Puglia. Il tacco slancia.

CIVATI BRINDISILo sti­va­le ora­mai ha pochi segre­ti per Pip­po Civa­ti, ma il tour con­ti­nua e non sem­bra ave­re soste. È l’o­ra del tac­co, è l’o­ra del­la bel­la Puglia, stu­pen­do e slan­cia­to pon­te sul Medi­ter­ra­neo, regio­ne dal­le con­trad­di­zio­ni for­ti come l’o­lio puglie­se e dal­le bel­lez­ze seco­la­ri come gli uli­vi pos­sen­ti.  24 novem­bre. Si par­te da Brin­di­si, pres­so il Cir­co­lo del Par­ti­to Demo­cra­ti­co. Qui ad aspet­ta­re Civa­ti ci sono l’on. Mineo, l’ass. puglie­se Gen­ti­le e il coor­di­na­to­re di “Brin­di­si per Civa­ti” Gigi Riz­zi. “Quan­do si sta in Par­la­men­to sem­bra di sta­re su un’astronave, abbia­mo un lin­guag­gio un po’ mar­zia­no, par­lia­mo in poli­ti­che­se, e fuo­ri cre­sco­no rab­bia e indi­gna­zio­ne”. Quel­la stes­sa indi­gna­zio­ne che aumen­ta di gior­no in gior­no le fila dei movi­men­ti popu­li­sti, vero peri­co­lo per l’I­ta­lia e per l’Eu­ro­pa tut­ta”. E allo­ra Civa­ti pro­po­ne un PD alter­na­ti­vo, che riav­vi­ci­ni un ter­zo di quel­l’e­let­to­ra­to scom­par­so nel­le ulti­me poli­ti­che. È chia­ro nel­le allean­ze: “Fac­cia­mo un par­ti­to insie­me a Sel. Lo dico in Puglia, in Alto Adi­ge, nel­la bas­sa mantovana”.

SALENTO PER CIVATINon c’è più tem­po. Il Salen­to aspet­ta Civa­ti nel­la sua per­la baroc­ca: Lec­ce. Anche qui com­pa­gni di viag­gio la Gen­ti­le e Mineo, a cui si è aggiun­to il padro­ne di casa Die­go Dan­tes, di Lec­ce per Civa­ti. Ad atten­de­re l’o­no­re­vo­le di Mon­za una sala Con­gres­si gre­mi­ta. Par­la dei 101 Civa­ti. Non può non par­lar­ne chi sogna un Pd che vada da Pro­di a Rodo­tà. “Con­ti­nuo a chie­de­re chi sono i 101 e mi rispon­do­no — hai rot­to i c…. Civa­ti — ma non san­no che io con­ti­nue­rò fino alla mor­te”. Si per­ché quel­lo è il pun­to più bas­so del­la sto­ria del Par­ti­to Demo­cra­ti­co e Civa­ti è l’u­ni­co can­di­da­to alla segre­te­ria che ne par­la. “Pur di capi­re chi sono i 101, se fac­cio il Segre­ta­rio ordi­no una peri­zia cal­li­gra­fi­ca”. Civa­ti non rispar­mia poi cri­ti­che alle lar­ghe inte­se: “Sono scet­ti­co sul­le lar­ghe inte­se. E’ l’impianto che non fun­zio­na. Hai due Pdl inve­ce che uno, non sap­pia­mo con chi stai par­lan­do, vedi Ber­lu­sco­ni, vedi For­mi­go­ni, c’è Alfa­no che ha fat­to le leg­gi ad per­so­nam. Abbia­mo un grup­po diri­gen­te for­tis­si­mo, e stia­mo lì a pre­oc­cu­par­ci di Alfa­no e Ber­lu­sco­ni”. E aggiun­ge: “I pochis­si­mi par­la­men­ta­ri che stan­no con me sono fan­ta­sti­ci. Ci sono i gio­va­ni sin­da­ci elet­ti con le pri­ma­rie”. Lascia Lec­ce con una pro­mes­sa Civa­ti:   “Se vin­co e se fac­cio un bel risul­ta­to con­ti­nuo a rico­no­sce­re le per­so­ne per bene e intel­li­gen­ti, anche se non han­no vota­to per me. Se uno ha vota­to Cuper­lo ed è un genio, rima­ne un genio”.

