­zio­nan­ti, immer­si nel­la Natu­ra, che sap­pia­no coin­vol­ge­re tut­ti. Pro­po­ste di cam­mi­na­te, con­cer­ti all’aperto oltre a con­ve­gni e sera­te pub­bli­che sono la stra­da da segui­re. Infor­ma­re, crea con­sa­pe­vo­lez­za faci­li­ta la pre­sa di posi­zio­ne dei cittadini.

Il secon­do aspet­to è che la logi­ca del­le alter­na­ti­ve, da ana­liz­za­re, pro­por­re e soste­ne­re è vincente.

Non cre­de­re e soprat­tut­to non arren­der­si mai di fron­te a chi sostie­ne che non esi­sto­no alternative.

Su Mal­pen­sa, abbia­mo dimo­stra­to sem­pre che le alter­na­ti­ve ci sono e sono più soste­ni­bi­li anche da un pun­to di vista eco­no­mi­co oltre che ambientale.

Le alter­na­ti­ve fan­no pau­ra, soprat­tut­to a chi è anco­ra fer­mo sul­le con­vin­zio­ni che esi­ste un solo modo per imma­gi­na­re lo svi­lup­po di un territorio.

Il ter­zo aspet­to è che non mi biso­gna mai mol­la­re, stu­dian­do, con­fron­tan­do­si con altri, con­di­vi­den­do idee, impres­sio­ni, rifles­sio­ni e crean­do quel­la “mas­sa cri­ti­ca e pro­po­si­ti­va” che è in gra­do appun­to di far vale­re le pro­prie idee.

Descri­ver­ci come quel­li del no, come quel­li che sono con­tro lo svi­lup­po, è sta­ta una del­le costan­ti in que­sti anni. La “nar­ra­zio­ne tos­si­ca” sul­le que­stio­ni ambien­ta­li pur­trop­po ha rag­giun­to anche il livel­lo loca­le, toc­can­do livel­li deci­sa­men­te bas­si: ci han­no descrit­to o rap­pre­sen­ta­to come eco­ter­ro­ri­sti. È abba­stan­za evi­den­te che quan­do non si han­no argo­men­ti, la cri­ti­ca diven­ta insul­to. I veri eco­ter­ro­ri­sti sono quel­li che han­no sem­pre soste­nu­to che l’unica stra­da pos­si­bi­le fos­se allar­ga­re il sedi­me aero­por­tua­le can­cel­lan­do un habi­tat uni­co e raro, descri­ven­do­lo come di scar­sis­si­mo valo­re ambien­ta­le, igno­ran­do con­cet­ti fon­da­men­ta­li come quel­lo dei ser­vi­zi eco­si­ste­mi­ci e igno­ran­do volu­ta­men­te, la pre­sen­za di spe­cie in via di estin­zio­ne tute­la­te dal­la Diret­ti­ve Habi­tat del­la Rete Natu­ra 2000.

Men­tre a livel­lo inter­na­zio­na­le e soprat­tut­to euro­peo gli inter­ven­ti a favo­re del­la Natu­ra come il Green Deal o il Natu­re Resto­ra­tion Law sono pro­get­ti fon­da­men­ta­li per con­tra­sta­re il cam­bia­men­to cli­ma­ti­co, da noi si fa di tut­to per anda­re in dire­zio­ne opposta.

La rela­zio­ne del­la Com­mis­sio­ne inve­ce, alme­no per me, rap­pre­sen­ta una gran­de meda­glia ed è moti­vo di tan­ta sod­di­sfa­zio­ne. Per­ché i tec­ni­ci del Mini­ste­ro han­no rite­nu­to impor­tan­ti, ben docu­men­ta­te e sup­por­ta­te scien­ti­fi­ca­men­te le nostre osser­va­zio­ni, le han­no fat­te diven­ta­re par­te inte­gran­te del loro pare­re. In più han­no rimar­ca­to tan­te cose che in que­sti anni non solo ho rac­con­ta­to par­te­ci­pan­do a nume­ro­si incon­tri pub­bli­ci, con­ve­gni e mani­fe­sta­zio­ni, ma ho anche scrit­to per Possibile.

