L’Italia retrocede sui diritti LGBTI

Come ogni anno la Rain­bow Map (https://www.rainbow-europe.org/) di ILGA Euro­pe descri­ve il pano­ra­ma dei dirit­ti LGBTI in 49 Pae­si dell’area euro­pea che sono sot­to osser­va­zio­ne dall’organizzazione euro­pea. La Map­pa del 2019 è un gri­do d’allarme che segna­la un gene­ra­le arre­tra­men­to sul ter­re­no dell’uguaglianza a testi­mo­nian­za che esi­ste dav­ve­ro un ven­to nero che attac­ca i dirit­ti del­le don­ne e del­la comu­ni­tà LGBTI.

L’Italia, in solo un anno, scen­de di due posi­zio­ni atte­stan­do­si al 34esimo posto con un risul­ta­to pari solo al 21,5% in meri­to agli indi­ca­to­ri che ven­go­no pre­si in con­si­de­ra­zio­ne per sti­la­re la gra­dua­to­ria. Ne tra­spa­re un qua­dro allar­man­te ma di cui era­va­mo con­sa­pe­vo­li con l’ascesa del gover­no Gial­lo-Ver­de-Nero, la nomi­na di Mini­stri con­tra­ri ai dirit­ti, l’organizzazione di even­ti liber­ti­ci­di come il Con­gres­so del­le Fami­glie di Vero­na, e la pre­sen­za sem­pre più sdo­ga­na­ta dei movi­men­ti neo­fa­sci­sti da nord a sud. Non basta­no più nem­me­no le leg­gi già appro­va­te, come quel­la del­le Unio­ni Civi­li, per man­te­ne­re la posi­zio­ne 2018 per il nostro Paese.

Il cli­ma che cir­con­da la comu­ni­tà LGBTI ita­lia­na è cari­co di odio e discri­mi­na­zio­ne ed è pre­oc­cu­pan­te che una cer­ta poli­ti­ca caval­chi tut­to ciò. Sia­mo al 17 Mag­gio, gior­na­ta inter­na­zio­na­le con­tro l’omobitransfobia, e dob­bia­mo con­sta­ta­re, di nuo­vo, un silen­zio inquie­tan­te dal­la poli­ti­ca ed il vuo­to nor­ma­ti­vo, anche que­sto anno, di una leg­ge che con­tra­sti la LGBTIfobia.

Con que­sto spi­ri­to par­te­ci­pia­mo alla sta­gio­ne dei Pri­de, ini­zia­ta saba­to scor­so a Ver­cel­li, riba­den­do chia­ra­men­te che sare­mo al fian­co del­la comu­ni­tà LGBTI in una bat­ta­glia inter­se­zio­na­le che toc­ca i dirit­ti e l’uguaglianza e che rap­pre­sen­ta la Resi­sten­za dei nostri tem­pi con­tro le destre radi­ca­li e che si fon­de neces­sa­ria­men­te con l’Antifascismo, prin­ci­pio cen­tra­le del­la nostra sto­ria democratica.

Dob­bia­mo rad­dop­pia­re gli sfor­zi a par­ti­re dai ter­ri­to­ri e dai con­si­gli comu­na­li per con­tra­sta­re la deri­va e difen­de­re i dirit­ti con­qui­sta­ti e por­ta­re avan­ti la lot­ta.

Un impe­gno che chie­dia­mo al Par­la­men­to ita­lia­no, sep­pur con­sci del­la sua com­po­si­zio­ne orien­ta­ta a destra, e che in pri­ma per­so­na ci sia­mo assun­ti a livel­lo euro­peo tra­mi­te i nostri can­di­da­ti per Euro­pa Ver­de che han­no sot­to­scrit­to le richie­ste di ILGA Euro­pe (https://www.comeout.eu/), ripor­ta­te anche sul­la piat­ta­for­ma ita­lia­na Voto Arco­ba­le­no (https://europee2019.votoarcobaleno.it/).

Que­sta è una bat­ta­glia che guar­da alla socie­tà che voglia­mo costrui­re.

Una sfi­da di futu­ro; un futu­ro che sia inclu­si­vo e sicu­ro per tut­te e tut­ti e che pas­sa dal rico­no­sci­men­to dei dirit­ti e del­la digni­tà di tut­te le sog­get­tua­li­tà, dall’abrogazione di nor­me ingiu­ste, come il Decre­to Sicu­rez­za, dall’affermazione dell’autodeterminazione per le per­so­ne trans e di tut­ti i gene­re, anche quel­li non bina­ri, da poli­ti­che femministe.

In que­sti anni abbia­mo fat­to una scel­ta di cam­po net­ta che ogni gior­no por­tia­mo avan­ti cer­ti che que­sta sia non una bat­ta­glia ma LA bat­ta­glia. Oggi, ancor più deter­mi­na­ti ed orgo­glio­si di ieri, resi­stia­mo, con i nostri cor­pi e le nostre storie.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata.