Le migranti stuprate in Libia e l’Ue si preoccupa dei rimpatri

Il dossier dell’Onu è stato reso noto negli stessi giorni in cui a Bruxelles, con la giustificazione di “evitare che il Mediterraneo si trasformi in un cimitero”, si è concretizzato il programma di rimpatrio dei migranti nei loro paesi direttamente dalla Libia, facendone uno degli hub africani di concentrazione, smistamento e respingimento e impedendo gli imbarchi.

È sta­to pub­bli­ca­to poche set­ti­ma­na fa un dos­sier del­le Nazio­ni Uni­te che met­te i bri­vi­di. In Ita­lia non se ne è par­la­to, purtroppo.

Secon­do le Nazio­ni Uni­te, nume­ro­se migran­ti, per evi­ta­re una qua­si cer­ta gra­vi­dan­za, si sot­to­por­reb­be­ro, per alme­no tre mesi, a inie­zio­ni di for­ti dosi di con­trac­cet­ti­vi. La noti­zia di que­sta mas­sic­cia “assun­zio­ne pre­ven­ti­va” di far­ma­ci, spes­so con pesan­ti con­se­guen­ze sul­la salu­te, come scri­ve Emi­lio Dru­di per Tem­pi Moder­ni, era fil­tra­ta anche a Roma in alcu­ne con­fi­den­ze rac­col­te da medi­ci e ope­ra­to­ri sani­ta­ri dei cen­tri di acco­glien­za del­la Cro­ce Ros­sa. Ora è arri­va­ta la con­fer­ma dall’ultimo rap­por­to Onu sul­la situa­zio­ne dei pro­fu­ghi in Libia, sul­la base di una serie di testi­mo­nian­ze di don­ne di varie nazio­na­li­tà arri­va­te dal Sudan.

Una pro­va indi­ret­ta di que­sto cal­va­rio è il gran nume­ro di gio­va­ni incin­te sbar­ca­te nell’ultimo anno in Ita­lia, vit­ti­me qua­si sem­pre di vio­len­za ad ope­ra dei traf­fi­can­ti o nei cen­tri di deten­zio­ne in cui sono fini­te dopo esse­re sta­te inter­cet­ta­te in qual­che posto di bloc­co di mili­zia­ni o del­la poli­zia libi­ca. I loro rac­con­ti rife­ri­sco­no di con­ti­nui epi­so­di di auten­ti­ca schia­vi­tù, con i car­ce­rie­ri o i traf­fi­can­ti che dispon­go­no quan­do, come e per tut­to il tem­po che voglio­no dei cor­pi del­le ragaz­ze, spes­so mol­to gio­va­ni. Le usa­no come ban­co­mat e poi come stru­men­to di pia­ce­re. Una ven­ten­ne eri­trea, ad esem­pio, ha rife­ri­to che per oltre un mese una del­le guar­die la ha pre­le­va­ta tut­te le not­ti dal capan­no­ne-pri­gio­ne dove era rin­chiu­sa con le com­pa­gne. E Anna Lob­ko­wicz, del Mal­te­ser di Ber­li­no (il ser­vi­zio di assi­sten­za inter­na­zio­na­le dell’Ordine di Mal­ta), ha rac­col­to la sto­ria di una siria­na, madre di tre bam­bi­ni di undi­ci, nove e un anno, che “è sta­ta vio­len­ta­ta quo­ti­dia­na­men­te dal traf­fi­can­te di esse­ri uma­ni davan­ti ai suoi figli, è arri­va­ta in Ger­ma­nia al nono mese di gra­vi­dan­za, ha par­to­ri­to ed ha det­to che quel bim­bo non lo vole­va tenere”.

Il dos­sier dell’Onu è sta­to reso noto negli stes­si gior­ni in cui a Bru­xel­les, con la giu­sti­fi­ca­zio­ne di “evi­ta­re che il Medi­ter­ra­neo si tra­sfor­mi in un cimi­te­ro”, si è con­cre­tiz­za­to il pro­gram­ma di rim­pa­trio dei migran­ti nei loro pae­si diret­ta­men­te dal­la Libia, facen­do­ne uno degli hub afri­ca­ni di con­cen­tra­zio­ne, smi­sta­men­to e respin­gi­men­to e impe­den­do gli imbarchi.

Ciò signi­fi­ca intrap­po­la­re i rifu­gia­ti in Libia fino a che non accet­te­ran­no “volon­ta­ria­men­te” di tor­na­re indie­tro o non saran­no espul­si, visto che l’ultima paro­la spet­te­rà comun­que alle auto­ri­tà libi­che. Solo che, appun­to, la Libia è il “luo­go dell’orrore”. Lo denun­cia­no ormai da anni i rap­por­ti di orga­niz­za­zio­ni come Amne­sty, Human Right Watch, Medi­ci Sen­za Fron­tie­re, Habe­shia. Si aggiun­ge ora anche il report del­le Nazio­ni Uni­te, pub­bli­ca­to dal quo­ti­dia­no Libya Herald, che par­la di rapi­men­ti, vio­len­ze, ridu­zio­ne in schia­vi­tù, torture.

“La situa­zio­ne dei migran­ti in Libia fa emer­ge­re una cri­si dei dirit­ti uma­ni. Il col­las­so del siste­ma di giu­sti­zia ha pro­vo­ca­to uno sta­to di impu­ni­tà nel qua­le grup­pi arma­ti, ban­de cri­mi­na­li, con­trab­ban­die­ri e traf­fi­can­ti con­trol­la­no il flus­so dei migran­ti attra­ver­so il pae­se”, si leg­ge nel dos­sier. Con la com­pli­ci­tà, si aggiun­ge, di fun­zio­na­ri gover­na­ti­vi: “La mis­sio­ne Onu in Libia (Unsmil) ha rice­vu­to infor­ma­zio­ni atten­di­bi­li che alcu­ni espo­nen­ti di isti­tu­zio­ni sta­ta­li e alcu­ni fun­zio­na­ri loca­li han­no par­te­ci­pa­to al siste­ma di con­trab­ban­do e traf­fi­co”. E anco­ra: “La com­pra­ven­di­ta di migran­ti è una pra­ti­ca abi­tua­le. Deten­zio­ne, sfrut­ta­men­to, lavo­ro for­za­to per poter­si paga­re il viag­gio. E sono le don­ne a paga­re il prez­zo più alto”.

Tut­to que­sto men­tre l’Unio­ne Euro­pea pare igno­ra­re volu­ta­men­te la real­tà e avvia respin­gi­men­ti, strin­ge accor­di con Pae­si dove regna­no dit­ta­tu­re san­gui­na­rie, che peral­tro finan­zia, rico­strui­sce i CIE (Ita­lia docet). Que­sta Euro­pa, sor­ta dopo le mostruo­si­tà del nazi­smo e del fasci­smo, pare tra­di­re se stes­sa e gesti­re, anco­ra una vol­ta, don­ne e uomi­ni con la cru­del­tà che ha sem­pre carat­te­riz­za­to l’in­dif­fe­ren­za degli igna­vi. Altro che patria del dirit­to.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.