L’emergenza abitativa e i fuochi delle periferie

L’inclusione socia­le è quel­la cosa che la poli­ti­ca per­se­gue per evi­ta­re feno­me­ni come quel­li che si stan­no viven­do nel­le peri­fe­rie, da Mila­no a Roma. Sem­bra una cosa bana­le, ovvia, ma non lo è. Non lo è per­ché, negli ulti­mi anni, la poli­ti­ca ha spes­so cer­ca­to di sta­re alla lar­ga da temi come que­sto. E infat­ti, si stan­no veri­fi­can­do quei fenomeni.

L’emergenza abi­ta­ti­va, ad esem­pio, c’è da sem­pre e da sem­pre è un cri­mi­ne mora­le, per­ché è cri­mi­na­le l’idea che a qual­cu­no pos­sa non esse­re garan­ti­to il dirit­to ad ave­re un tet­to sul­la testa. Se que­sta c’è anco­ra pure dinan­zi a un nume­ro impres­sio­nan­te di allog­gi vuo­ti, il cri­mi­ne s’ingigantisce, come le volu­me­trie di trop­pi Prg super espansivi.

Quin­di è giu­sto che i gover­nan­ti si pon­ga­no il pro­ble­ma di come fron­teg­giar­la. Solo che, però, quel­lo è solo il tito­lo e il pro­get­to a veni­re del “Pia­no Casa” di Lupi, men­tre nel­lo svol­gi­men­to, e da subi­to, si pre­ve­de il divie­to di chie­de­re la resi­den­za e l’accesso ai ser­vi­zi mini­mi per chiun­que occu­pi sen­za tito­lo un immo­bi­le, met­ten­do sul­lo stes­so pia­no colo­ro che, per dispe­ra­zio­ne, fan­no diven­ta­re casa un capan­no­ne abban­do­na­to o un ospe­da­le mai fini­to e chi, con l’aiuto o la minac­cia del­la cri­mi­na­li­tà orga­niz­za­ta, sot­trae il dirit­to di un altro a sta­re negli allog­gi popolari.

ponte_di_nona

Sen­za i ser­vi­zi e sen­za resi­den­za, si diven­ta fan­ta­smi. Quest’ultima, poi, è il fon­da­men­to del­la cit­ta­di­nan­za. Non casual­men­te le pri­me leg­gi ana­gra­fi­che, che segna­ro­no anche nor­ma­ti­va­men­te il pas­sag­gio da una socie­tà degli sta­tus a quel­la in cui diven­ta­va fon­da­men­ta­le il con­cet­to di cit­ta­di­no, sono nate come con­se­guen­za dei moti rivo­lu­zio­na­ri d’Europa e d’America, ed ecco per­ché la sua con­ces­sio­ne non è, meglio, non era, vin­co­la­ta da pre­ci­se con­di­zio­ni, ma lega­ta all’accertamento di un fat­to, esclu­den­do cri­te­ri pregiudiziali.
Ora, inve­ce, essa vie­ne subor­di­na­ta al rap­por­to giu­ri­di­co con l’abitazione che si occu­pa: diven­ta un affa­re di cen­so. Chi può per­met­ter­si un allog­gio, sarà cit­ta­di­no, chi no e non è dispo­sto a vive­re per stra­da quan­do esi­sto­no milio­ni di vani vuo­ti, no.

Il capo­la­vo­ro, poi, potreb­be esse­re nel­lo sche­ma di decre­to pro­po­sto dal Gover­no in mate­ria di pro­ce­du­re di “alie­na­zio­ne” del patri­mo­nio di edi­li­zia resi­den­zia­le pub­bli­ca. Fra i cri­te­ri per la ven­di­ta, si pre­ve­de la fis­sa­zio­ne del prez­zo dell’alloggio in base ai valo­ri nor­ma­li “rile­va­ti per la mede­si­ma fascia e zona”, con la pos­si­bi­li­tà per gli asse­gna­ta­ri rego­la­ri di appar­ta­men­ti inse­ri­ti nei pia­ni di ven­di­ta, di eser­ci­ta­re entro 45 gior­ni un dirit­to di prelazione.

Signo­ri mini­stri, ma se que­gli asse­gna­ta­ri fos­se­ro in gra­do di tro­va­re i sol­di per un allog­gio in un mese, non cre­de­te che se ne sareb­be­ro già anda­ti? In Ita­lia, sti­ma­no le asso­cia­zio­ni degli inqui­li­ni, ci sono cir­ca 700 mila cit­ta­di­ni con dirit­to a una casa popo­la­re anco­ra in atte­sa, vole­te aggiun­ge­re a que­sti anche quan­ti avran­no la sven­tu­ra di vede­re la loro casa fini­re in un “pro­gram­ma di alie­na­zio­ne”? Vole­te rischia­re di ingros­sa­re quel­le fila, aumen­tan­do la rab­bia del­le peri­fe­rie ver­so i più pove­ri fra i pove­ri, che abi­ta­no in immo­bi­li in cui dif­fi­cil­men­te potrà esse­re imma­gi­na­ta con suc­ces­so un’asta pub­bli­ca, o ver­so i penul­ti­mi, a cui comun­que, in caso di ven­di­ta, dovran­no esse­re garan­ti­ti i dirit­ti deri­van­ti dal fat­to di esse­re già tito­la­ri di allog­gio popo­la­re? Dav­ve­ro vole­te rischia­re di sof­fia­re anco­ra sul fuo­co del ran­co­re sociale?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.