Le vittorie non sono tutte uguali. Se #vinceCivati…

La-mia-vita-granata-scandita-dai-derby_h_partbIl 27 mar­zo 1983, la Juven­tus di Pla­ti­ni e Pao­lo Ros­si, di Zoff, Gen­ti­le, Cabri­ni, Sci­rea, dei Cam­pio­ni del Mon­do, insom­ma, affron­ta nel der­by il pic­co­lo Tori­no di Ber­sel­li­ni, i cui nomi di pun­ta sono Dos­se­na, Zac­ca­rel­li e Ter­ra­neo. La squa­dra è per di più com­po­sta da gen­te gio­va­ne, ragaz­zi del­la pri­ma­ve­ra sen­za i gra­di del cam­pio­ne. Quel Toro del­l’e­mer­gen­za si ren­de pro­ta­go­ni­sta di una del­le mag­gio­ri impre­se che la Serie A ricor­di. A un uno-due fir­ma­to Pao­lo Ros­si e Pla­ti­ni che avreb­be ste­so chiun­que, quel Toro rea­gi­sce, orgo­glio­so, for­te del­la pro­pria deter­mi­na­zio­ne, e in tre minu­ti segna tre gol. Dos­se­na, Bones­so, Tor­ri­si. Tre azio­ni. Tre minu­ti. Tre gol. Tran­ne Dos­se­na, gli altri due non se li ricor­da più nes­su­no. Quel­la par­ti­ta, inve­ce, se la ricor­da­no tut­ti. Pure Dino Zoff, che la anno­ve­ra come la più bru­cian­te tra le scon­fit­te subite.

InvictusIn vista del­la Cop­pa del Mon­do del 1995, ospi­ta­ta pro­prio dal Suda­fri­ca, Nel­son Man­de­la si inte­res­sa del­le sor­ti del­la nazio­na­le di rug­by degli Spring­boks, sim­bo­lo del­l’or­go­glio afri­ka­ner e dete­sta­ta dai neri, con la spe­ran­za che una even­tua­le vit­to­ria con­tri­bui­sca a raf­for­za­re l’or­go­glio nazio­na­le e lo spi­ri­to di uni­tà del pae­se. In par­ti­co­la­re, entra in con­tat­to con il capi­ta­no del­la squa­dra di rug­by Fra­nçois Pie­naar, facen­do­gli capi­re l’im­por­tan­za poli­ti­ca del­la incom­ben­te com­pe­ti­zio­ne spor­ti­va. Que­sta fre­quen­ta­zio­ne fra Pie­naar e Man­de­la dà ini­zio a una serie di even­ti che raf­for­za­no il mora­le degli Spring­boks (redu­ci da un lun­go perio­do di scon­fit­te) e li con­du­co­no fino a una inspe­ra­ta vit­to­ria in fina­le con­tro i temi­bi­li All Blacks. Il suc­ces­so del­la nazio­na­le diven­ta sim­bo­lo del­la gran­dez­za del­la neo­na­ta “Rain­bow Nation”. La vit­to­ria degli Spring­boks ha signi­fi­ca­to mol­to per il Suda­fri­ca per­ché ha riav­vi­ci­na­to la popo­la­zio­ne nera con la popo­la­zio­ne bianca.