La più impor­tan­te è sicu­ra­men­te quel­la rela­ti­va alla visio­ne stra­te­gi­ca del siste­ma pae­se che ha biso­gno di fare pro­gram­ma­zio­ne e di far­la seria­men­te e che anche un bam­bi­no è in gra­do di capi­re quan­to sia abba­stan­za idio­ta imma­gi­na­re e pro­por­re che ogni sin­go­lo aero­por­to ita­lia­no pos­sa poten­zia­re i pro­pri nume­ri, a mag­gior ragio­ne oggi nel­la cri­si socio cli­ma­ti­ca e ambien­ta­le che stia­mo vivendo.

Un esem­pio in que­sta dire­zio­ne ci vie­ne dal siste­ma nazio­na­le del tra­spor­to del­le mer­ci: leg­gen­do il MP di Mal­pen­sa tro­via­mo che da qui al 2035 qua­si l’80% del­le mer­ci nazio­na­li tran­si­te­ran­no da Mal­pen­sa, gli stes­si nume­ri si tro­va­no nel MP di Par­ma e nel MP di Firen­ze (giu­sto per cita­re due aero­por­ti che voglio­no ampliar­si per far fron­te a que­sti numeri). 

Man­ca asso­lu­ta­men­te una visio­ne stra­te­gi­ca che sia anche valu­ta­ta dagli stru­men­ti di valu­ta­zio­ne pre­ven­ti­va (VAS e VIA in pri­mis) che in tut­ta Euro­pa ser­vo­no per rag­giun­ge­re lo Svi­lup­po Eco­no­mi­co Soste­ni­bi­le men­tre nel nostro pae­se sono visti come la peste. Segno del­la gran­de arre­tra­tez­za cul­tu­ra­le che vive oggi la poli­ti­ca ita­lia­na e non solo.

Un ulti­mo aspet­to, asso­lu­ta­men­te non secon­da­rio, è il ruo­lo del­la Comu­ni­tà Scien­ti­fi­ca ita­lia­na e Inter­na­zio­na­le che sul­la Bru­ghie­ra ha gio­ca­to un ruo­lo fon­da­men­ta­le al fian­co del­le asso­cia­zio­ni e dei comi­ta­ti, coor­di­na­ti anche dal Par­co del Tici­no che rap­pre­sen­ta a fron­te dei suoi qua­si 50 un gran­de patri­mo­nio scien­ti­fi­co e docu­men­ta­le. Il paral­le­lo con il mon­do scien­ti­fi­co in que­sti ulti­mi decen­ni ha lavo­ra­to sul fron­te del con­tra­sto al cli­ma­te chan­ge è abba­stan­za evi­den­te. Dare ret­ta a quel­lo che dico­no gli scien­zia­ti e i natu­ra­li­sti non è da fol­li, è da fol­li non dare loro ret­ta! E pur­trop­po il nero gover­no Melo­ni, alme­no sul cima­te chan­ge sta andan­do in que­sta direzione.

Le for­ze poli­ti­che di destra, Lega in pri­mis, su Mal­pen­sa stan­no chie­den­do al Gover­no Melo­ni di inter­ve­ni­re. Non han­no let­to – o meglio non han­no com­pre­so – che i nume­ri pre­sen­ti nel Master Plan di mer­ci e di pas­seg­ge­ri fino al 2035 potran­no esse­re rag­giun­ti sen­za espan­de­re il sedi­me aero­por­tua­le a sca­pi­to del­la bru­ghie­ra. For­se per­ché pen­sa­no, che nel pie­no di una cri­si socio cli­ma­ti­ca ambien­ta­le si pos­sa ave­re la bot­te pie­na, la moglie ubria­ca e una secon­da scor­ta in can­ti­na, fre­gan­do­se­ne del­la can­cel­la­zio­ne irre­ver­si­bi­le di un habi­tat, uni­co e raro per il territorio.

 

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.