L’Italia salvata dai ragazzini: la raccolta fondi per Budelli

“Non si SBudelli l'Italia!” La campagna degli studenti della IIB della Primaria di Primo Grado di Mosso (BI) per raccogliere 3 milioni di euro, mantenere di utilizzo pubblico Budelli e farne l’”isola dei ragazzi”. La posta in gioco non è il possesso o l’uso diretto, ma la proprietà morale di un bene comune.

“Si può leg­ge­re una noti­zia pre­oc­cu­pan­te su un quo­ti­dia­no e pren­der­ne atto oppu­re… si può cer­ca­re di fare qual­co­sa per cam­bia­re la situa­zio­ne”. Let­ta così sem­bra sem­pli­ce e, for­se, sem­pli­ce lo è dav­ve­ro: si potreb­be anche dire un gio­co da ragazzi…

I ragaz­zi sono gli alun­ni del­la IIB del­la Pri­ma­ria di Pri­mo Gra­do di Mos­so, un comu­ne con meno di 1.700 abi­tan­ti in pro­vin­cia di Biella.

Da lune­dì 15 feb­bra­io, pro­ba­bil­men­te, le loro vite sono cam­bia­te per sem­pre, non per qual­co­sa che è capi­ta­to ma per qual­co­sa che stan­no facen­do capi­ta­re, par­ten­do dal­la loro clas­se in ora­rio di lezio­ne e poco per vol­ta in tut­ta Ita­lia, con un bene­fi­co effet­to domino.

Un paio di set­ti­ma­ne fa il loro inse­gnan­te, Giu­sep­pe Paschet­to, fa lezio­ne leg­gen­do ai suoi alun­ni il gior­na­le del­la dome­ni­ca; un arti­co­lo, in par­ti­co­la­re, cat­tu­ra l’attenzione del grup­po: l’isola sar­da di Budel­li, “l’isola rosa” straor­di­na­rio esem­pio di eco­si­ste­ma all’interno del­la Riser­va del­la Mad­da­le­na, tor­ne­rà all’asta dopo che il miliar­da­rio neo­ze­lan­de­se che ha ver­sa­to la capar­ra per il suo acqui­sto ha annun­cia­to l’intenzione di riti­ra­re la sua offer­ta. Cosa potreb­be acca­de­re? La pro­prie­tà pub­bli­ca rischia di esse­re anco­ra una vol­ta nega­ta; nel 2013, infat­ti, era arri­va­to il magna­te neo­ze­lan­de­se, Michael Har­te, ad acqui­sta­re l’i­so­la a poco meno di 3 milio­ni di euro e ren­der­la acces­si­bi­le solo ai maxi yacht. Ma era subi­to scop­pia­ta la pole­mi­ca e il con­si­glio del par­co ave­va deci­so di aumen­ta­re i vin­co­li e Budel­li era diven­ta­ta «zona di tute­la inte­gra­le». Har­te, nel tem­po, ha rinun­cia­to e ora l’i­so­la rosa è di nuo­vo tor­na­ta all’asta, con il rischio che nuo­va­men­te l’ente par­co del­la Mad­da­le­na non pos­sa far vale­re il suo dirit­to di pre­la­zio­ne nel­la nuo­va asta.

Ma tor­nia­mo a Mos­so, a cir­ca 600km in linea d’aria, tan­to dista Budel­li, e all’idea sem­pli­ce e genia­le dei ragaz­zi del­la IIB: “com­pria­mo noi Budel­li!”.

“Abi­tua­ti a pro­get­ta­re e comu­ni­ca­re con l’ap­proc­cio di coo­pe­ra­ti­ve lear­ning — han­no dichia­ra­to i pro­fes­so­ri —  i nostri fan­ta­sti­ci alun­ni si sono mes­si all’o­pe­ra e han­no idea­to la cam­pa­gna nazio­na­le “Non si SBu­del­li l’I­ta­lia” per rac­co­glie­re 3 milio­ni di euro e man­te­ne­re di uti­liz­zo pub­bli­co Budel­li.” La posta in gio­co non è il pos­ses­so o l’uso diret­to, quin­di, ma la pro­prie­tà mora­le di un bene comune.