alg-bam-jpgNel 2008, tut­to l’e­sta­blish­ment del Par­ti­to Demo­cra­ti­co ame­ri­ca­no si schie­ra a favo­re di un can­di­da­to. Hila­ry Rod­ham Clin­ton, ex fir­st lady da tem­po in pre­di­ca­to di diven­ta­re la pri­ma don­na a inse­diar­si nel­lo Stu­dio Ova­le. Alla reto­ri­ca nar­ra­ti­va ame­ri­ca­na pia­ce l’i­dea del­la dina­stia del­la gran­de bor­ghe­sia e sareb­be sta­ta una sto­ria per­fet­ta. Ma anco­ra più per­fet­to è quel­lo che suc­ce­de dopo. Per­ché men­tre tut­ti dava­no già per scon­ta­to l’e­si­to del­la cor­sa, un gio­va­ne e ambi­zio­so poli­ti­co di Chi­ca­go, Barack Oba­ma, comin­cia a rac­co­glie­re attor­no a sé un popo­lo diver­so. Un popo­lo fat­to di gio­va­ni, di non rap­pre­sen­ta­ti, di gen­te che ha biso­gno di una voce e cre­de nel cam­bia­men­to di una socie­tà pro­fon­da­men­te dise­gua­le. Barack Oba­ma cre­de nel­la pos­si­bi­li­tà di quel sogno e ha l’in­co­scien­za di inse­guir­lo par­ten­do dal bas­so, par­lan­do con la sua gen­te che comin­cia a con­no­tar­si come un noi che può, come un yes we can. Si par­te dal bas­so. Si va por­ta a por­ta. Si rac­col­go­no fon­di. Si comin­cia ad ave­re segui­to, con­sen­so, atten­zio­ne, e alla fine il voto d’o­pi­nio­ne è fan­ta­sti­co per­ché l’e­sta­blish­ment si rom­pe, Hila­ry non rie­sce a fer­ma­re il ven­to con le mani e Barack Oba­ma vin­ce le pri­ma­rie per diven­ta­re, qual­che mese dopo, il pri­mo pre­si­den­te afroa­me­ri­ca­no del­la storia.

NO+PinochetIl 5 Otto­bre 1988, si tie­ne in Cile un refe­ren­dum su il gover­no Pino­chet. I cit­ta­di­ni devo­no sce­glie­re se vole­re anco­ra il dit­ta­to­re in cari­ca per altri otto anni, oppu­re no. Ecco. No. Una paro­la sem­pli­ce ma poten­tis­si­ma. Espri­me dis­sen­so. Crea rot­tu­ra. Imma­gi­na una pro­spet­ti­va diver­sa. Ma la pro­spet­ti­va diver­sa va anche rac­con­ta­ta. E in un regi­me dit­ta­to­ria­le come quel­lo cile­no non è faci­le elen­ca­re i moti­vi per cui il popo­lo a rac­col­ta deb­ba dire no. Ecco per­ché i pub­bli­ci­ta­ri che han­no cura­to la cam­pa­gna del fron­te del no han­no rischia­to mol­tis­si­mo. E rischian­do mol­tis­si­mo han­no tro­va­to il fra­me giu­sto. Rac­con­tia­mo che bel­lo che potreb­be esse­re il pae­se, se rin­no­va­to. Quan­te cose bel­le potreb­be­ro capi­ta­re se solo aves­si­mo il corag­gio di cam­bia­re sche­ma. C’è tut­to un nuo­vo oriz­zon­te che non abbia­mo anco­ra avu­to la pos­si­bi­li­tà di esplo­ra­re: non sareb­be bel­lo pro­var­ci? Risul­ta­to? Il , dopo un momen­to in cui sem­bra­va vin­ce­re bene, si fer­ma al 44,01%. Il no vin­ce con il 55,99%. L’al­ba di un gior­no nuo­vo per il Cile.

E potrem­mo con­ti­nua­re all’in­fi­ni­to. Per­ché sono le sto­rie come que­ste, quel­le che rom­po­no con la nor­ma, a esse­re ricor­da­te. Non la vit­to­ria per la vit­to­ria, ma quel­la vit­to­ria che infiam­ma l’im­ma­gi­na­rio col­let­ti­vo, che diven­ta il sin­to­mo di un’in­te­ra gene­ra­zio­ne, che è in gra­do di pro­iet­ta­re le cose cam­bian­do la pro­spet­ti­va. E ognu­no ha il suo aned­do­to, il suo ricor­do, quel momen­to fon­da­men­ta­le in cui, dopo aver pas­sa­to una vita in dire­zio­ne osti­na­ta e con­tra­ria, una vit­to­ria ren­de tut­to quan­to più bel­lo, più cari­co di signi­fi­ca­to. Per­ché chi è abi­tua­to a vin­ce­re ad un cer­to pun­to non capi­sce più l’ef­fet­to che fa, e diven­ta arro­gan­te, pre­po­ten­te, abbas­sa la guar­dia e rischia di fare erro­ri che dan­neg­gia­no tut­ti. Biso­gna vin­ce­re le bat­ta­glie che si voglio­no lot­ta­re ma con le pro­prie for­ze, le pro­prie idee e le pro­prie spe­ci­fi­ci­tà. Le vit­to­rie non sono tut­te uguali.