http://www.youtube.com/watch?v=QXjj8pO8ryg

25 novem­bre. Civa­ti incon­tra la tan­to discus­sa quan­to fasci­no­sa cit­tà di Taran­to. Intor­no alle 12 inter­vie­ne in una con­fe­ren­za stam­pa con la con­si­glie­re Regio­na­le Anna Rita Lem­ma.  Non si può non par­la­re dei pro­ble­mi di Taran­to quan­do si cor­re per la Segre­te­ria del più gran­de par­ti­to ita­lia­no. Una vicen­da tri­ste che ha inqui­na­to non solo un ter­ri­to­rio ma anche il rap­por­to di fidu­cia tra cit­ta­di­ni e isti­tu­zio­ni.  Civa­ti non ha dub­bi: “L’am­bien­te deve esse­re in testa ai nostri pro­gram­mi. Se un ven­ten­ne vie­ne a par­lar­ci di con­su­mo di suo­lo non dob­bia­mo man­dar­lo via, dob­bia­mo acco­glier­lo”. Si per­ché la sfi­da di Civa­ti è pro­prio que­sta: far diven­ta­re popo­la­ri le cose che popo­la­ri non sono, pro­prio come l’am­bien­te.  Non rispar­mia cri­ti­che agli altri can­di­da­ti:  “Sono a Taran­to e invi­to anche Cuper­lo e Ren­zi a fare tap­pa qui, per­chè non ci sono pri­ma­rie sen­za Taran­to. Dopo l’8 dicem­bre con­vo­che­ro’ pro­prio qui la pri­ma segre­te­ria nazio­na­le. Il Pd non deve ave­re pau­ra di con­te­sta­zio­ni, deve esse­re dove ci sono i pro­ble­mi rea­li di que­sto Pae­se”. E’ qui che deve ritor­na­re il PD, qui dove il filo che lega elet­ti ed elet­to­ri si è spezzato.

Dopo Taran­to è la vol­ta di Bari. Al Mul­ti­sa­la Gal­le­ria ad atten­de­re Civa­ti ci sono la gio­va­nis­si­ma Valen­ti­na Tafu­ni dei GD e Patri­zia Cale­fa­to. “Io sono di sini­stra, mi dispia­ce per gli altri, e pen­so che lo sia il Pae­se che vuo­le più ugua­glian­za, più rispet­to del­la leg­ge” esor­di­sce Civa­ti. Ha in men­te una sini­stra di Gover­no e riba­di­sce la “pro­po­sta di matri­mo­nio” a SEL: “E’ inu­ti­le ave­re due sini­stre”. Nono­stan­te l’o­sti­li­tà dei mass media, il can­di­da­to lom­bar­do alla segre­te­ria è fidu­cio­so: “Ci sono due gran­di coraz­za­te come quel­le di Cuper­lo e di Ren­zi. Ren­zi è meno libe­ro del­l’an­no scor­so per­che’ ci sono tan­ti con lui che appe­san­ti­sco­no il car­ro. Non rie­sco a capi­re chi pro­pa­gan­da la rot­ta­ma­zio­ne ma poi rac­co­glie auto d’epoca, come Nico­la Lator­re e Miche­le Maz­za­ra­no. Loro due sono sul­la car­ta mol­to più for­ti, ma vin­ce­ran­no i ter­zi”. Par­la mol­to di Puglia Civa­ti, ter­ra che sem­bra cono­sce­re det­ta­glia­ta­men­te: “Meri­to dell’amico Anto­nio Deca­ro, al qua­le voglio bene e che con­ti­nuo a voler vede­re sin­da­co di Bari, nono­stan­te sia un tri­mo­ne che vota per Ren­zi”. Par­la anche di attua­li­tà poli­ti­ca: «Fit­to è sca­te­na­to, dice che mani­fe­ste­rà da solo con­tro la deca­den­za di Ber­lu­sco­ni. Mi sa che resta in piaz­za fino a Nata­le». E riguar­do al Nuo­vo Cen­tro­de­stra di Ange­li­no Alfa­no escla­ma: «Se fac­cia­mo un par­ti­to da Bari, quel­li che sia­mo que­sta sera, pren­dia­mo più voti di Alfa­no. Pren­dia­mo il 3 per cen­to. Ah, natu­ral­men­te recu­pe­ria­mo Deca­ro. Dicia­mo allo­ra che arri­via­mo al 4 per cen­to». Pro­po­ste con­cre­te e viva­ci­tà, Bari rin­gra­zia e muo­ve pas­si velo­ci ver­so il Par­ti­to del­le Pos­si­bi­li­tà, il par­ti­to che Civa­ti rac­con­ta da mesi in tut­ta Italia.

