Mutui, Civati e Pastorino: “Il decreto è in contrasto con la Costituzione”

Il problema principale del decreto legislativo in discussione alla Commissione finanza sulla vicenda dei mutui è che viola palesemente un principio cardine dell'ordinamento giuridico del nostro Paese: quello per cui il creditore non può prendersi direttamente la proprietà dei beni del debitore. Inoltre viola il diritto di difesa e mette a serio rischio quello di proprietà, ponendosi in contrasto con la Costituzione.

“Il pro­ble­ma prin­ci­pa­le del decre­to legi­sla­ti­vo in discus­sio­ne alla Com­mis­sio­ne finan­za sul­la vicen­da dei mutui è che vio­la pale­se­men­te un prin­ci­pio car­di­ne del­l’or­di­na­men­to giu­ri­di­co del nostro Pae­se: quel­lo per cui il cre­di­to­re non può pren­der­si diret­ta­men­te la pro­prie­tà dei beni del debi­to­re. Inol­tre vio­la il dirit­to di dife­sa e met­te a serio rischio quel­lo di pro­prie­tà, ponen­do­si in con­tra­sto con la Costituzione.

“Con­sen­ti­re alle ban­che di espro­pria­re la casa dopo set­te rate di mutuo non paga­te vuol dire sacri­fi­ca­re e stra­vol­ge­re un pila­stro demo­cra­ti­co a favo­re di una misu­ra ini­qua e discri­mi­na­to­ria. E’ asso­lu­ta­men­te irra­gio­ne­vo­le da par­te del Gover­no  con­ti­nua­re su que­sta linea e sta­bi­li­re una nuo­va for­ma di espro­pria­zio­ne sen­za le garan­zie da cui sono cir­con­da­te quel­le esi­sten­ti. Si impor­reb­be per leg­ge e in un momen­to di cri­si eco­no­mi­ca gra­vis­si­mo che le ban­che han­no più dirit­ti dei cit­ta­di­ni, in assen­za di una deter­mi­na­zio­ne del debi­to cer­ta che sol­tan­to un veri­fi­ca giu­ri­sdi­zio­na­le potreb­be con­ti­nua­re a garantire.

“In più la nor­ma è pastic­cia­ta e con­fu­sio­na­ria: la diret­ti­va comu­ni­ta­ria (2014/17) che que­sto decre­to dovreb­be rece­pi­re  pre­ve­de che “le par­ti di un con­trat­to di cre­di­to pos­so­no con­ve­ni­re espres­sa­men­te che la resti­tu­zio­ne o il tra­sfe­ri­men­to del­la garan­zia rea­le o dei pro­ven­ti del­la ven­di­ta del­la garan­zia rea­le è suf­fi­cien­te a rim­bor­sa­re il cre­di­to”. Quel­la che pote­va esse­re rece­pi­ta come una garan­zia per il consumatore/debitore, ponen­do un limi­te al suo inde­bi­ta­men­to, vie­ne rove­scia­ta e inter­pre­ta­ta con un ‘ecces­so di zelo’ da par­te del Gover­no: il tra­sfe­ri­men­to del­la garan­zia rea­le su un bene è cosa ben dif­fe­ren­te dal­la ven­di­ta del­la pro­prie­tà ad ope­ra del creditore.

Un Gover­no che aval­la que­sta nor­ma è un Gover­no che si cari­ca di una respon­sa­bi­li­tà enor­me: quel­la di spe­cu­la­re sul­la pel­le dei cit­ta­di­ni col­pen­do­li nel dirit­to pri­ma­rio, intan­gi­bi­le, sacro­san­to ad ave­re una casa e a difen­der­si di fron­te alle con­tro­ver­sie lega­li”: lo dichia­ra­no in una nota i depu­ta­ti di Pos­si­bi­le Pip­po Civa­ti e Luca Pasto­ri­no.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.