Le scuole agli studenti, votiamo in altre sedi

La nostra proposta nasce dall’urgenza di tornare a scuola, di rimetterla al centro della visione di Paese. Occorre ribaltare la prospettiva del ragionamento politico in favore di scuola e giovani, non è più accettabile che siano temi puntualmente sacrificati di fronte a ogni tipo di esigenza.

L’ipotesi di voto il 20 set­tem­bre sem­bra con­cre­ta e l’inizio dell’anno sco­la­sti­co, secon­do una pras­si ormai con­so­li­da­ta, dovreb­be ruo­ta­re intor­no a quel­la data. La Mini­stra Azzo­li­na ha annun­cia­to la pro­po­sta — rivol­ta alle Regio­ni — di apri­re le scuo­le il 14 set­tem­bre, ma alcu­ni gover­na­to­ri han­no già fat­to sape­re che sareb­be bene sal­va­guar­da­re per inte­ro la sta­gio­ne turi­sti­ca, appro­fit­tan­do del fat­to che la data del voto farà slit­ta­re l’avvio del­le lezio­ni a fine mese, visto che non vale la pena apri­re per poi chiu­de­re pochi gior­ni dopo. Le ope­ra­zio­ni di sani­fi­ca­zio­ne del­le aule pre­vi­ste dai pro­to­col­li anti — Covid richie­de­ran­no infat­ti qual­che gior­no in più del soli­to e le lezio­ni sareb­be­ro sospe­se per una set­ti­ma­na, cui se ne aggiun­ge­reb­be un’altra per i bal­lot­tag­gi. A noi pare sia ora di ribal­ta­re la pro­spet­ti­va. Le scuo­le, in alcu­ne regio­ni del Nord Ita­lia, sono chiu­se dal 23 feb­bra­io. Ria­prir­le pre­sto e ripor­ta­re in clas­se stu­den­ti e docen­ti deve esse­re la prio­ri­tà attor­no alla qua­le si deci­de tut­to il resto, se voglia­mo resti­tui­re alla scuo­la la sua fun­zio­ne costi­tu­zio­na­le e ai bam­bi­ni una par­te dei dirit­ti a cui han­no dovu­to rinun­cia­re negli ulti­mi mesi e se voglia­mo mostrar­ci atten­ti al biso­gno espres­so da stu­den­ti, docen­ti e fami­glie di tor­na­re a fare scuo­la a scuo­la. Per evi­ta­re quin­di che l’esercizio del dirit­to al voto leda un altro dirit­to fon­da­men­ta­le, quel­lo allo stu­dio, cre­dia­mo che in que­sto avvio d’anno sco­la­sti­co ecce­zio­na­le non si deb­ba fer­ma­re la scuo­la, ma si pos­sa spo­sta­re il voto fuo­ri da essa. Negli ulti­mi docu­men­ti mini­ste­ria­li si pro­fi­la la mes­sa a dispo­si­zio­ne di altri luo­ghi per svol­ge­re le lezio­ni agli stu­den­ti. Luo­ghi cen­si­ti in accor­do con gli Enti loca­li: musei, tea­tri, biblio­te­che pos­so­no cer­ta­men­te esse­re ade­gua­ti per acco­glie­re le atti­vi­tà didat­ti­che, ma anche i seg­gi elet­to­ra­li. A que­sti si pos­so­no aggiun­ge­re altri uffi­ci pub­bli­ci, in alcu­ni dei qua­li i dipen­den­ti pro­se­gui­ran­no anco­ra fino a fine anno lo smart­wor­king (come ad esem­pio la Came­ra di Com­mer­cio di Mila­no), i palaz­zet­ti del­lo Sport, e gli oltre 17000 edi­fi­ci sco­la­sti­ci dismes­si con il dimen­sio­na­men­to dei ples­si, ora in uso per lo più per atti­vi­tà del ter­zo set­to­re. CI sono anco­ra le case di quar­tie­re, le sale poli­va­len­ti comu­na­li, i cen­tri ricrea­ti­vi per ragaz­zi e quel­li per gli anzia­ni, i cen­tri spor­ti­vi, tan­te solu­zio­ni che sono già pre­sen­ti sul ter­ri­to­rio e che si pos­so­no ade­gua­re alle neces­si­tà del voto. I seg­gi tota­li da alle­sti­re sono cir­ca 62mila e il costo medio è cir­ca 5mila euro per seg­gio. La pro­po­sta di far migra­re le ele­zio­ni fuo­ri degli edi­fi­ci sco­la­sti­ci può vale­re qual­che miglia­io di euro di costi aggiun­ti­vi a seg­gio (per acqui­sto di arre­di e altro), ipo­tiz­zia­mo cir­ca 1500. Con­si­de­ra­to che le spe­se per le ele­zio­ni sono già coper­te dal Capi­to­lo di Spe­sa 3020 del­la leg­ge di Bilan­cio 2020 (dota­zio­ne del fon­do pari a 300 milio­ni di euro), si trat­te­reb­be di cir­ca 100 milio­ni di euro di costi aggiun­ti­vi. D’altra par­te, il minor nume­ro di con­ge­di geni­to­ria­li e di bonus baby-sit­ter usu­frui­ti se le scuo­le non chiu­des­se­ro per qua­si tut­to il mese di set­tem­bre, per­met­te­reb­be di affron­ta­re que­sta scel­ta sen­za gran­di pate­mi d’animo cir­ca la spe­sa pub­bli­ca. La nostra pro­po­sta nasce dall’urgenza di tor­na­re a scuo­la, di rimet­ter­la al cen­tro del­la visio­ne di Pae­se. Occor­re ribal­ta­re la pro­spet­ti­va del ragio­na­men­to poli­ti­co in favo­re di scuo­la e gio­va­ni, non è più accet­ta­bi­le che sia­no temi pun­tual­men­te sacri­fi­ca­ti di fron­te a ogni tipo di esi­gen­za. Eula­lia Gril­lo e Davi­de Sera­fin Comi­ta­to Scien­ti­fi­co Possibile

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.