E’ tem­po di anda­re. Pri­ma del­la chiu­su­ra pre­vi­sta a Ceri­gno­la, bre­ve sosta a Mol­fet­ta dove ad aspet­ta­re Civa­ti ci sono il sin­da­co Pao­la Nata­lic­chio e un fol­to grup­po del PD loca­le, con­vin­ta­men­te “civa­tia­no”. “Abbia­mo impa­ra­to in que­sti mesi che biso­gna ave­re il corag­gio di schie­rar­si per cam­bia­re dav­ve­ro” sot­to­li­nea con for­za la Nata­lic­chio. “Ecco per­chè da sta­se­ra mi uni­sco con con­vin­zio­ne al fol­to grup­po civa­tia­no”.  Un soste­gno impor­tan­te quel­lo del sin­da­co, la cui figu­ra rap­pre­sen­ta quel rin­no­va­men­to vero e di sini­stra che Civa­ti vuo­le inter­pre­ta­re in que­sta cor­sa ver­so la Segreteria.

http://www.youtube.com/watch?v=momGShtywYQ

Dopo que­sta pia­ce­vo­le sosta, di cor­sa ver­so Ceri­gno­la pres­so il Labo­ra­to­rio Urba­no ExO­pe­ra. Acco­glien­za trion­fa­le per Civa­ti, dopo l’ot­ti­mo risul­ta­to otte­nu­to in que­sta zona nel­la pri­ma fase con­gres­sua­le. Lan­cia mes­sag­gi di spe­ran­za Civa­ti: “La nostra sarà un’in­cre­di­bi­le rimon­ta. Stia­mo recu­pe­ran­do pas­so dopo pas­so, ed è in atto un vero e pro­prio ReCu­per­lo”. In testa Civa­ti ha un PD bel­lis­si­mo, aper­to, con Pro­di e Rodo­tà come con­fi­ni. Inol­tre in que­sti gior­ni la can­di­da­tu­ra di Civa­ti ha incas­sa­to anche l’ap­pog­gio di una per­so­na­li­tà fon­da­men­ta­le per la sini­stra ita­lia­na: “Bar­ca ha dichia­ra­to di aver vota­to per noi nel­la pri­ma fase e che vote­rà per noi anche nel­le pri­ma­rie aper­te. E’ una gran­de sod­di­sfa­zio­ne per me e per noi”. Si per­chè la paro­la Noi ha un posto impor­tan­te nel voca­bo­la­rio di Giu­sep­pe Civa­ti. Così tan­to da aver defor­ma­to il pro­prio nome in que­sta cam­pa­gna elet­to­ra­le facen­do­lo diven­ta­re “Civo­ti”: “Ecco il Civo­ti rap­pre­sen­ta pro­prio que­sto, un pro­get­to col­let­ti­vo che espri­me il meglio di que­sto Paese”.

Come si dice “il tac­co slan­cia”. Ecco la Puglia ha slan­cia­to que­sto lun­ghis­si­mo tour di Giu­sep­pe Civa­ti, lan­cian­do­lo in pie­na for­ma ver­so gli ulti­mi gior­ni di que­sta cam­pa­gna elettorale.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.