NO TRIV, il Pd da che parte sta?

Come si fa a non rimanere allibiti davanti alla contraddizione di alcuni autorevoli dirigenti del Pd che da un lato si mobilitano per il referendum contro le trivellazioni, ma dall’altro fanno finta di nulla quando alcuni parlamentari salentini risultano assenti al momento del voto o addirittura favorevoli allo Sblocca Italia.

In Puglia, in par­ti­co­la­re nel Salen­to, il Pd si mobi­li­tà per il SI al refe­ren­dum con­tro le tri­vel­le pre­vi­sto per il 17 apri­le pros­si­mo ven­tu­ro. Il Segre­ta­rio Pro­vin­cia­le del Pd, Sal­va­to­re Pico­ne­se, lan­cia una cam­pa­gna per il refe­ren­dum di apri­le attra­ver­so il suo pro­fi­lo Facebook: “#‎PD. REFERENDUM NO TRIV. Il PD salen­ti­no si mobi­li­ta. Ogni cir­co­lo del par­ti­to diven­te­rà un comi­ta­to per­ma­nen­te per la bat­ta­glia refe­ren­da­ria. E saba­to (05/03/2016) con una con­fe­ren­za stam­pa apri­re­mo la cam­pa­gna refe­ren­da­ria per il Sì. #‎NOTRIV ”.

Capia­mo  la par­ti­co­la­ri­tà di Emi­lia­no (in qua­li­tà di Pre­si­den­te del­la Regio­ne Puglia è sta­to uno dei pro­ta­go­ni­sti  di una gran­de mobi­li­ta­zio­ne di diver­si Pre­si­den­ti di Regio­ne che si sono coor­di­na­ti per que­sta bat­ta­glia), capia­mo le spe­ci­fi­ci­tà di un  ter­ri­to­rio (quel­lo Salen­ti­no), ma come si fa a non rima­ne­re alli­bi­ti davan­ti alla con­trad­di­zio­ne di alcu­ni auto­re­vo­li diri­gen­ti del  Pd che da un lato si mobi­li­ta­no per il refe­ren­dum con­tro le tri­vel­la­zio­ni ma dall’altro fan­no fin­ta di nul­la men­tre alcu­ni par­la­men­ta­ri salen­ti­ni risul­ta­no assen­ti al momen­to del voto o addi­rit­tu­ra favo­re­vo­li allo Sbloc­ca Ita­lia. Tele­fo­nar­si prima?

Come si fa a non rima­ne­re alli­bi­ti davan­ti all’atteggiamento di alcu­ni par­la­men­ta­ri salen­ti­ni del  Pd che a Roma si com­por­ta­no così e poi nel Salen­to par­te­ci­pa­no a riu­nio­ni di Sin­da­ci del­la zona del Capo di Leu­ca con­tra­ri alle tri­vel­le o alle mani­fe­sta­zio­ni di comi­ta­ti civici?

Per tace­re infi­ne del­la data del refe­ren­dum, pro­vo­ca­to­ria­men­te fis­sa­to, dal Con­si­glio dei Mini­stri, il 17 apri­le, boc­cian­do l’idea di accor­pa­men­to del­lo stes­so con le ammi­ni­stra­ti­ve del­la pri­ma­ve­ra pros­si­ma. Un ten­ta­ti­vo, mal­de­stro e pro­vo­ca­to­rio, di ren­de­re inu­ti­le la con­sul­ta­zio­ne richie­sta da diver­se Regio­ni spes­so gui­da­te dal par­ti­to di cui il pre­mier è segre­ta­rio. Tut­to que­sto la dice lun­ga sull’idea che il Gover­na sem­bra ave­re sul­la poli­ti­ca ambien­ta­le ed ener­ge­ti­ca per que­sto Paese.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.