Negli scor­si 15 gior­ni que­sto sogno ha inva­so le vite di tut­ti, a Mos­so: inter­vi­ste e arti­co­li sui gior­na­li ita­lia­ni e stra­nie­ri (Rus­sia, Inghil­ter­ra, Olan­da, Fran­cia, Slo­ve­nia), ser­vi­zi tele­vi­si­vi nei Tg e in alcu­ne tra­smis­sio­ni nazio­na­li, 7680 per­so­ne iscrit­te alla pagi­na Face­book del­la cam­pa­gna, mes­sag­gi di soste­gno e miria­di di richie­ste di infor­ma­zio­ni per cono­sce­re le moda­li­tà con cui si può effet­tua­re una dona­zio­ne e soste­ne­re que­sta cam­pa­gna di Cro­w­d­fun­ding civico.

Un’attenzione che pia­no pia­no si tra­sfor­ma in mobi­li­ta­zio­ne, per­ché i ragaz­zi non scher­za­no e voglio­no dav­ve­ro com­pra­re Budel­li e far­la diven­ta­re “l’isola dei ragaz­zi”: que­sto pro­get­to fa par­te del loro per­cor­so cur­ri­co­la­re, stan­no impa­ran­do a gesti­re la comu­ni­ca­zio­ne, a cal­co­la­re cifre ele­va­te ma che arri­va­no diret­ta­men­te dal mon­do rea­le. Eco­no­mia dei Beni Comu­ni e Tute­la Pub­bli­ca degli eco­si­ste­mi, se fos­se­ro mate­rie uni­ver­si­ta­rie, ma appre­se già alle Medie; una vol­ta avrem­mo sem­pli­ce­men­te det­to Edu­ca­zio­ne Civica…

Il pre­sup­po­sto del­la loro cam­pa­gna si basa su un ragio­na­men­to sem­pli­ce: se cia­scu­no stu­den­te del­le scuo­le ita­lia­ne ver­sas­se 50 cen­te­si­mi di euro, la cifra sareb­be rag­giun­ta o, anco­ra, se ogni cit­ta­di­no ita­lia­no donas­se 5 cen­te­si­mi il risul­ta­to non cam­bie­reb­be.

Tut­ti i par­ti­co­la­ri su que­sto sogno che può diven­ta­re real­tà e il rac­con­to quo­ti­dia­no di come i ragaz­zi stan­no gesten­do il pro­get­to si tro­va­no nel­la pagi­na Non si s‑Budelli l’Italia!

In que­sti gior­ni stan­no ulti­man­do le pro­ce­du­re per apri­re, sul­la piat­ta­for­ma di Cro­w­d­fun­ding “Pro­du­zio­ni dal Bas­so” la pagi­na del­la raccolta.

Il mes­sag­gio dif­fu­so pochi gior­ni fa e diret­to a tut­ti colo­ro che voglio­no fare la loro par­te è chiaro:

“Cari ami­ci TENETEVI PRONTI! A ini­zio set­ti­ma­na in atte­sa di atti­va­re la piat­ta­for­ma di cro­w­d­fun­ding comu­ni­che­re­mo l’I­BAN di un con­to ban­ca­rio in cui sarà pos­si­bi­le ini­zia­re a ver­sa­re i vostri con­tri­bu­ti. Poi si può fare ALTRO: 1) Le scuo­le ita­lia­ne dovreb­be­ro esse­re tra i pro­ta­go­ni­sti del­la cam­pa­gna: in ogni scuo­la si indi­vi­dui un respon­sa­bi­le (inse­gnan­te, clas­se…) con il com­pi­to di rac­co­glie­re fon­di; 2) I cit­ta­di­ni pos­so­no atti­va­re cam­pa­gne di sen­si­bi­liz­za­zio­ne e ini­zia­ti­ve di rac­col­ta fon­di nei pro­pri pae­si e nel­le pro­prie cit­tà; 3) Chi ha un talen­to par­ti­co­la­re (musi­ca. arte, scien­ze, ecc.) lo può met­te­re a dispo­si­zio­ne del­la cam­pa­gna per pro­dur­re spot, per­for­man­ce, instal­la­zio­ni, flash mob, ecc.