Non sono tut­te ugua­li per­ché quan­do fai una cam­pa­gna dove hai solo tre o quat­tro nomi di livel­lo supe­rio­re, gran­di gio­ca­to­ri da cui di fat­to ti aspet­ti un’ot­ti­ma per­for­man­ce, e per il resto pun­ti tut­to sul­la volon­tà dei gio­va­ni di met­ter­si in gio­co, met­ter­si in discus­sio­ne, espor­si (anche al rischio, per­ché come dice San­dra Zam­pa: “sta­re con Giu­sep­pe Civa­ti non è faci­le”), rischia­re, diven­ta una scom­mes­sa. Quan­do gio­chi per vin­ce­re devi ave­re il corag­gio di affron­ta­re lo sta­to del­le cose, ammet­te­re che non va bene, e cer­ca­re di cam­biar­lo. Cam­biar­lo pro­po­nen­do uno sche­ma nuo­vo. Met­ten­do assie­me per­so­ne nuo­ve. Met­ten­do assie­me la fre­schez­za dei ven­ten­ni e la sag­gez­za di chi ha alle spal­le qual­che espe­rien­za in più di noi. Per­ché i ragaz­zi del­la Pri­ma­ve­ra quan­do entra­no in cam­po dan­no tut­to. Dan­no tut­to e infiam­ma­no i cuo­ri. Ed è anche giu­sto così, per­ché se a ven­t’an­ni non cor­ri per­ché c’è qual­co­sa che bru­cia den­tro di te allo­ra non va bene. E anche la poli­ti­ca può esse­re sal­va­ta da que­sto cini­smo cal­co­la­to­re. Da que­sta logi­ca del­la vit­to­ria “pur­ché si vin­ca”. Da que­sta man­can­za di corag­gio che por­ta alla sec­ca, alla con­ser­va­zio­ne, all’i­dea che pur cam­bian­do i nomi, il risul­ta­to non cam­bi. Se sei inco­scien­te non vin­ci. Se non ti but­ti in avan­ti quan­do sei in svan­tag­gio non vin­ci. E quin­di può capitare.

1469882_10203114980094459_670088447_nPuò capi­ta­re che una squa­dra di gre­ga­ri bat­ta in 180 secon­di la squa­dra più for­te del mon­do. Può capi­ta­re che un mani­po­lo di gio­va­ni entu­sia­sti met­ta le spi­ne nel fian­co a una gran­de mac­chi­na da guer­ra (men che mai gio­io­sa). Può capi­ta­re di pro­va­re quel­la stes­sa sen­sa­zio­ne che si pro­va quan­do si è nel bel mez­zo di cam­bia­men­ti in diret­ta. Ecco per­ché #vin­ce­Ci­va­ti. Ecco per­ché comun­que vada #vin­ce­Ci­va­ti. Per­ché stia­mo dimo­stran­do che il vascel­lo cor­sa­ro sta facen­do pau­ra. Che la pic­co­la squa­dra di pro­vin­cia (non a caso Giu­sep­pe Civa­ti ha gira­to il pae­se in lun­go e in lar­go, pro­vin­cia per pro­vin­cia) ogni tan­to bat­te la gran­de squa­dra di cit­tà. Che il ragaz­zo bru­fo­lo­so che nes­su­no vuo­le come ami­co e la ragaz­zi­na con l’ap­pa­rec­chio e gli occhia­lo­ni spes­si si inna­mo­ri­no e viva­no una sto­ria bel­lis­si­ma. Insom­ma, capi­ta che lo sche­ma si rove­sci. Capi­ta che le cose sia­no bel­le. Capi­ta che il futu­ro si pos­sa guar­da­re con un po’ di otti­mi­smo. Capi­ta che alla fine del tun­nel ci sia una sor­pre­sa. Ed è una bel­la sor­pre­sa. Una gran­de sor­pre­sa. #vin­ce­Ci­va­ti, e vin­cia­mo anche noi. Per­ché la sor­pre­sa più gran­de, ricor­dia­mo­ce­lo sem­pre, sare­mo noi.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?