L’ignoranza è forza

Il ministro Minniti ha davvero presentato un protocollo attraverso il quale la Polizia Postale, che fa capo al suo Ministero, che fa capo al Governo, deciderà cosa sia vero e cosa sia falso.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Il rife­ri­men­to a Orwell e al suo capo­la­vo­ro 1984 può sem­bra­re scon­ta­to e bana­le ma sta suc­ce­den­do dav­ve­ro. Il mini­stro Min­ni­ti ha dav­ve­ro pre­sen­ta­to un pro­to­col­lo attra­ver­so il qua­le la Poli­zia Posta­le, che fa capo al suo Mini­ste­ro, che fa capo al Gover­no, deci­de­rà cosa sia vero e cosa sia fal­so.

Il Mini­ste­ro del­la Veri­tà, o Mini­ver, diven­ta rea­le e si iden­ti­fi­ca con il Mini­ste­ro dell’Interno, e gli agen­ti del­la Poli­zia Posta­le, come tan­ti Win­ston e Julia, su segna­la­zio­ne dei soler­ti cit­ta­di­ni, avran­no dav­ve­ro il com­pi­to di “qua­li­fi­ca­re con la mas­si­ma cer­tez­za con­sen­ti­ta” una noti­zia “come fake news”.

La “mas­si­ma cer­tez­za”, cer­ti­fi­ca­ta da un team di “esper­ti”, deri­ve­rà da ele­men­ti come “pre­sen­za di smen­ti­te uffi­cia­li, fal­si­tà del con­te­nu­to già com­pro­va­ta da fon­ti obiet­ti­ve; pro­ve­nien­za del­la pre­sun­ta fake da fon­ti non accre­di­ta­te o cer­ti­fi­ca­te”, tut­ti asso­lu­ta­men­te sog­get­ti­vi e discrezionali.

La cer­ti­fi­ca­zio­ne avrà ad ogget­to non la sus­si­sten­za di un rea­to, come l’ingiuria o la dif­fa­ma­zio­ne, cioè banal­men­te gli insul­ti in rete, che pure dovreb­be­ro esse­re accer­ta­ti in altre sedi ma che potreb­be­ro astrat­ta­men­te esse­re ogget­to di prov­ve­di­men­ti sui social quan­do sono pale­si, ma il vero o il fal­so.

Lo sco­po è quel­lo, “accer­ta­ta” la fake news, “di vira­liz­za­re la con­tro­nar­ra­zio­ne isti­tu­zio­na­le, affin­ché il cit­ta­di­no pos­sa gio­var­si di una più com­ple­ta descri­zio­ne del fat­to o del feno­me­no, e riap­pro­priar­si, in tal modo, di quel­la liber­tà di scel­ta nega­ta­gli da un’informazione ten­den­zio­sa­men­te fal­sa o par­zia­le”, con la pub­bli­ca­zio­ne del­la smen­ti­ta sui cana­li uffi­cia­li.

Ma non è finita.

“Ove neces­sa­rio, infi­ne, la Poli­zia Posta­le, for­te del­la pro­fes­sio­na­li­tà acqui­si­ta nel cor­so degli anni, potrà for­ni­re even­tua­le ausi­lio al cit­ta­di­no desti­na­ta­rio del­la fake news, gui­dan­do­lo nell’interlocuzione con le mag­gio­ri piat­ta­for­me social ed indi­riz­zan­do­lo nel­la pro­po­si­zio­ne di richie­ste di rimo­zio­ne dei con­te­nu­ti rite­nu­ti lesi­vi, richie­ste le qua­li, in ogni caso, dovran­no esse­re suc­ces­si­va­men­te valu­ta­te dal sin­go­lo social network”. 

Quin­di sarà lo Sta­to a gui­da­re le richie­ste di rimo­zio­ne di con­te­nu­ti ai sin­go­li social net­work, i qua­li rimar­ran­no per cari­tà auto­no­mi, ma si tro­ve­ran­no di fron­te lo Sta­to, che in via media­ta, attra­ver­so il Pin­co Pal­li­no di tur­no, chie­de una rimozione.

Faci­le imma­gi­na­re il mar­gi­ne di autonomia.

Così affer­ma il pro­to­col­lo pub­bli­ca­to per ora sul­la pagi­na isti­tu­zio­na­le del Com­mis­sa­ria­to del­la Poli­zia Posta­le Online.

Che sia que­sta la mira­bo­lan­te nor­ma­ti­va con­tro le fake news annun­cia­ta qual­che mese fa alla Leo­pol­da da uno che se ne intende?

Un pro­to­col­lo ope­ra­ti­vo che non pas­sa dal­le Came­re, peral­tro sciol­te, a un mese dal­le ele­zio­ni poli­ti­che, e che inci­de sul­la liber­tà di espres­sio­ne sen­za nean­che ci sia sta­ta la pos­si­bi­li­tà di discu­ter­lo e votar­lo in parlamento?

Non so se sono abba­stan­za chia­ri i pre­sup­po­sti e le con­se­guen­ze di un simi­le pro­get­to, sareb­be un discor­so mol­to ampio e com­ples­so, per quan­to intui­ti­vo, con rife­ri­men­to alle liber­tà indi­vi­dua­li, alla tute­la del sin­go­lo cit­ta­di­no e a tan­to altro.

Vali­gia Blu, come spes­so acca­de, sol­le­va il tema e ne discu­te ad esem­pio qui. Ma vedia­mo di spie­gar­lo sin­te­ti­ca­men­te, solo con qual­che esempio.

L’intervento ita­lia­no in Niger, appe­na vota­to dal­la Came­ra, pro­po­sto dal­lo stes­so mini­stro Min­ni­ti, è una mis­sio­ne di pace o di guerra?

Ser­ve, come è sta­to moti­va­to dai pro­po­nen­ti, ad adde­stra­re trup­pe loca­li con­tro il ter­ro­ri­smo, oppu­re, come soste­nu­to da auto­re­vo­li testa­te, a difen­de­re l’estrazione di ura­nio fran­ce­se e a bloc­ca­re i migran­ti entro quel­le frontiere?

E anco­ra, gli accor­di che sem­pre il mini­stro Min­ni­ti ha affer­ma­to aver pre­so in Libia, han­no avu­to come con­tro­par­ti i “sin­da­ci” libi­ci o le ban­de di traf­fi­can­ti di uomi­ni, e com­por­ta­no un trat­ta­men­to dei migran­ti con­for­me ai dirit­ti uma­ni o pri­gio­nia, stu­pri e omi­ci­di sen­za con­trol­lo, con la com­pli­ci­tà dei gover­ni euro­pei fra cui quel­lo ita­lia­no, come sostie­ne Amne­sty International?

Chi deci­de­rà, attra­ver­so la Poli­zia Posta­le? Lo stes­so mini­stro Min­ni­ti.

Peral­tro, con­tem­po­ra­nea­men­te mini­stro e can­di­da­to alle immi­nen­ti ele­zio­ni in un par­ti­to poli­ti­co, che a que­sto pun­to dovre­mo chia­ma­re Socing.

Ricor­dan­do che La guer­ra è pace, la liber­tà è schia­vi­tù ma soprat­tut­to l’ignoranza è for­za.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.