La cam­pa­gna “5 cen­te­si­mi per abi­tan­te e ci com­pria­mo Budel­li” sarà moni­to­ra­ta comu­ni­can­do quan­do gli abi­tan­ti di un cer­to Comu­ne han­no rag­giun­to o supe­ra­to l’o­biet­ti­vo (ad es. per un pae­se di 1000 abi­tan­ti 50 €, per uno di 10000 abi­tan­ti 500 € e così via, som­me non impos­si­bi­li da rag­giun­ge­re se l’im­pe­gno è capil­la­re!), nei casi di comu­ni di pic­co­le e medie dimen­sio­ni si trat­ta di obiet­ti­vi rag­giun­gi­bi­li dav­ve­ro nel giro di pochi giorni…

E allo­ra atti­via­mo­ci per un AMBASCIATORE DI BUDELLI in ogni Comu­ne italiano!”

Potrà sem­bra­re una sto­ria pic­co­la, resi­dua­le, più dal­le par­ti dell’utopia che altro. Ma se solo ci si fer­ma un istan­te di più, giu­sto il tem­po per far­si coin­vol­ge­re dall’entusiasmo dei ragaz­zi che han­no così chia­ro e sem­pli­ce il per­cor­so per tute­la­re il bene comu­ne rap­pre­sen­ta­to dal patri­mo­nio natu­ra­li­sti­co dell’isola Budel­li, tut­to assu­me una dimen­sio­ne più ampia: è l’Italia Pos­si­bi­le che si atti­va, dal bas­so, con pas­sio­ne e con­vin­zio­ne nei pro­pri mez­zi, con l’aiuto di tan­ti.

Tra i tan­ti mes­sag­gi che in que­ste set­ti­ma­ne sono arri­va­ti a Mos­so c’è anche quel­lo di Pao­lo Mad­da­le­na, ex giu­di­ce costi­tu­zio­na­le“Que­sti ragaz­zi han­no col­to in pro­fon­di­tà lo spi­ri­to del­la Costi­tu­zio­ne, quel­lo che è l’es­sen­za del­l’ap­par­te­nen­za. Pri­ma di tut­to, dice la Costi­tu­zio­ne, esi­ste la pro­prie­tà di popo­lo. Poi quel­la pri­va­ta. Si trat­ta di un’i­ni­zia­ti­va lode­vo­le che va a fon­do dei prin­ci­pi costi­tu­zio­na­li. Gli stu­den­ti di Mos­so han­no l’a­val­lo del­la sto­ria e del­la nostra Costituzione.”

E anche, visto che il sogno sen­za tem­po dei beni dav­ve­ro comu­ni incro­cia in que­sto pre­ci­so momen­to sto­ri­co un (non)dibattito nazio­na­le sul­la (non)tutela del mare, come scri­ve Civa­ti “le ragaz­ze e i ragaz­zi di Biel­la che voglio­no sal­va­re Budel­li e tra­sfor­mar­la nell’isola dei ragaz­zi con tre milio­ni di euro sono la miglio­re rispo­sta (cul­tu­ral­men­te par­lan­do) al gover­no che spre­ca 300 milio­ni per boi­cot­ta­re il refe­ren­dum sul­le tri­vel­le”. Basta un cen­te­si­mo di quel­lo spre­co e il sogno che da Mos­so sta con­ta­gian­do un po’ di mon­do diven­te­reb­be subi­to real­tà. Per il Bene di tut­ti.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?