Legittima difesa: la versione condominiale della “difesa dei confini”

Prepariamoci perché con il mese di settembre Salvini tornerà a picchiare duro sulla legittima difesa. Del resto anche tutta la sua retorica sui migranti, che chiama sempre clandestini, è funzionale alla difesa personale e all’uso delle armi, solo in chiave privatistica invece che pubblicistica.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Prepariamoci per­ché con il mese di set­tem­bre Sal­vi­ni tor­ne­rà a pic­chia­re duro sul­la legit­ti­ma dife­sa. Del resto anche tut­ta la sua reto­ri­ca sui migran­ti, che chia­ma sem­pre clan­de­sti­ni, è fun­zio­na­le alla dife­sa per­so­na­le e all’uso del­le armi, solo in chia­ve pri­va­ti­sti­ca inve­ce che pubblicistica.

Lui sostie­ne di difen­de­re i con­fi­ni del­la Nazio­ne con l’uso del­la for­za, e pre­ten­de che anche i sem­pli­ci cit­ta­di­ni pos­sa­no difen­de­re i con­fi­ni del­la loro pro­prie­tà nel­lo stes­so modo, con le armi. È esat­ta­men­te lo stes­so con­cet­to, che par­te da un pre­sup­po­sto media­ti­co, cioè aver con­vin­to mol­ti ita­lia­ni che ogni migran­te che arri­va sia un poten­zia­le delin­quen­te.

Se non rie­sce a fer­mar­li lui, i “delin­quen­ti”, per­ché il suo ruo­lo ha qual­che limi­te (che ha ampia­men­te supe­ra­to, peral­tro) i sovra­ni­sti dovran­no far­lo da soli a casa pro­pria, anche se pare si stia­no alle­nan­do già ora per le stra­de con mez­zi di fortuna.

Lo sfor­zo imma­ne che ci atten­de è cam­bia­re a mon­te que­sta per­ce­zio­ne, dan­do inve­ce la visua­le cor­ret­ta, quel­la del­la realtà.

Ogni migran­te è un poten­zia­le rifu­gia­to, garan­ti­to dall’art. 10 del­la Costi­tu­zio­ne, e qua­si cer­ta­men­te se arri­va dall’Africa è sta­to tor­tu­ra­to e stu­pra­to.

Se delin­que va trat­ta­to come tut­ti quel­li che delin­quo­no, sem­pre come da Costi­tu­zio­ne, dopo che il rea­to è sta­to accer­ta­to, e va espul­so o incar­ce­ra­to. Ora, è chia­ro che più tem­po pas­sa fra lo sbar­co, la doman­da di asi­lo o di pro­te­zio­ne inter­na­zio­na­le e una deci­sio­ne defi­ni­ti­va sul­lo sta­tus del richie­den­te, più è faci­le per le orde raz­zi­ste orga­niz­za­te del web far pas­sa­re la pri­ma per­ce­zio­ne.

Ed è altret­tan­to chia­ro che se inve­ce l’Italia, maga­ri con l’aiuto eco­no­mi­co dell’Europa inve­stis­se dav­ve­ro su pri­ma acco­glien­za e su un siste­ma giu­ri­sdi­zio­na­le garan­ti­sta e rapi­do sul­le doman­de di asi­lo e pro­te­zio­ne, e que­sto pri­ma anco­ra del­la rifor­ma di Dubli­no, la pri­ma per­ce­zio­ne non avreb­be più dirit­to di esistere.

Tem­pi bre­vi per tre gra­di di giu­di­zio (sen­za eli­mi­na­re l’appello come ha fat­to la scia­gu­ra­ta mag­gio­ran­za pre­ce­den­te che solo oggi, arri­van­do ulti­ma per­si­no dopo Papa Fran­ce­sco, sco­pre le tor­tu­re libi­che) sareb­be­ro una tute­la pri­ma di tut­to per chi ha i requi­si­ti di rifu­gia­to, e indi­ret­ta­men­te per tut­ti i cit­ta­di­ni euro­pei, non solo italiani.

È per que­sti moti­vi che con i leghi­sti al gover­no que­sto non acca­drà mai, per­ché a loro con­vie­ne, let­te­ral­men­te, fare di tut­ta l’erba un fascio. È per que­sto che la nostra fer­ma con­dan­na del­la poli­ti­ca raz­zi­sta sui rifu­gia­ti, come splen­di­da­men­te rap­pre­sen­ta­ta da Piaz­za San Babi­la ieri a Mila­no, deve accom­pa­gnar­si a pro­po­ste altret­tan­to lega­li­ta­rie e costi­tu­zio­nal­men­te orien­ta­te per­ché tut­ti sia­no tute­la­ti, e l’unica tute­la che cono­scia­mo è quel­la giurisdizionale.

È per que­sti moti­vi che le orde raz­zi­ste orga­niz­za­no ron­de ille­git­ti­me e vor­reb­be­ro subap­pal­ta­re la dife­sa dei con­fi­ni a tan­ti pic­co­li micro­sta­ti con­do­mi­nia­li garan­ti­ti da una pisto­la in un cas­set­to, sen­za curar­si dei dan­ni col­la­te­ra­li inevitabili.

È per que­sto che la rifor­ma (“dife­sa sem­pre legit­ti­ma”) come pen­sa­ta (fino­ra male, ma vedia­mo il testo defi­ni­ti­vo) dal­la Lega ha un chia­ro sot­to­te­sto raz­zi­sta.

Fare­mo di tut­to per denun­cia­re e oppor­ci demo­cra­ti­ca­men­te a que­sto spin off del raz­zi­smo sal­vi­nia­no, per­ché è sem­pre e solo la stes­sa mine­stra riscal­da­ta. Sia­mo noi a dire che è sem­pre legit­ti­mo difen­der­si, e difen­de­re gli ulti­mi, dai raz­zi­sti, con i mez­zi demo­cra­ti­ci che ci for­ni­sce la Costi­tu­zio­ne.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.