Mutui, Civati e Pastorino: “Il decreto è in contrasto con la Costituzione”

“Il problema principale del decreto legislativo in discussione alla Commissione finanza sulla vicenda dei mutui è che viola palesemente un principio cardine dell’ordinamento giuridico del nostro Paese: quello per cui il creditore non può prendersi direttamente la proprietà dei beni del debitore. Inoltre viola il diritto di difesa e mette a serio rischio quello di proprietà, ponendosi in contrasto con la Costituzione.

“Consentire alle banche di espropriare la casa dopo sette rate di mutuo non pagate vuol dire sacrificare e stravolgere un pilastro democratico a favore di una misura iniqua e discriminatoria. E’ assolutamente irragionevole da parte del Governo  continuare su questa linea e stabilire una nuova forma di espropriazione senza le garanzie da cui sono circondate quelle esistenti. Si imporrebbe per legge e in un momento di crisi economica gravissimo che le banche hanno più diritti dei cittadini, in assenza di una determinazione del debito certa che soltanto un verifica giurisdizionale potrebbe continuare a garantire.

“In più la norma è pasticciata e confusionaria: la direttiva comunitaria (2014/17) che questo decreto dovrebbe recepire  prevede che “le parti di un contratto di credito possono convenire espressamente che la restituzione o il trasferimento della garanzia reale o dei proventi della vendita della garanzia reale è sufficiente a rimborsare il credito”. Quella che poteva essere recepita come una garanzia per il consumatore/debitore, ponendo un limite al suo indebitamento, viene rovesciata e interpretata con un ‘eccesso di zelo’ da parte del Governo: il trasferimento della garanzia reale su un bene è cosa ben differente dalla vendita della proprietà ad opera del creditore.

Un Governo che avalla questa norma è un Governo che si carica di una responsabilità enorme: quella di speculare sulla pelle dei cittadini colpendoli nel diritto primario, intangibile, sacrosanto ad avere una casa e a difendersi di fronte alle controversie legali”: lo dichiarano in una nota i deputati di Possibile Pippo Civati e Luca Pastorino.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati