Lo sgombero di Làbas è una vergogna

Gli sgomberi in simultanea di Làbas e Crash confermano una preoccupante tendenza in atto da tempo, quella di rispondere con forza e prepotenza a chi mette in discussione modelli che hanno contribuito ad aumentare le diseguaglianze e l'esclusione sociale
labas-bologna

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1502201353701{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Una ver­go­gna le imma­gi­ni del­lo sgom­be­ro del Làbas con la for­za dei man­ga­nel­li. Imma­gi­ni che sono il segno dell’incapacità e del­la man­can­za di volon­tà poli­ti­ca del­le isti­tu­zio­ni cit­ta­di­ne di tro­va­re un ter­re­no di dia­lo­go con espe­rien­ze di inno­va­zio­ne socia­le che cer­ca­no di dare rispo­ste ai biso­gni degli ulti­mi, spes­so sop­pe­ren­do all’in­suf­fi­cien­za di quel­le isti­tu­zio­na­li.

Làbas rap­pre­sen­ta da anni una espe­ri­men­to pre­zio­so, aper­to a tut­ti, che ten­ta di por­ta­re nel cuo­re di Bolo­gna ini­zia­ti­ve di wel­fa­re dal bas­so e nuo­ve for­me di mutua­li­smo, semi­nan­do per­cor­si di inte­gra­zio­ne a favo­re di tut­ta la città.

Gli sgom­be­ri in simul­ta­nea di Làbas e Crash con­fer­ma­no una pre­oc­cu­pan­te ten­den­za in atto da tem­po, quel­la di rispon­de­re con for­za e pre­po­ten­za a chi met­te in discus­sio­ne model­li che han­no con­tri­bui­to ad aumen­ta­re le dise­gua­glian­ze e l’e­sclu­sio­ne socia­le. È dolo­ro­so che que­sta cit­tà, che del­la vita­li­tà e del­la capa­ci­tà di coe­sio­ne del suo tes­su­to socia­le ha fat­to sem­pre un pun­to di for­za, oggi stia chiu­den­do uno ad uno tut­ti gli spa­zi che pro­pon­go­no un’i­dea diver­sa di wel­fa­re, cul­tu­ra e aggre­ga­zio­ne.

#iosto­con­Là­bas[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.